Consigli Fantacalcio, Hellas Verona: qual è l’appetibilità di Borini?

L’esterno, in uscita dal Milan, sembra potersi ben adattare agli schemi di Juric.

di Redazione Fantamagazine
Verona, infortunio Borini: i nuovi tempi di recupero

A cura di Marco Grassi

Fabio Borini, classe 1991, ha collezionato in questa stagione soltanto 2 presenze con il Milan. Troppo poco per un calciatore che, alla soglia dei 29 anni, è ancora fisicamente integro e convinto di avere qualcosa da dare. Per questo, già durante la prima settimana di calciomercato, gli agenti dell’esterno offensivo si sono mobilitati alla ricerca di una soluzione idonea alle richieste del loro assistito, ragazzo volenteroso e alla ricerca di un ambiente in cui sentirsi nuovamente importante e considerato.

Ad aggiudicarsi le prestazioni dell’attaccante di origine emiliana, è stato l’Hellas Verona a sbaragliare la concorrenza di Genoa, Sampdoria, Fiorentina e Spal. Come confermato dai suoi procuratori, Borini si è svincolato consensualmente dal Milan, accettando l’offerta scaligera.

BORINI-VERONA, LA SCELTA MIGLIORE

L’ormai ex numero 11 dei rossoneri quindi, saluta Milano lasciandosi alle spalle le ultime tre stagioni con 75 presenze, 8 gol segnati e la sensazione di non riuscire a sentirsi propriamente protagonista da ormai troppo tempo.

Il gioco offensivo di Juric sembra perfetto per sposare le caratteristiche dell’ala ex-Liverpool. Nel 3-4-2-1 proposto da Amrabat e compagni infatti, Borini potrebbe trovare collocazione sulla trequarti (in appoggio all’unica punta) o rivestendo all’occorrenza (magari in caso di emergenze) anche il ruolo di atipico terminale offensivo.

Del resto, parliamo di un calciatore “universale” che fa dalla grinta e del temperamento la propria forza. Non a caso, “Ringhio” Gattuso nel suo Milan, in un’unica occasione, lo schierò addirittura come terzino (esperimento mai più riproposto).

BORINI, SUBITO TITOLARE NELL’HELLAS?

Borini ha espresso dal principio il suo gradimento per la destinazione veronese, pronto ad aprire un nuovo capitolo della sua esperienza in Italia: un calciatore del quale Juric potrebbe innamorarsi, in quanto l’attaccante interpreta il gioco proprio con lo stesso agonismo proposto dal croato nei suoi vecchi trascorsi in campo.

Già dopo qualche allenamento, si potrà capire meglio se scoccherà la giusta scintilla tra tecnico e calciatore. Vederlo in campo contro il Genoa nella sfida di domenica appare difficile, ma staremo a vedere se già nelle prossime settimane, nonostante la serrata concorrenza di Zaccagni, Verre e Pessina, potremo ammirare nuovamente sul rettangolo verde il veloce esterno che tanto ben figurò con le maglie di Roma e Sunderland.

BORINI AL FANTACALCIO

Il Verona appare solido e forte dei 22 punti finora messi in cascina. La salvezza sembra ad oggi tutt’altro che utopica. E Borini, grazie alle proprie caratteristiche, potrebbe tranquillamente inserirsi nel gioco muscolare e veloce finora proposto dai gialloblù, regalando qualcosa in più in fase offensiva. L’ampia serie di circostanze congruenti lo collocano di diritto tra i profili su cui poter scommettere in questo freddo gennaio in sede d’asta.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy