Consigli Fantacalcio, Brescia: numeri da horror per i fantallenatori

La squadra di Corini segna poco, subisce tante reti, tiene poco il pallone: ora è difficile puntare sulle Rondinelle.

di Mauro Maccioni

L’addio di Corini e l’arrivo di Grosso sembrava una pazzia, con i giocatori – vedasi Balotelli – che non riuscivano proprio ad accettare questo cambio. Pronti, via: 3 partite, 3 sconfitte. E allora di nuovo dentro Corini che, dopo la cavalcata della scorsa stagione che ha portato alla promozione del Brescia, ha iniziato a incarnare tutti i desideri di salvezza dei tifosi bresciani. Ma le speranze non sempre si avverano: Corini, da quando è tornato a sedere sulla panchina blu, ha racimolato 2 vittorie e un pareggio in 6 giornate, vincendo le prime due e poi finendo in una spirale di brutti risultati e prestazione che ben non fanno sperare. L’exploit arriva domenica 12, con la sconfitta per 5-1 contro la Sampdoria: al Fantacalcio, cosa fare?

BRESCIA, NUMERI DA HORROR

Per rappresentare la realtà non esiste niente di meglio dei numeri e dei dati puramente statistici, quindi eccone qualcuno in grado di realizzare un disegno preciso del momento bresciano. Partiamo dalla difesa: chi ha puntato sul povero Joronen sta subendo solo delusioni. La retroguardia delle Rondinelle non è, per usare un eufemismo, una roccaforte inespugnabile. Sono 36 le reti subite fino a questo punto, 31 delle quali in area di rigore – e ciò sottolinea i gravi problemi in difesa –, catapultando il Brescia al penultimo posto (dopo di lei solo il Genoa con 32 reti subite nella propria area) di questa terrificante classifica.

Inoltre, la metà di queste sono arrivate nell’ultima mezzora di gioco, ribaltando diametralmente la tendenza nella serie di cadetta del Brescia di ribaltare i risultati verso la fine della partita. Il problema persiste anche sui calci d’angolo o sviluppi di essi, dove le Rondinelle hanno subito addirittura 8 gol.

Accantonato il reparto difensivo, scorriamo il campo in avanti fino ad arrivare al centrocampo e, in particolare, all’attacco, anche se le due cose appaiono inscindibilmente legate. Di nuovo numeri: il Brescia, secondo la Lega Serie A, è la squadra con il possesso palla medio minore in assoluto19’40’’ a gara -, nonché quella che lo fa di meno nella metà campo avversaria – 7’43’’ a gara -. Quando lo fa, poi, lo fa male, dato che la squadra di Corini ha la più bassa percentuale di passaggi riusciti in Serie A, ferma al 74%. Il possesso, poco e sterile, non può beneficiare gli attaccanti, che si ritrovano isolati e poco serviti.

E da qui deriva l’ultimo dato: le Rondinelle hanno tirato solo 145 volte in porta, piazzandosi all’ultimo posto in classifica. Fantacalcisticamente parlando, la situazione è tragica. Il Brescia sa di non poter continuare così e la linea adottata è quella della fiducia a Corini, che ha parlato con Cellino per avere dei rinforzi di esperienza in grado di trascinare le giovani Rondini fino alla salvezza tanto auspicata. Intanto, però, la realtà è questa: se volete puntare sui giocatori del Brescia, fateli a vostro rischio e pericolo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy