Consigli Fantacalcio 7a giornata – Gli Sconsigliati Fantamagazine

State lontani da questi giocatori e non schierateli per nessun motivo nella quinta giornata del Fantacalcio.

di Stefano Martelli, @Ste1983NO

Mancano poche ore all’inizio della settima giornata della stagione 2020/21 di Serie A e, con essa, arrivano anche anche i nostri consigli fantacalcio. La redazione di Fantamagazine, infatti, per ogni turno di campionato vi proporrà i consigliati, le possibili sorprese ed uno speciale per analizzare tutti gli sconsigliati delle schede partita targate Gruppo Esperti (che potete trovare QUI).

CONSIGLI FANTACALCIO 7a GIORNATA – GLI SCONSIGLIATI

In questo appuntamento scopriremo insieme quali giocatori possono essere sconsigliati per la 7a giornata di Serie A. Vi ricordiamo inoltre che potete seguire i nostri consigli nel modo che più preferite, sulla pagina Facebook di Fantamagazine o sulla nostra pagina Instagram.

SASSUOLO – UDINESE

TRAORÈ: Sul giocatore ivoriano va fatta una considerazione importante. Ora, mi rendo conto che chi lo ha preso, non aspettava momento migliore per schierarlo, soprattutto perché si potrà sapere in anticipo se sarà titolare, e poi in una gara casalinga per niente proibitiva, è una scommessa che va fatta, e su questo punto posso concordare; ma noi non possiamo notare come il giocatore non c’è, non rende, sicuramente molto meglio a Napoli, ma siamo troppo distanti dal poterlo considerare appetibile al fantacalcio. È probabilmente il giocatore meno affidabile degli undici titolari, e per questo è sconsigliato, ma al tempo stesso non mi sento di condannare qualcuno che vorrà dargli questa chance, le condizioni ci sono per fare bene, e lui che al momento non è ancora pervenuto.

NUYTINCK & LARSEN: dando per scontati in questa sezione i soliti nomi di Becao, De Maio, Arslan e simili, vogliamo porre l’attenzione su due nomi di spicco della squadra bianconera. Nuytinck è tornato tra i convocati nell’ultimo turno, e Gotti potrebbe gettarlo nella mischia per cercare di salvare il salvabile. Di fatto, però, manca in campo da diverso tempo, quindi, con una condizione ancora da recuperare, potrebbe soffrire non poco la vivacità dei giocatori offensivi neroverdi. Non è un vero e proprio sconsigliato a priori, che viene da un momento buio o perché se la vedrà con Maradona; è quasi un monito a considerare l’insufficienza più probabile del 6. Larsen, invece, potrebbe avere sul suo lato un giocatore estremamente complesso da contenere come Boga. Evitateli per questo turno e speriamo di rivederli al 100% dopo la sosta.

CAGLIARI – SAMPDORIA

MARIN – ROG: Non è un mistero: il punto debole del Cagliari è la difesa. Tuttavia, non abbiamo messo i difensori qui: questo non significa assolutamente che siano schierabili senza pensarci. Però andiamo per esclusione. Cragno prende tanti gol, è vero, ma compensa con i voti dato che subisce tantissimi tiri: il vero problema dei rossoblu è che concedono troppe occasioni, di fatto. I centrali possono fare buone partite anche quando subiamo, magari l’errore individuale di uno dei due può capitare (ed è per questo che bisogna pensarci prima di schierarli), tuttavia in generale non sono malissimo. Zappa male dietro, ma in fase di spinta è difficile da fermare, e ha già portato due assist. Lykogiannis è il più sconsigliato dietro, ma anche lui ultimamente non sta demeritando. I più sconsigliabili, paradossalmente, restano i due mediani: d’accordo, Marin sta migliorando dopo le prime brutte prestazioni e Rog non fa male di per se. Tuttavia, hanno poche chances di bonus, Rog ogni tanto tenta il tiro ma molto difficilmente è pericoloso, Marin deve sperare che qualcuno butti dentro i suoi piazzati, dato che il problema del Cagliari è la fase difensiva in generale, oltre che i difensori, anche loro due rischiano di essere penalizzati nei voti in caso di tanti gol subiti, ancor più in caso di prestazione senza acuti in fase offensiva. Tutto questo per dire, però: se volete schierateli, magari una sufficienza ve la portano. Sono qui semplicemente perché sono i peggiori come rapporto tra rischi/benefici che portano, e posizione in cui sono listati.

AUGELLO: Cari fantapossessori, non vi spaventate!La favola del buon Tommaso procede a gonfie vele. Anche nel Derby non si è lasciato intimorire e ha messo in mostra le sue qualità. Tuttavia stavolta si troverà di fronte la furia atletica di Nandez e crediamo che dovrà sudare le classiche sette camicie per cercare di contenerne il dinamismo. Pertanto vi consigliamo di concedergli un turno di riposo, in attesa di situazioni meno complicate.

BENEVENTO – SPEZIA

SCHIATTARELLA: Sta diventando un abitudinario di questa sezione e ci dispiace perché Pasquale in campo mette sempre cuore e grinta. Ma al fantacalcio questo non basta.

TERZI: Non è propriamente sconsigliato in toto ma, era già da un po’ di partite che il nostro capitano accusava stanchezza e di fatto contro la Juve è stato ancora una volta uno dei peggiori, inoltre la possibilità di una staffetta con un Ismajli, ancora non prontissimo per giocare tutta la partita inoltre, potrebbe esserci proprio per farlo rifiatare un po’.

PARMA – FIORENTINA

LAURINI: Ha recuperato in extremis dall’infortunio che lo aveva tenuto da fuori nelle ultime settimane. Difficile possa subito partire dall’inizio anche se qualche possibilità esiste. Oltre a non essere ancora al meglio, rimane un giocatore con poco appeal al fantacalcio, lasciate perdere.

DIFESA VIOLA: Da reparto top a reparto flop è stato un attimo, complice l’infortunio di Pezzella (difficile il suo recupero in extremis), la scarsa forma di Caceres e l’arrivo tardivo di un sostituto (Quarta) che resta comunque tutto da valutare. L’unico schierabile rimane Milenkovic ma solo perché sui piazzati sarà colui che andrà a saltare di testa ed ha già dimostrato di saperci fare in zona bonus.
Di conseguenza, nonostante un buon voto sia molto alla portata in ottica mod, non è consigliabile nemmeno Dragowski, un paio di gol sono da mettere in conto.

LAZIO – JUVENTUS

FARES: Non ci ricordiamo né un cross né un dribbling riuscito da quando è entrato nel primo tempo contro l’Inter, era il 4 ottobre. È parso inizialmente fuori forma e sbagliava anche i singoli appoggi, poi la forma fisica è migliorata ma le prestazioni sono rimaste le stesse. Si limita troppo spesso al compitino in fase offensiva, anche con troppa superficialità, tant’è che continua sistematicamente a sbagliare passaggi facili. La fase difensiva, poi, non è mai stata il suo forte sicché spesso sbaglia il posizionamento o si fa saltare troppo facilmente. Insomma non sarebbe da mettere in una normale partita, pensate contro Chiesa e Cuadrado.

LAZZARI: Discorso alla Luis Alberto ma al contrario. Capiamo che il buon Manuel listato difensore possa avere tanto appeal, ma rischiare una sostituzione per un difensore e in una partita tutt’altro che semplice è una mossa alquanto rischiosa e c’è un altissima probabilità che non porti i risultati sperati

BERNARDESCHI: Il fallo che ha portato a causare il rigore contro il Barcellona in Champions League non lo commettono neanche i ragazzini che giocano le partitelle tra amici all’oratorio di quartiere, figuriamoci un giocatore di Serie A con esperienza in Nazionale e internazionale. La forma è pessima, i risultati sono pessimi, per lui al momento il pessimismo è il profumo della vita al calcio e al fantacalcio.

GENOA – ROMA

BIRASCHI – BANI – GOLDANIGA: la difesa in toto, che ha perso riferimenti e certezze nello sbando contro il Torino. Goldaniga veniva da buone prestazioni ma ha regalato un gol, Bani è apparso incerto, Biraschi nel derby è stato insufficiente ed è apparso palesemente fuori condizione. Si salvano solo Criscito, perché può sempre battere qualche rigore, e Zapata, che fino ad ora, a onore del vero, ha sbagliato poco o niente. Contro i tre attaccanti della Roma, però, non sarà facile per nessuno.

NESSUNO DEI GIALLOROSSI: La Roma in questo momento gioca bene, macina gioco e risultati. Lasciare fuori qualcuno è molto difficile. Non sarà una passeggiata a Genoa, ma ci sono tutti i presupposti per una vittoria.

ATALANTA – INTER

LA DIFESA DELLA DEA: Non ci sono sconsigliati particolari, però anche come sottolineato dal mister dietro si balla troppo, non c’è un capro espiatorio quindi noi vi teniamo allerta su tutto il pacchetto. Anche perché l’Inter è un po’ nella nostra situazione: bene davanti ma meno dietro. Tenete ben d’occhio le alternative per questa giornata visto che oltre al periodo non facile della nostra retroguardia, la partita sarà ostica ma non è una follia mettere qualcuno di quella zona.

KOLAROV: Non ci siamo proprio ragazzi, non ci siamo. Sarà pure bravo ad impostare l’azione, ma fa una fatica tremenda a difendere. L’Atalanta è una squadra che attacca molto e con molti uomini, quindi ci aspettiamo di vederlo in netta difficoltà, evitatelo come la peste.

TORINO – CROTONE

NKOULOUGOJAK: Entrambi qui per un discorso di base simile ma con motivazioni differenti. Innanzitutto diciamo loro due che possono essere i più ingannevoli, ma in generale un modo per dissuadere dal pensare: “la gara in casa col Crotone è la più facile della stagione allora tutti dentro”. Entrambi ad oggi non garantiscono il voto e non offrono prestazioni tali da giustificare un rischio sv. A Gojak serve ancora un pochino di tempo per entrare a pieno nei meccanismi di squadra, Nkoulou invece deve cambiare completamente mentalità rispetto alle ultime uscite. Fino a nuovi segnali dai due, meglio lasciarli fuori, anche in casa con il Crotone.

LA DIFESA DEI CALABRESI: 2 goal con l’Atalanta, ma potevano essere i soliti quattro a cui ormai siamo abituati. Il secondo goal subito poi è il manifesto programmatico del gioco di Stroppa. Lasciate perdere, anche perché il Gallo con noi è peggio di una sentenza. Vi ricordate la partita che ho citato nelle possibili sorprese? Non c’è bisogno che vi dica chi fece tripletta. Due goal sono sicuri, si spera non di più.

BOLOGNA – NAPOLI

DANILO: Inizio da horror per il totem brasiliano che sembra il lontano parente del difensore dal 6,5 facile che tutti conoscevamo. Solo una sufficienza nelle prime 6 giornate e qualche errore di troppo ne hanno minato il rendimento. L’avversario è complicato e al momento è uno dei peggiori della linea difensiva, potete dargli un turno di riposo in attesa di prestazioni convincenti.

SKORUPSKI: Ogni giornata che passa aumentano le partite consecutive con gol al passivo (39 ad oggi !!!), ed è inevitabile che a pagarne le conseguenze sia soprattutto l’estremo difensore. La porta inviolata è ormai un miraggio (sperando prima o poi di sfatare quella che sembra una maledizione) ma il portierone polacco non garantisce neanche il buon voto utile per il modificatore difesa. Statene alla larga, soprattutto contro l’attacco partenopeo che potenzialmente può segnare il qualsiasi situazione

HYSAJ ED I TERZINI PARTENOPERI IN GENERALE: Il Napoli soffre e sta soffrendo sugli esterni, in più gli stessi terzini in fase offensiva latitano terribilmente nella loro mediocrità. Forse solo Di Lorenzo si salva, ma comunque finora è autore di una stagione davvero sottotono.

MILAN – VERONA

BENNACER: Tanto utile calcisticamente quanto inutile al Fantacalcio. Se avete bisogno del suo voto è da schierare, ma senza aspettarsi particolari exploit. Tanta quantità al servizio della squadra ma non manca la qualità, il giocare lontano dalla porta non gli permette però di incidere in zona bonus, esponendolo invece al rischio malus.

DIFESA SCALIGERA: Purtroppo si, l’attacco del Milan ha messo in difficoltà la maggior parte delle squadre. Non ci sono demeriti in particolare, ma la consapevolezza che i nostri possono soffrire il buon gioco del Milan. Non esclude che possono fare 45′ minuti di ottima difesa, per poi lo stesso dover cedere alla forze avversarie. Siate cauti.

Attiva Magic, il fanta-concorso con il montepremi più ricco d’Italia, vinci una Jaguar e diventa il Magic Allenatore più famoso d’Italia-

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy