Consigli Fantacalcio 2a giornata – Le possibili sorprese Fantamagazine

Saranno +3 insperati o saranno delusioni? Ecco tutte le possibili sorprese della 2a giornata di campionato

di Stefano Martelli, @Ste1983NO

Mancano poche ore all’inizio della seconda giornata della stagione 2020/21 di Serie A e, con essa, arrivano anche anche i nostri consigli fantacalcio. La redazione di Fantamagazine, infatti, per ogni turno di campionato vi proporrà gli sconsigliati, i consigliati ed uno speciale per analizzare tutti le possibili sorprese delle schede partita targate Gruppo Esperti (che potete trovare QUI).

CONSIGLI FANTACALCIO 2a GIORNATA – LE POSSIBILI SORPRESE

In questo appuntamento scopriremo insieme quali giocatori possono essere consigliati per la 2a giornata di Serie A. Vi ricordiamo inoltre che potete seguire i nostri consigli nel modo che più preferite, sulla pagina Facebook di Fantamagazine o sulla nostra pagina Instagram.

TORINO – ATALANTA

BELOTTI: Principale speranza calcistica e fantacalcistica per il Torino, vorrà sicuramente farsi carico della squadra per non cadere in una spirale negativa come quella della metà dello scorso anno, senza dimenticare il suo status di rigorista, statistica in cui ha migliorato lo score l’ultimo anno. Non è imprescindibile se avete ottime alternative, in caso contrario va schierato come sempre. Aggiungendoci che l’Atalanta è l’unica squadra a cui non ha segnato dopo averla incrociata almeno 3 volte, con ben 10 scontri e 0 reti contro la squadra della sua città natale.

BREMER: Non premiato dai pagellisti nonostante la buona prestazione all’esordio, il brasiliano viene qui inserito facendo leva sugli stessi, dato che in caso di risultato positivo quasi sicuramente vedremo i difensori in grado di arginare l’armata nerazzurra con voti interessanti.

PASALIC & FREULER: Come anticipato nelle annotazioni tattiche, la differenza in partita la farà la capacità del gioco Gasperiniano di allargare il centrocampo Granata, creando appunto spazi per gli inserimenti da dietro. Particolarmente avvantaggiati da queste dinamiche tattiche potrebbero essere proprio Pasalic e Freuler, due centrocampisti di qualità indiscussa che hanno anche mostrato, nel corso delle stagioni, di saper essere cattivi sottoporta e pronti negli inserimenti. Occhio, dunque, se avete pensato a lasciarli fuori, perché potenzialmente potrebbe essere una gara da bonus.

SAMPDORIA – BENEVENTO

AUGELLO: Il Benevento proverà sicuramente a rendersi pericoloso sugli esterni e dalla sua parte agirà un motivatissimo Caprari. Detto questo, lo abbiamo visto alle prese con avversari peggiori e pensiamo che abbia le carte in regola per non sfigurare anche in questa gara.

RAMIREZ: In attesa del mercato lui resta ad oggi l’elemento di maggior classe (insieme con Quagliarella) di questa rosa. Il Benevento sara’ probabilmente chiuso dietro e pronto a ripartire e noi pensiamo che lui possa (debba) essere il grimaldello in grado di scardinarne la difesa

MAGGIO&CAPRARI: Due grandi ex, chi di primo pelo, chi storico, ma che tornano entrambi in una piazza che tanto ha significato per loro. Maggio magari con qualche punto interrogativo in più, per l’età, ma sicuramente vorrà far bene al suo ritorno nella massima serie e il buon Caprari avrà sicuramente il dente avvelenato. Per cuori coraggiosi.

CAGLIARI – LAZIO

ZAPPA E SOTTIL: C’è molta curiosità intorno ai due nuovi arrivi, e i pochi minuti giocati la scorsa domenica non fanno che aumentarla, dato che hanno mostrato qualcosina d’interessante. Nel caso dovessero avere più spazio in questa giornata, scopriremo com’è davvero il loro impatto a Cagliari.

LAZZARI: Lazzari quest’anno sarà un po’ un abitue’ di questa sezione. Listato difensore è sempre e molto appetibile e difficile da lasciare fuori. Le squadre di DiFra, e il Cagliari non fa eccezione, attaccano molto bene sulle fasce, ma il buon Lazzari ha tranquillamente la possibilità di assorbire il campo e passare subito al contrattacco. Nel precampionato ha mostrato di essere entrato subito in forma, listato difensore, a nostro modo di vedere, è da mettere e sia mai che non ci scappi l’assist, vista la sua ottima forma. Da centrocampista perde un po’ di appeal, ma anche come quarto slot potrebbe essere interessante trovargli uno spazio.

CORREA: Il più in forma della compagine bianco-celeste insieme a Luis Alberto durante il pre-campionato. Ormai ci ha abituato a partenze lampo, dove segna e fornisci assist con regolarità e quest’anno non sembra essere diverso. Le qualità tecniche del Tucu sono a tutti evidenti e quando è in forma può rivelarsi davvero devastante. In una partita così aperta, con due squadre che non disdegnano affatto il gioco offensivo, Correa troverà spazio e i suoi dribbling saranno fondamentali per creare superiorità numerica e per mandare in porta Ciro. Con i top laziali non al 100% potrebbero passare dai suoi piedi ancora più palloni e chissà che non ci scappi un golletto dei suoi.

INTER – FIORENTINA

ERIKSEN: Il sentore è che la “Questione Eriksen” non sia neanche lontanamente conclusa, ma è assai probabile che parta nei titolari. Il mister sembra intenzionato a inserirlo a tutti i costi nella squadra e lui si sta impegnando al massimo. Che sia giunto il momento in cui Eriksen si conquista la fiducia di tecnico e tifoseria?

KOLAROV: Complice la squalifica di De Vrij, potremo assistere all’esordio del nuovo acquisto difensivo dei nerazzurri. Il giocatore ormai lo conosciamo bene, ma bisognerà vedere come si calerà nei nuovi dettami tecnici del mister. Le sue doti balistiche non le abbiamo certo dimenticate e ogni occasione buona, per lui, può essere quella giusta per timbrare il cartellino. Noi lo rischieremmo e voi?

PERISIC: “Ancora tu… ma non dovevamo vederci più?” e invece eccoci qua. Sembra che Ivan il terribile, vuoi per esigenze di mercato, vuoi per esigenze tecniche, avrà la sua chance nella seconda Inter di Antonio Conte. Come andrà a finire? Certo non ce lo dirà una sola partita, ma diciamo che potrebbe essere il primo indizio. Se lo avete, rischiarlo potrebbe sorprendervi.

KOUAMÉ: Luci e ombre contro il Torino per il nostro Christian, che dopo aver sprecato una grande occasione ed aver quasi provocato un autogol avversario, si vede negata la gioia del gol da un miracolo di Sirigu e se ne vede poi annullare un altro per fuorigioco. Rimandata dunque la prima rete stagionale, all’ivoriano verrà probabilmente concessa la possibilità di partire nuovamente dal primo minuto. Questa volta l’avversario è di ben altro livello, tuttavia la predisposizione di Kouamé al contropiede e le assenze rilevanti nella difesa nerazzurra (che dovrebbe essere composta da Kolarov-Bastoni-D’Ambrosio), lo fanno rientrare di diritto tra le Possibili Sorprese di giornata.

SPEZIA – SASSUOLO

BARTOLOMEI: Il nostro Hernanes dei poveri è pronto a prendere per mano immediatamente la sua squadra come ha sempre fatto in tutti questi anni anche e soprattutto in questa nuova avventura. Siamo convinti che ci delizierà come sempre, con le sue giocate sopraffine e intelligenti, occhio ai piazzati che, a parte i rigori, sono tutta roba sua ovviamente. Possiamo considerarlo come quarto di centrocampo per chi giocherà in leghe a 10 soprattutto, in mancanza di alternative più allettanti, il buon Bartolomei può essere la vostra sicurezza.

HARASLIN: giocatore frizzante e molto attivo, si presenta anche un paio di volte in zona goal, ma quando c’è da concludere si capisce perché in carriera ha segnato appena 13 goal in 121 partite, nonostante la posizione offensiva. In ogni modo, gioca discretamente e almeno un’occasione a partita di solito ce l’ha. Non ci sono notizie su Boga, quindi a sinistra dovrebbe ancora esserci lui.

TOLJAN e MULDUR: è vero che non è facile capire chi giocherà dei due, ma è probabile il voto per entrambi. In ogni modo, la sintonia con Berardi è buona per entrambi e le loro sovrapposizioni potrebbero creare grattacapi alla difesa avversaria. Con Toljan si punta di più ad un voto discreto e un bonus leggero, mentre con Muldur si spera nel +3, ma con un maggiore rischio di voto sotto alla sufficienza. Sappiate che dovete essere coperti in panchina; dopodiché a voi la scelta.

VERONA – UDINESE

BARAK: Vabbè direte che essendo un EX è in automatico lui il giocatore da suggerire. Ma noi andiamo al di là di questo, il motivo è che dei trequartisti è quello che per ora è al 100% e che effettivamente può dare di più rispetto gli altri. Il trequartista sappiamo che ha un ruolo importantissimo nella tattica di Juric e pensiamo che sia lui quello che può dare di più in questa giornata.

MUSSO: Non ci aspettiamo una porta inviolata, il Verona attacca in massa e pure contro la Roma, pali permettendo, sarebbe finita con qualche gol fatto. Riteniamo sia una partita di leggera sofferenza che però può esaltarlo con i suoi interventi prodigiosi (ed in ottica mod può diventare un fattore).

LASAGNA: Il capitano sarà l’ultimo ad arrendersi. Il Verona è rimaneggiato dietro e la propensione offensiva degli esterni potrebbe lasciare qualche spazio aperto per fargli liberare la sua velocità. Partita da 5 o da 10, insomma, da Lasagna.

NAPOLI – GENOA

DI LORENZO: Primo turno da sufficienza per il terzino destro, che comunque ha provato a farsi vedere quando possibile pur essendo un po’ frenato dalla scarsa propensione di Lozano a difendere e a dialogare con l’accorrente sulla fascia. Stavolta gli spazi per lui in avanti potrebbero però essere più interessanti e se ci fosse un ariete come Osimhen da Gattuso potrebbero arrivare richieste di cercare maggiormente il cross. Ci sembra quindi un buon nome quindi per le vostre difese in questa giornata.

LOZANO: Molto bene a Parma, dove è stato sicuramente tra i migliori in campo, il messicano conferma di vivere un buon periodo. Ciò che sicuramente ha fatto piacere è stato il maggiore coinvolgimento che Hirving ha avuto da parte dei compagni, che hanno provato a sfruttarne la velocità per variare un po’ il solito copione “palla a Insigne e poi vediamo”. Stavolta potrebbe anche partire in svantaggio nella staffetta con Politano, ma il ferro è da battere finché è caldo. Anche dalla panchina potrebbe far male con i suoi strappi ad un Genoa che potrebbe concedere qualcosa lì sulla catena di sinistra tra Criscito e il neo arrivato Pellegrini. Listato attaccante non è sicuramente un nome che ingolosisce troppo, data la scarsa propensione al bonus pesante. Ma in mancanza di 3 bomber che vedono la porta è una scommessa che si può tentare.

PETAGNA: Nome molto più rischioso per il vostro reparto offensivo quello dell’attaccante ex Spal. Con ogni probabilità non entrerà prima dei 15-20 minuti finali e questo lo espone nuovamente ad un forte rischio di terminare la partita con un “senza voto”. Lo inseriamo qui poiché anche lui si è presentato molto bene a questo avvio di campionato, lavorando molto anche sulla forma fisica. Le sue qualità sono ben diverse da quelle dei suoi competitors Mertens ed Osimhen e per Gattuso rappresenta quindi un’arma da poter utilizzare sia per tenere palla in caso di vantaggio che per provare ad aumentare il peso specifico dell’attacco in caso di gara bloccata. Per entrambi i motivi quindi la sensazione è che anche lui potrebbe avere qualche buona chance di pericolosità, un po’ come fu per Fernando Llorente nei primi mesi della scorsa stagione con Ancelotti. Ma dev’essere comunque chiaro che Petagna può rappresentare non più di una terza scelta, da schierare solamente in caso di alternative poco valide e soltanto se ci si può permettere il lusso di sprecare un eventuale cambio.

PJACA & PANDEV: le due P al fianco di Mattia Destro dovrebbero essere gli uomini, per posizione in campo e caratteristiche tecniche, più in grado di dare fastidio alla difesa partenopea. Entrambi in gol all’esordio, entrambi potenzialmente titolari ma in grado di rendersi ugualmente pericolosi dalla panchina: un’eventuale marcatura degli ospiti è facile che passi attraverso i loro piedi.

CROTONE – MILAN

SIMY: Discorso diverso per il buon Simy: la condizione fisica è ancora da rivedere e ci può anche stare data la stazza del nostro puntero. C’è da dire però che in quelle poche occasioni che ha avuto ha quasi rischiato di fare gol, episodio che avrebbe riaperto il match contro il Genoa. Prima una palla tirata addosso ad un non perfetto Perin, e poi un palo molto, molto sfortunato. Segno che Simy c’è e può solo migliorare. Al contrario di Messias, se la palla non entra è un 5 secco in pagella per il nigeriano, percui ponderate bene le vostre scelte.

CALABRIA: Dopo l’ottimo esordio contro lo Shamrock, la conferma in campionato. Assist a Ibra in avvio, Palacio-Barrow-Dijks annullati fino ad arrivare al disimpegno di tacco nel finale. Un altro giocatore, completamente rispetto alle scorse stagioni.Il terzino bresciano ha ritrovato spinta,ordine tattico e condizione fisica.

REBIC: Il mister gli ha dato fiducia e lui ha sfruttato le occasioni dimostrando di avere le qualità per giocare in questa squadra. Con l’assenza di Ibra il croato giocherà in una posizione più avanzata quindi può far male alla difesa del Crotone e speriamo che arrivi il suo primo gol.

ROMA – JUVENTUS

PEDRO: Schierato a sorpresa titolare contro il Verona, ha già fatto vedere sprazzi della sua classe. Chiaro che giocare in un modulo senza centravanti è molto complicato, soprattutto in una squadra monca come la Roma. Con Dzeko potrebbe andare meglio e potrebbe beneficiarne anche lui.

MCKENNIE: Il mastino americano ha convinto Pirlo e tutti i supporters bianconeri. Corsa,garra e piedi non male per un giocatore che con il lavoro sta scalando posizioni. Rispetto a Bentancur è in una forma nettamente migliore e già domenica si è visto come non disdegna le incursioni e la pericolosità sotto porta.

KULUSEVSKI: La personalità non gli manca di certo, ci mette 12 minuti per siglare il suo primo, bellissimo,gol con la sua nuova maglia bianconera. La partita potrebbe avere risvolti molto dolci per i suoi fantapossessori.

BOLOGNA – PARMA

TOMIYASU: Nonostante la sconfitta e il duello perso con Ibrahimovic, il giapponese è risultato essere uno dei migliori nella debacle di lunedi scorso. Anche al centro della difesa è sembrato essere a suo agio, e ci aspettiamo possa ripetersi contro un attacco sulla carta inferiore come quello del Parma. Scommessa per il modificatore da non farsi scappare.

KARAMOH: Potrebbe avere già l’occasione di partire dall’inizio a causa delle non ottimali condizioni di Gervinho e del ballottaggio con Cornelius che pende a suo favore. Il francese ha avuto un buon impatto da subentrante sulla gara contro il Napoli dimostrando di avere voglia di riscattarsi dopo un’annata difficile e sfortunata. Scommessa da andarci con i piedi di piombo visto le delusioni che il ragazzo purtroppo chi ha dato fin qui, ma se vi piace rischiare (comprendovi con un voto dalla panchina) allora Karamoh potrebbe essere al caso vostro in questa gara

Attiva Magic, il fanta-concorso con il montepremi più ricco d’Italia, vinci una Jaguar e diventa il Magic Allenatore più famoso d’Italia

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy