Consigli Fantacalcio 27a giornata – Le Possibili Sorprese Fantamagazine

Saranno +3 insperati o delusioni? Ecco tutte le possibili sorprese della 27a giornata di campionato.

di Stefano Martelli, @Ste1983NO

Mancano poche ore all’inizio della ventisettesima giornata della stagione 2020/21 di Serie A e, con essa, arrivano anche anche i nostri consigli fantacalcio. La redazione di Fantamagazine, infatti, per ogni turno di campionato vi proporrà gli sconsigliati, i consigliati ed uno speciale per analizzare tutti le possibili sorprese delle schede partita targate Gruppo Esperti (che potete trovare QUI).

CONSIGLI FANTACALCIO 27a GIORNATA – LE POSSIBILI SORPRESE

In questo appuntamento scopriremo insieme quali giocatori possono essere possibili sorprese per la 27a giornata di Serie A. Vi ricordiamo inoltre che potete seguire i nostri consigli nel modo che più preferite, sulla pagina Facebook di Fantamagazine o sulla nostra pagina Instagram.

LAZIO – CROTONE

CAICEDO E MURIQI: Il primo più “sicuro”, il secondo più rischioso. Con un Ciro non al 100% e con una difesa chiusa le due riserve offensive potrebbero dire la loro. Muriqi è difficilmente marcabile dai difensori del Crotone e in una partita sporca con i rosso-blu arroccati in difesa ecco che potrebbe avere qualche occasione. Il Panterone è uno che ogni volta che entra in campo ha un’occasione da gol. Per questa giornata – in assenza di valide alternative – potete puntare su uno dei due, mi raccomando copritelo!

SIMY E OUNAS: Il primo con la doppietta contro il Torino, è entrato di diritto nella storia rossoblù. Miglior marcatore di sempre, e doppia cifra raggiunta. Di che stiamo parlando esattamente? Non gioca per una serie lunga di partite, poi rientra e ti piazza 3 goal in 2 partite, in cui abbina freddezza, opportunismo e qualità. Io ho finito gli aggettivi per questo ragazzo. Il secondo è devastante, al netto di qualche pausa durante le partite, ogni volta che ha la palla al piede ti fa pensare possa succedere qualcosa di pericoloso. Da mettere entrambi solo in assenza di alternative invitanti.

ATALANTA – SPEZIA

MAHELE: Dopo i vari fallimenti nella ricerca di un esterno degno della qualità e dell’intensità del gioco espresso dal Gasp, finalmente è arrivato lui, un ragazzo giovane e incredibilmente pronto a interpretare al meglio proprio quello che l’allenatore gli chiede. Dovesse continuare ad esprimere con continuità le qualità che ha mostrato finora, avrebbe di diritto in mano le chiavi del futuro della corsia di destra bergamasca. Per ora, dopo le ultime convincenti prestazioni, siamo solo in attesa di un suo gol (convalidato, questa volta). Contro lo Spezia avrà inevitabilmente molti palloni giocabili, e potrebbe essere la sua occasione: se ce l’avete, mettetelo.

NZOLA :Bisogna ancora aspettare il miglior Nzola dopo l’infortunio ragazzi, sta venendo fuori pian piano, le occasioni non mancano ad ogni partita e potrebbe timbrare da un momento all’altro. GORGONZOLA in questa partita potrebbe essere tuttavia fondamentale, la sua prestanza fisica potrebbe creare non pochi grattacapi ai centrali della Dea, come al solito se non avete grandi alternative si può pensare di schierarlo come terzo magari.

SASSUOLO – VERONA

DJURICIC: Buon per lui che ha giocato solo un tempo nella disfatta di Udine, tornerà quindi più riposato e certamente giocherà dal primo minuto. Le prestazioni è da un po’ che sono migliorate, ora è tempo di tornare al bonus. La partita sulla carta aperta può agevolarlo.

ZACCAGNI E BARAK: Usciti anzitempo contro il Milan, è stato più una questione di tattica da parte di Juric. Perchè visto che la partita si era messa in una brutta situazione, ha preferito fare riposare entrambi piuttosto che forzare la ricerca di un punto contro una squadra difficile come il Milan. Ora avranno voglia di rifarsi, saranno fondamentali in questa giornata.

BENEVENTO – FIORENTINA

CAPRARI: La sua agilità e le sue prestazioni promettono bene, manca solo il bonus per rendere felici i fantallenatori e questa potrebbe essere la partita giusta.

BONAVENTURA: Finalmente torna titolare dopo l’infortunio accusato il 19 Febbraio contro lo Spezia. Quanto è mancato Jack? Uomo migliore della squadra fino a quel momento, si è infortunato proprio quando stava raggiungendo il massimo della forma.. ma in fondo questo è un po’ il sunto della sua carriera. Non sarà certamente l’uomo più in forma della Fiorentina al momento, ma la qualità e la tecnica di Jack servono come l’aria a questa Fiorentina, che si trova in una situazione difficile e deve salvarsi. Salvezza che sarà possibile solo grazie alle giocate dei suoi uomini migliori, tra cui Jack, che con la sua imprevedibilità e classe dovrà essere in grado di fornire un supporto adeguato all’isolatissimo Vlahović. Determinante già nei venti minuti giocati contro il Parma (l’autogol di Iacoponi nasce da una sua azione), ci aspettiamo che contro il Benevento torni ad incidere, motivo per cui vi consigliamo di trovargli un posto nelle vostre fantaformazioni. IMPRESCINDIBILE.

VLAHOVIĆ: Calcisticamente parlando, non è affatto facile la vita dell’attaccante della Fiorentina: pochi riuscirebbero a segnare senza alcun tipo di supporto offensivo, o comunque quelli capaci non giocano certo alla Fiorentina, o meglio in questa Fiorentina. Pare quasi che la difesa avversaria sia una “no-fly zone” per gli attaccanti viola, visto che genericamente c’è sempre e solo Vlahović, poi il nulla. Talvolta è troppo egoista, altre volte commette errori banali, altre ancora fatica a giocare il pallone.. ma è comprensibile, trattandosi di un classe 2000 al primo anno da titolare in Serie A. Sta migliorando molto con l’uso del corpo, sta cominciando a vincere qualche duello aereo e si sbatte come poch(issim)i.. va bene tutto ma non gli si può chiedere di confezionarsi le palle-gol da solo. Questa giornata ritroverà al suo fianco Ribéry, che storicamente è stato un discreto assist-man, e alle sue spalle Bonaventura, che potrà certamente fornirgli il supporto offensivo che finora non aveva avuto. Nelle ultime due partite contro neopromosse (Crotone e Spezia) è finito nel tabellone dei marcatori.. non c’è due senza tre? FAME.

GENOA – UDINESE

STROOTMAN: a questo giro scommettiamo sulla lavatrice olandese: nel derby ha mandato in porta Zappacosta, contro la Roma ha fatto il possibile in inferiorità numerica al centro del campo. A questo giro potrebbe avere la meglio sulla linea mediana dell’Udinese, e chissà che non tiri fuori dal cilindro un bonus insperato.

LLORENTE: Il re leone è tornato. Le fortune dei propri sudditi passano anche dalle sue zampate. Tanti gli daranno fiducia visto oltretutto il match abbordabile. Il re può essere stanco, ha fatto una gara totale contro il Sassuolo. Però se non si incorona oggi e quando lo fai? Fiducia (non incondizionata).

MOLINA: Il nostro fluidificante più in forma. Due prestazioni da incorniciare con tanto di bonus. Impossibile non concedergli una chance. Allora perché non consigliarlo? Perché da sempre soffre di rendimenti altalenanti. Perché a dispetto delle apparenze, la partita non è facile. Perché un conto è sfidare Hernandez che se fai bene è 7 o se reggi l’urto è 6, un altro è sfidare Zappacosta che per la stessa prestazione danno 6.25 così come 5. Perché è doveroso dare uno sguardo alle alternative e non metterlo ad occhi chiusi.

BOLOGNA – SAMPDORIA

SKORUPSKI : Qualche sbavatura la commette sempre (vedi gol Osimhen), ma nell’ultimo periodo sono più le parate che gli errori. Buona scelta per questa giornata vista la prolificità dell’avversario. La porta inviolata è difficile, il voto da Mod è più probabile. Si può azzardare se le alternative non sono entusiasmanti e/o sono impegnate in partite difficili.

SKOV-OLSEN : Il talentino danese viene da una delle sue migliori partite da quando è a Bologna, votato MVP dai tifosi, fa ammattire Hisaj e costringe KK all’ammonizione. Se per caso lo avete in rosa si può provare, soprattutto se le alternative non sono disponibili o hanno partite difficili. Non è un goleador, ma è andato vicino al primo bonus stagionale (bel mancino a rientrare che è finito sul palo!). E’ sempre in ballottaggio e la continuità è il suo limite più grande, però l’avversario non è irresistibile e si presta alla scommessa.

GABBIADINI: Il figliol prodigo è tornato e col suo mancino educatissimo ha finalmente lasciato il segno anche in questo campionato. In settimana ha fatto differenziato ma sembra più che altro a scopo cautelativo. Magari non partirà titolare ma di sicuro tra i blucerchiati è quello che ha più da chiedere a questo campionato.

TORINO – INTER

SANABRIA: Scelta un po’ chiamata dopo il gran gol della scorsa, la verità è che nel complesso Tonny è apparso da subito volenteroso e al centro del gioco offensivo. Chiaro, in presenza di alternative un minimo appetibili va sicuramente messo da parte al momento. Per i rimanenti coraggiosi (o disperati, dipende dalla situazione della rosa) una scommessina sull’ex Genoa può avere un minimo di senso.

PERISIC: sembra davvero strano, a inizio stagione non avremmo mai immaginato un Perisic centrale per la squadra di Conte. Ultimamente però il croato si è guadagnato la fiducia del mister con prestazioni convincenti. La sua fisicità può risultare un’arma tattica da non sottovalutare, non solo sulla fascia: l’esterno sinistro infatti può essere pericoloso anche di testa

ERIKSEN: dopo Perisic inseriamo anche lui fra le possibili sorprese. Il recupero di Chris ha dato imprevedibilità alla manovra dell’Inter, anche contro l’Atalanta il suo ingresso è risultato decisivo (da un suo corner è nato il gol di Skriniar). Le sue caratteristiche sono decisive per trovare spazi nella retroguardia del Torino, che inevitabilmente – viste le assenze – giocherà una partita conservativa. I tempi sono maturi anche per centrare il bersaglio grosso

PARMA – ROMA

HERNANI e KURTIC: Le mezz’ali stanno trovando gol e bonus grazie agli inserimenti fatti senza palla e una fiducia ritrovata da parte della squadra per quanto riguarda una produzione offensiva che non è più sterile come prima. Kurtic dopo la “punizione” di D’aversa contro l’Udinese ha cambiato atteggiamento, Hernani sta stupendo sotto il profilo dei bonus anche se ogni tanto entrambi incappano in giornate insufficienti magari condite dal cartellino giallo. Insomma se volete rischiare uno slot in questo momento le mezz’ali del Parma rappresentano una possibilità

KARAMOH: Alti e bassi per il francese, che ultimamente sta alternando prestazioni convincenti magari condite da bonus ad altre dove è l’ombra di se stesso. E’ in ballottaggio ma dovrebbe partire titolare, se volete rischiare ci può stare nonostante la difficoltà della gara, ovviamente solo se non avete certezze in questa giornata

EL SHAARAWY: Lo stiamo dicendo. Più gioca, più si rende pericoloso. Il gol è arrivato in EL. Ora tocca al campionato.

CAGLIARI – JUVENTUS

NAINGGOLAN: Come sempre possibile sorpresa, dato che non si sa se e quando tirerà fuori una giocata delle sue. Stavolta però c’è il fatto di giocare contro la Juve, squadra non esattamente nelle sue simpatie, e soprattutto il fatto che finalmente una giocata delle sue s’è vista, e proprio nel momento più drammatico di Samp Cagliari. Non irrinunciabile, ma si può schierare.

RUGANI: Lui più che altro perché è un ex, perché la difesa del Cagliari sta facendo relativamente bene (a parte i due gol in pochi minuti a Genova) e perché sembra essersi ritrovato a Cagliari. Lui e Godin in generale sono rischiosi ma, se vi dice bene, possono portarvi un buon voto per il modificatore.

BERNARDESCHI : L’altro Federico sembra rigenerato in queste ultime apparizioni, presente e voglioso cerca anche la giocata. Una buona scommessa di giornata per chi lo ha ancora in rosa.

MILAN – NAPOLI

HERNANDEZ: Secondo un assioma del Fantalcalcio Theo si mette e basta, senza pensarci. Ma perchè è in questa sezione? Semplicemente per parlare un po’ di lui: una botta rimediata contro l’Udinese lo ha costretto al forfait contro il Verona, poi un problema gastrointestinale gli ha impedito di volare a Manchester: dovrebbe tornare in campo domenica sera ma sarà da valutare il suo rendimento in base alle sue condizioni. Insomma, per questo turno si porta dietro qualche incognita, anche dovuta al suo impiego da titolare. Non dimenticate, però, che lui può colpire contro chiunque e che ai partenopei ha già segnato.

OSIMHEN: Contro il Bologna il dipinto di questa stagione: gol bellissimo con uno stop a seguire di tacco da centrocampo, sverniciata in velocità ai danni dei centrali felsinei e palla in rete. Poco dopo però, a porta vuota su assist di Insigne si divora il gol del 3-0 con un tiraccio che manco in terza categoria. Con l’esplosività di cui dispone potrebbe spaccare la partita,

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy