Consigli Fantacalcio 15a giornata – Le Possibili Sorprese Fantamagazine

Saranno +3 insperati o delusioni? Ecco tutte le possibili sorprese della 15a giornata di campionato.

di Stefano Martelli, @Ste1983NO

Mancano poche ore all’inizio della quindicesima giornata della stagione 2020/21 di Serie A e, con essa, arrivano anche anche i nostri consigli fantacalcio. La redazione di Fantamagazine, infatti, per ogni turno di campionato vi proporrà gli sconsigliati, i consigliati ed uno speciale per analizzare tutti le possibili sorprese delle schede partita targate Gruppo Esperti (che potete trovare QUI).

CONSIGLI FANTACALCIO 15a GIORNATA – LE POSSIBILI SORPRESE

In questo appuntamento scopriremo insieme quali giocatori possono essere possibili sorprese per la 15a giornata di Serie A. Vi ricordiamo inoltre che potete seguire i nostri consigli nel modo che più preferite, sulla pagina Facebook di Fantamagazine o sulla nostra pagina Instagram.

INTER – CROTONE

SENSI: Lo inseriamo in questa sezione soprattutto perché in “Stefano We trust”, un auspicio per questo 2021, che possa essere un anno per lui senza i tormenti fisici. Comunque in caso di ballottaggio con altri giocatori della vostra fantarosa, valutate attentamente perché magari Stefano verrà gettato nella mischia quando la partita è già in ghiaccio. In definitiva, occhio ai dubbi che avete, occorre ponderare “case by case”

VIDAL: Speriamo che possa essere la partita di Vidal, che magari voglia iniziare il 2021 dando un segnale forte “io ci sono”. Fin qui ha sciupato delle palle gol clamorose e anche se non si inserisce con continuità avrebbe potuto tranquillamente segnare già un due/tre gol. Il Crotone è una squadra che concede, non si arrocca in difesa, per questo crediamo che Vidal possa avere possibilità di segnare.

MOLINA : Sta dimostrando di essere l’unica certezza, in un reparto falcidiato dagli infortuni. Senza di lui in mezzo saremmo persi. Gestisce il gioco con qualità, anche se tende a prendersi qualche licenza di troppo in fase di possesso. Sulla qualità delle giocate invece nulla da dire. Il lancio per il secondo goal di Messias ne è la riprova. Pensiamo sia l’unico che possa uscire con una sufficienza a centrocampo, per il Crotone.

FIORENTINA – BOLOGNA

RIBÉRY: Unico numero 7 della partita allo Juventus Stadium, Franck ha giocato una partita semplicemente sublime, mettendoci cuore e anima, realizzando uno splendido assist per il gol di Vlahović e insegnando calcio a diversi giocatori avversari. Tuttavia, non è una novità che il fuoriclasse francese tenda ad esaltarsi contro le big della Serie A. Contro il Bologna, Ribéry è chiamato a dimostrare di essere tornato definitivamente su altissimi livelli. La speranza dunque è che ci metta lo stesso impegno messo contro i bianconeri e che non prenda la partita sottogamba. Ricordiamo comunque che la sua appetibilità fantacalcistica è relativamente bassa, motivo per cui lo inseriamo tra le Possibili Sorprese e non tra i Consigliati. Infatti, si tratta di un attaccante che non cerca spesso la conclusione in porta (questa stagione ha un media di 0.89 tiri a partita), ma che comunque può portarvi un ottimo voto condito magari da un assist. Dunque, questa giornata Ribéry può essere preso in considerazione come terzo slot d’attacco se avete buone sensazioni su di lui e/o se le vostre alternative sono giocatori con altrettanta bassa propensione al bonus ma con partite più complicate sulla carta.

ORSOLINI: E’ tornato subito protagonista dopo un’assenza abbastanza lunga. Buttato in campo nell’ultima mezz’ora ha trovato quasi subito l’assist per il gol che ha riaperto la partita. E’ pienamente recuperato, partirà titolare e ha già fatto male alla Fiorentina in passato. Tutte situazioni che lo fanno un ottima scelta come terzo attaccante per il vostro attacco di giornata.

PARMA – TORINO

HERNANI: Nonostante l’evidente sterilità del gioco offensivo proposto fin qui, le mezz’ali stanno dando qualche soddisfazione in zona gol ed Hernani rispetto alla scorsa stagione sembra aver trovato la via del bonus con più facilità. E’ in ballottaggio con Brunetta ma a voto ci andrà sicuramente

OSORIO + BRUNO ALVES: Sembrano aver trovato una certa chimica come coppia centrale di difesa anche se nelle ultime due prestazioni hanno fatto male così come il resto della squadra perdendo contro Juve e Crotone. Belotti è un cliente scomodo e il Toro dovrà vincere per salvare la panchina di Giampaolo per questa ragione bisogna andarci cauti. Però se dovesse uscire una gara chiusa ed equilibrata, Bruno + Osorio hanno dimostrato di poter portare soddisfazioni in termini di voti.

IZZO: Sempre nella saga sembravano scomparsi e invece rieccoli, Armandino sembra rinato con il ritorno alla difesa a 3, con la quale nelle ultime 3 presenze ha portato un 6.5, un 6 e un 7.5+3. Come interpretare tutto ciò? Semplicemente Giampaolo non si fa problemi a lanciare giovani/giocatori che a lui sono congeniali al modulo, inoltre il feeling Izzo-difesa a 3 in fondo non è mai venuto a mancare, e pure con il mister sembra esserci stima reciproca dato l’abbraccio post gol con il Napoli. Tuttavia non possiamo ancora essere certi al 100% della sua titolarità, dato che 1 mese e mezzo fa potevamo spendere le stesse parole per N’koulou (ora invece sempre più ai margini), e inoltre non dobbiamo dimenticare la rottura abbastanza netta con la tifoseria di quest’estate. Al netto di tutto ciò, lo inseriamo qui, anche vista il diretto avversario decisamente abbordabile rispetto agli Insigne-Barrow delle ultime giornate.

VERDI: Stiamo sempre alle solite con l’ex Napoli e Bologna; alti e bassi, qualche timido segnale di miglioramento, per poi ricadere in prestazioni da dimenticare. Ciò che questo giro ci invoglia a inserirlo qui è la possibilità di vederlo nuovamente titolare molto vicino a Belotti, con la libertà di svariare tra le maglie crociate difensive, tutt’altro che impenetrabili. Oltre a ciò ci aggiungiamo la buona forma fisica che ha mostrato finalmente a Napoli, con la cui partita ha portato la seconda sufficienza fila, cosa avvenuta solamente in altre 2 occasioni quest’anno.

ROMA – SAMPDORIA

PELLEGRINI: In questa posizione sulla trequarti si trova più a suo agio e cambia totalmente spartito. Occasione da non perdere se ce l’avete.

KARSDORP: Senza Spinazzola, sarà lui il treno incaricato di servire tanti assist e cross. Viene da un bel periodo e da una grande prestazione contro il Cagliari. Schieratelo.

CANDREVA: Si respira aria di derby per il buon Antonio che pare abbia perfino fatto gli auguri di buon Natale al mister (a che punto siamo arrivati) e torna quindi abile ed arruolato. Dalla sua parte non ci sara’ Spinazzola ma un adattato Bruno Peres e quindi le possibilità per colpire ci sono tutte

ATALANTA – SASSUOLO

ZAPATA: La condizione fisica sta crescendo vistosamente, anche se con un mesetto di ritardo fisiologico dovuto alle tempistiche inedite di questa stagione particolare. Questi giorni di riposo non possono che avergli fatto bene, e la combinazione tra il suo passo e la sua fisicità potrebbero risultare devastanti contro una squadra per filosofia più votata ad attaccare che a difendere.

TRAORÈ: Dopo un lungo periodo buio, dove era stato anche accantonato dal mister, nelle ultime tre gare ha cambiato decisamente marcia, e non solo per i 2 gol segnati, ma proprio per aver fatto sentire in maniera decisa la sua presenza in campo in entrambe le fasi di gioco, aiutando molto un reparto, che a parte Berardi, era in grande affanno. Ha giocato poco, quindi è riposato ed in grande forma, se lo avete in rosa è un buon momento per schierarlo.

GENOA – LAZIO

BEHRAMI: Anche per lui l’arrivo di Ballardini ha significato riavere quella considerazione perduta con Maran, e subito buttato nella mischia ha fatto vedere che se pungolato a dovere il buon vecchio Valon riesce a dare ancora tanto alla causa rossoblu. Consideriamo quindi questo fattore e che è anche un ex della gara (anche se sono passati più di 10 anni dal periodo laziale): avrà forse qualche motivazione in più?

CAICEDO: Dovrebbe partire titolare e questo ne mina parzialmente l’appetibilità. Come in tutte le sessioni di mercato ci sono sempre voci su una sua possibile partenza e si sostiene abbia avuto qualche attrito con Inzaghi. Ogni anno è la stessa storia, smentite, possibili cessioni, ma alla fine è sempre qui. Con il Genoa vorrà dimostrare di essere ancora utile al progetto bianco-celeste e da una palla sporca potrebbe nascere un gol per far tacere le voci e lasciare parlare il campo

CAGLIARI – NAPOLI

CRAGNO: Ci sta abituando a grandi prestazioni contro le prime della classe, e il Napoli potrebbe non dilagare. Da una parte il rischio di un malus bruttino (-2 o -3) esiste ed è concreto, contando anche il fatto che non si sa se Godin giocherà o no; dall’altra però un buon voto potrebbe compensare i gol subiti, per cui si tratta di un azzardo, che però si può anche fare in caso di alternative a rischio.

ZIELINSKI: Insieme a Insigne è l’uomo alla base delle fortune offensive azzurre, giocando trequartista avrà ancora meno compiti difensivi e si potrà concentrare maggiormente dalla trequarti in su. Se in giornata può essere un fattore assoluto fantacalcistico, se giù di tono insufficienza probabile.

SPEZIA – VERONA

POBEGA: Dite la verità assomiglia un pò a Gig Robot d’Acciaio? A noi da questa sensazione.  Sgancerà la sua mina da fuori area? Il suo quadricipite è pronto ad esplodere contro gli scaligeri. Sarà difficile perforare Batman Silvestri. Pobega sarà il vostro botto di capodanno.

PICCOLI: Parte dalla panchina? Nessun problema è abituato.  Giocherà pochi minuti? Nessun problema è abituato.  Ma allora perché sorpresa? E chi vuoi che lo abbia al fantacalcio? A questo non ci abbiamo pensato, ma fatevi i fatti vostri. Lo vediamo in allenamento con quella faccia da angioletto che nasconde una forza fisica e una velocità di esecuzione da terminator. A lui basteranno pochi minuti per lasciare il segno.

BARAK: Scommessa per amanti del rischio: viene da due turni di squalifica, prima dei quali era in flessione. Noi vogliamo credere che questa pausa forzata, unita a quella canonica, sia servita per ricaricare le batterie al motorino ceco, e che inizi il nuovo anno tornando a stupire come aveva fatto durante le prime prove. Se ci credete, schieratelo

BENEVENTO – MILAN

IONITA: Ad Artur piace l’aria di Milano, contro l’Inter è andato varie volte a segno nelle passate stagioni ma adesso si trova un Milan in forma, sponda rossonera. Esperienza: parola chiave.

LAPADULA: È chiamato in causa, zero scusanti. I prossimi match saranno valutate le sue prestazioni: a secco da molte gare e MFV da rivalutare. Potrebbe esaltargli il goal dell’ex? Occhio ai rigori.

LEAO: Il portoghese, come contro la Lazio, potrebbe essere riproposto da centravanti, con Rebic dirottato sull’esterno. L’ex Lille deve ancora mettersi a suo agio in quella posizione, anche per una questione di caratteristiche che per ora ha saputo mostrare molto bene quando impiegato sulla fascia. Attaccante da prendere in considerazione per questo turno, con tutte le incognite che si porta dietro: come si comporterà contro una squadra che dovrebbe chiudersi molto in difesa? A meno di alternative più appetibili gli si può dare fiducia per questa giornata, anche perchè la sosta natalizia lo avrà aiutato a raggiungere la forma migliore

JUVENTUS – UDINESE

MORATA: Il compagno di merende del campione portoghese ha tutto per poter bucare la lenta difesa friulana. Go Alvaro go!

PUSSETTO: uno dei migliori della prima parte di stagione dei bianconeri, la sua velocità potrebbe mettere in difficoltà la non irreprensibile difesa della Juventus di questi tempi. Listato centrocampista da valutare, anche come W nel mantra. Evitabile invece come attaccante.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy