Consigli Fantacalcio 11a giornata – Le Possibili Sorprese Fantamagazine

Consigli Fantacalcio 11a giornata – Le Possibili Sorprese Fantamagazine

Porteranno bonus insperati o malus? Ecco chi può essere la sorpresa dell’undicesimo turno di campionato

di Stefano Martelli, @Ste1983NO

Undicesimo turno della stagione 2019-2020 del campionato di Serie A, e con esso giungono anche i nostri consigli. La redazione di Fantamagazine, infatti, per ogni turno di campionato vi proporrà gli sconsigliati, i consigliati ed uno speciale per analizzare tutti le possibili sorprese delle schede partita targate Gruppo Esperti (che potete trovare QUI).

CONSIGLI FANTACALCIO 11a GIORNATA – LE POSSIBILI SORPRESE

In questo appuntamento scopriremo insieme quali giocatori possono essere possibili sorprese per la 11a giornata di Serie A. Vi ricordiamo inoltre che potete seguire i nostri consigli nel modo che più preferite, sulla pagina Facebook di Fantamagazine o sulla nostra pagina Instagram.

ROMA – NAPOLI

Fonseca ha preferito dargli un po’ di riposo a Udine. Stavolta tocca a Perotti. Serve la sua esperienza. La migliore partita per Kluivert giocata da quando sta nella Capitale. Sembrava Hazard per quanto stava bene. Stavolta giocherà a destra quindi userà il suo destro per mettere palloni in mezzo. Scommessa che va ritentata, perché sta bene mentalmente.

Grandissima prestazione nell’ultimo match contro l’Atalanta, anche se non condita da un bonus che sarebbe dovuto arrivare da uno dei tanti episodi arbitrali controversi accaduti. Vero che si sacrifica, ma avere un terzino dietro più bloccato come Luperto o Mario Rui gli concede a Insigne maggiori libertà di svariare per il campo e di inventare, tanto che nelle ultime partite si sono rivisti con regolarità gli assist per Callejon marchio di fabbrica degli ultimi anni. La partita non sarà semplice, ma quasi ogni azione passerà tra i suoi piedi.

BOLOGNA – INTER

Dal punto di vista realizzativo è in linea con le aspettative, ma voti bassi e qualche cartellino di troppo stanno facendo storcere il naso a molti fantallenatori. A Santander ha concesso di battere il rigore, ma rimane Sansone il designato dagli 11 metri. Non è in uno stato di forma eccellente, ma è spesso riuscito a punire l’Inter e la squadra ha bisogno che torni a fare il Sansone. Soriano viene dal terzo rigore personale guadagnato in questo campionato e dall’assist per Palacio nella partita precedente. Fondamentale nel gioco del Bologna: sia per i movimenti che fa lontano dal pallone , sia quando lo gestisce per servire i compagni. I pagellisti non lo vedono di buon occhio e le ammonizioni sono di casa. Lui è discontinuo, noi non abbiamo la sfera di cristallo.

Biraghi potrebbe giocare dall’inizio, dando di nuovo il cambio ad Asamoah (che probabilmente sarà titolare in Germania). Un bell’assist contro questo Bologna non è impossibile. aspettiamo di sapere qualcosa di più preciso, ma in settimana è tornato a correre e potrebbe essere convocato. La “sorpresa”, quindi, sarebbe vedere Sensi finalmente di nuovo in campo. A livello fantacalcistico, l’augurio è che sabato possa giocare almeno uno spezzone di gara (non impossibile, ma neanche scontato).

TORINO – JUVENTUS

Dopo qualche partita in cui anche lui ha sbandato, con la Lazio Izzo è stato uno dei pochi a lottare fino alla fine ed a commettere poche sbavature. Sperando quindi che tiri fuori la grinta ed una buona prova da modificatore, potete continuare a schierarlo pur consci dei rischi che la partita comporta. E’ in queste partite che il capitano Belotti è chiamato a trascinare la squadra nelle difficoltà. Con la juve ha poi una discreta tradizione, e tutto sommato la retroguardia bianconera non è imperforabile, quindi 1 gol potrebbe uscirci (magari su rigore, visto le mani ballerine dei difensori avversari). Se guardiamo poi la trasferta di Roma, nonostante l’autogol, il gallo è andato anche vicino al gol colpendo una traversa da due passi. Ad ogni modo, valutate bene le alternative questa volta.

Il centrocampista gallese Ramsey, dovrebbe tornare ad occupare la posizione di trequartista nella sfida contro il Torino. In questo ruolo, come dimostrato in altre partire, ha sempre la possibilità di portare un bonus. Ergo se lo avete nelle vostre rose non potete non schierarlo.

ATALANTA – CAGLIARI

In un modulo con i soli terzini come esterni di ruolo qualche spazio davanti c’è sempre: listati difensori, poi, l’appetibilità di Hateboer e Castagne sale incredibilmente. Potete schierarli senza problemi, c’è odore di bonus

Non per forza consigliato come gli altri centrocampisti (Nainnggolan, Nandez), ma a quel livello. Castro però è più possibile sorpresa di loro, per due motivi: il primo è che potrebbe finalmente partire titolare, dopo le due panchine consecutive, anche se non ci sarà modo di saperlo fino a un’ora dal fischio d’inizio. Il secondo è che anche da panchinaro il buon voto lo porta sempre, e può comunque andare vicino al bonus.

GENOA – UDINESE

Vera sorpresa da quando è arrivato Thiago: non ci ha pensato su molto e l’ha messo titolare sin da subito, segno che aveva intravisto (e giustamente direi) delle buone qualità. Il giocatore effettivamente è molto dinamico e lo vedi ovunque: difficile Agudelo passi inosservato e non riesca a farsi voler bene dai pagellisti. Quando l’impegno c’è e non è fine a se stesso, i risultati arrivano. Da schierare per chi ce l’ha in rosa, sfruttando il magic-moment.

Prima o poi la chance da titolare, al posto di un inconsistente Lasagna, arriverà. Potete pensare a Nestorovski come superscommessa di giornata.

VERONA – BRESCIA

Nonostante la scorsa partita Rrahamni abbia lasciato qualche giocata di troppo a Gervinho, però per noi esperti la sua prestazione è stata positiva visto la difficoltà dell’avversario. Oggi potrà avere un riscatto fantacalcistico.

Finalmente si è rivisto il Dimitri Bisoli che tutti conosciamo, il giocatore che faceva da pendolino tra attacco e difesa senza stancarsi mai: lo vedi puntare e saltare l’uomo, proporsi come attaccante aggiunto, e poi un minuto dopo lo rivedi che corre a recuperar palla. Questo è il nostro Immortale, questo è il nostro Capitano: la partita sarà fondamentale,e per niente facile, ma lui ha già dimostrato con l’Inter di non temere niente e nessuno. Meno bene degli altri nell’ultima gara, ma non per questo perde di valore. Donnarumma è un finalizzatore puro, vive per il gol, e può colpire in ogni momento. Può tranquillamente rimanere inoperoso per gran parte del tempo, “svolazzando” qua e là, per poi tirar fuori il pungiglione e colpire. Se lo avete, queste sono le partite in cui dovreste metterlo.

LECCE – SASSUOLO

Poteva uscire con un clamoroso clean sheet e +1 di imbattibità e siamo sicuri che se fosse finita con la vittoria dei salentini avrebbe preso anche mezzo voto in più in pagella. Ma ci accontentiamo del 7.
Gabriel non finisce nei consigliati proprio per questo motivo, probabilmente anche domenica subirà almeno un gol da Berardi & Co ma sopperirà a questi malus con un buonissimo voto modificatore.

Dopo un avvio difficoltoso, Boga ha decisamente cambiato marcia dopo lo straordinario gol segnato all’Inter. Salta l’uomo con una facilità disarmante; e con 2 gol e un assist nelle ultime tre gare, dimostra che può anche portare dei bonus. Da attaccante è difficile consigliarlo in maniera netta; tuttavia potete prenderlo seriamente in considerazione per questa partita che si preannuncia aperta, e probabilmente con diverse occasioni da gol da ambo le parti.

FIORENTINA – PARMA

Con Vlahovic in campo la squadra trova l’appiglio per salire e attaccare in massa, dovrebbe spuntarla su Boateng per giocare dal primo minuto. Potrebbe essere la volta buona per segnare il suo primo goal in serie A.

E’ stato il più attivo nella sconfitta infrasettimanale contro l’Hellas. Gervinho sta facendo bene in generale e contro una difesa viola un po’ rimaneggiata spesso si cercherà di trovare proprio lui ad attaccare la profondità

MILAN – LAZIO

Il buon Theo Hernandez sembra essere un’ottima pedina in chiave fantacalcistica e anche contro la Lazio ci sono i presupposti affinché possa far bene o magari fare meno peggio dei suoi compagni. Il francese è listato difensore ma è un moto perpetuo sulla corsia mancina rossonera, può portare bonus in qualunque momento e la difesa a tre e mezzo con l’altro terzino più bloccato lo favorisce senza ombra di dubbio. Il duello con Lazzari si prospetta molto interessante, ne vedremo certamente delle belle. Si è sbloccato, finalmente lo spagnolo Suso si è sbloccato. Decisivo, finalmente in positivo, contro la Spal, l’ex Genoa e Liverpool è adesso chiamato a riconfermarsi. La Lazio è uno dei peggiori avversari affrontabili in questo momento della stagione ma le speranze di un buon risultato passano dai suoi piedi e dalle sue giocate. Solitamente è un calciatore che vive di fiammate e che alterna periodi di magra ad altri floridi a livello di bonus, di conseguenza sarebbe lecito aspettarsi, dopo la recente rete, che possa continuare su questa strada.

Ancora il turnover a frenare il rendimento fantacalcistico di Lazzari, che viene anche da un gol segnato in Europa League. Da lui ci si aspetta probabilmente almeno qualche assist in più, il duello con Theo Hernandez potrebbe lasciargli qualche spazio in più davanti come sfavorirlo. Sorpresa di giornata!

SPAL – SAMPDORIA

Abnegazione e sacrificio, il ragazzo Strefezza ha dichiarato di essere onorato a giocare al posto di Lazzari. Uno dei pochi elementi ad accendere la luce, un’ipotetica vittoria passerà dalle sue serpentine. Scommessa del giorno!

Va bene non prenderne 3 a partita ma di questo passo, senza segnare e creando pochissimo non c’è verso di salvarsi. Per questo mettiamo qui Rigoni e Jankto. Sono entrambi discontinui, talvolta irritanti ma sono anche tra i pochi in rosa che possiedono quella scintilla capace di far pendere l’ago della bilancia dalla nostra parte. Non possiamo fare altro che sperare che almeno uno dei due si possa finalmente accendere ed infiammare la gara La scorsa estate Ramirez era sul mercato e alla fine, vuoi per mancanza di offerte, vuoi per motivazioni personali è rimasto in rosa, nonostante Di Francesco non lo inquadrasse nel suo progetto tattico. Nel frattempo il progetto di Di Francesco è naufragato e al timone della Samp è arrivato un vecchio lupo di mare come Ranieri che ha cambiato moduli e, per quanto possibile, rimesso in discussione le vecchie gerarchie. Gastòn ha atteso pazientemente la propria chance e contro il Lecce l’ha sfruttata al meglio, acciuffando il pari allo scadere in una partita che aveva preso una piega drammatica. Ogni volta che scende in campo lotta come un leone. Corre in continuazione, pressa, entra in scivolata sui difensori avversari per tentare di recuperare palla e cerca di rendersi utile in ogni modo possibile per i compagni. Le motivazioni a quanto pare non gli mancano e l’età è dalla sua parte, anche se deve imparare a dosare le forze per non arrivare distrutto a fine partita.
Certo, da un attaccante uno si aspetterebbe soprattutto i gol, ma se continuerà con questo spirito è probabile che prima o poi arrivino anche quelli. Nella stagione 2017/18 Bonazzoli ha raccolto 12 presenze con la maglia della Spal, il che lo rende un ex della partita. Riteniamo possa essere un fattore da tenere in considerazione per questa gara.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy