Baselli, ecco perché sarà il suo anno

Baselli, ecco perché sarà il suo anno

La mezzala granata è il nome a sorpresa che può svoltarvi la stagione

di Ricky Schiavon, @rccrdschvn

Quante volte vi è successo di snobbare un giocatore perché poco conosciuto e magari italiano? Sì, lo sappiamo, i nomi esotici attirano di più, eppure solo per fermarsi all’ultimo anno, i casi di Parolo e Rigoni dovrebbero avervi insegnato che a volte il giocatore che può cambiare la stagione è proprio uno di quelli passati sotto traccia in un ruolo non propriamente offensivo come la mezzala. Ogni anno però ecco quel paio di giocatori che da onesti comprimari possono ambire ad un ruolo di protagonista assoluto nella sua squadra e nelle vostre fantarose.

Chi è Baselli

Daniele Baselli, classe ’92,  ha sempre avuto addosso l’etichetta del predestinato. Per chi segue i campionati giovanili e le serie minori è un nome molto conosciuto: dopo essere cresciuto nel prolifico settore giovanile dell’Atalanta viene mandato a farsi le ossa in provincia, a Cittadella, e sotto la guida di Foscarini si mette in luce nel campionato cadetto attirando da subito le attenzioni di numerosi club di serie A. Riscattato alle buste dall’Atalanta si pensava che il suo processo di maturazione potesse definitivamente spiccare il volo ma una concorrenza agguerrita a centrocampo e dei campionati poco tranquilli tra scandali scommesse e rischio retrocessione hanno fatto pendere le scelte della squadra bergamasca su giocatori con un profilo di più esperienza come Cigarini. Ecco che allora ne approfitta il Torino che con un blitz estivo acquista Daniele e il suo compagno di squadra Zappacosta per circa 12 milioni di euro complessivi.

Perché al Torino può esplodere definitivamente?

Il giocatore è stato richiesto da Ventura in prima persona ed il mister su di lui punta molto. Innanzitutto ha risolto l’equivoco tattico che da sempre ha circondato questo giocatore. Regista o mezzala? Giocare davanti la difesa o inserirsi tra le linee? Mezzala di inserimento, senza se e senza ma. Ventura da anni ormai non utilizza più registi puri davanti alla difesa preferendo dei mediani tutto cuore che sappiano però garantire anche un po’ d’ordine, mentre adotta uno schieramento che favorisce molto l’inserimento delle mezzali e premia la loro qualità. Con questa libertà Daniele arriva molto spesso nei pressi dell’area di rigore e ha dimostrato un ottimo feeling con il gol. Nelle amichevoli precampionato è andato in rete in 3 occasioni nelle 6 partite in cui ha giocato, a cui bisogna aggiungere la realizzazione in Coppa Italia nella gara interna contro il Pescara. Se il buongiorno si vede dal mattino…

Ma con tutti questi acquisti sarà un titolare?

Sicuramente, e vogliamo sbilanciarci dicendo che di tutti i centrocampisti granata lui è in assoluto il più titolare. Ad ora manca una vera e propria alternativa di qualità a Baselli e Ventura non può farne a meno. Ci sarebbe Farnerud che ha però subito un grave infortunio e tornerà disponibile solo nell’anno nuovo.

Quindi la titolarità è assicurata, in ottica bonus/malus invece?

Come detto precedentemente, il giocatore si inserisce molto su esplicita richiesta dell’allenatore, un po’ quello che stentava a fare El Kaddouri lo scorso anno: questo permetterà a Daniele di mettere a referto un numero di reti molto importante. Ma non è tutto: sarà Baselli ad incaricarsi della battuta dei calci d’angolo e con uno specialista dei gol da corner come Glik siamo sicuri che i +1 non saranno pochi. E se anche tutto questo non dovesse bastare, il nuovo acquisto granata si candida assieme a Quagliarella ed Avelar a battere i calci di punizione. Insomma i bonus possono arrivare in qualsiasi momento ed in più modi. Quanto ai malus, non solo lui non è mai stato avvezzo al cartellino ma gioca in una posizione che lo esula da compiti asfissianti di copertura.

Che ruolo posso dargli nella mia rosa?

Secondo il nostro punto di vista Daniele si candida ad essere una delle vere e proprio rivelazioni dell’intero campionato. Soprattutto quest’anno dove il reparto dei centrocampisti al fantacalcio offre meno soluzioni rispetto agli anni passati riuscire ad accaparrarsi questo giocatore potrebbe risultare decisivo per le vostre vittorie finali. Per il miglior centrocampista della rosa granata il consiglio è di considerarlo un buon quarto elemento da far ruotare in leghe da 8 mentre in leghe a 10 può essere considerato anche come terzo slot.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy