Pagelle Fiorentina – Spal 0-0: poche occasioni e nessun gol nel lunch-match! Voti Fantacalcio

Pagelle Fiorentina – Spal 0-0: poche occasioni e nessun gol nel lunch-match! Voti Fantacalcio

Solo un rigore annullato dal VAR nel primo tempo per la Spal, poi poco o nulla.

di Voti Fantamagazine

La serie vincente della Fiorentina si ferma, infrangendosi sul muro eretto dalla compatta retroguardia spallina. Allo stadio Artemio Franchi termina 0-0. Ennesimo risultato utile per la Spal che mette in cascina un altro prezioso punto in ottica salvezza.

PAGELLE FIORENTINA

Redazione Voti Fantamagazine: Le pagelle Fiorentina

Sportiello 6 – Mai sollecitato, mai in difficoltà. La Spal produce molto ma non riesce mai a concretizzare quanto sviluppato. Sereno.

Milenkovic 6,5 – Di testa le prende tutte ed è anche bravo ad uscire in anticipo sugli attaccanti avversari. A conti fatti, è talmente affidabile da permettere a Chiesa di ripiegare molto meno del solito.

Pezzella 6 – L’attacco spallino fa decisamente poco in zona centrale, molto più sollecitato in fase di raddoppio sugli esterni. Quando ha tempo e spazio, funge da regista arretrato.

V. Hugo 5,5 – Il controllo VAR, giustamente, lo scagiona in occasione del rigore negato alla Spal. Non proprio attentissimo, dà la sensazione di soffrire troppo i movimenti di Antenucci.

Biraghi 5 – Non benissimo in fase difensiva, uno straripante Lazzari lo mette in grande affanno. Nella prima frazione costringe Meret agli straordinari ma, sul finale, si rende protagonista di un errore davvero difficile da dimenticare.

Dabo 6,5 – Preziosissimo vertice basso del centrocampo gigliato, riesce sempre a farsi valere con muscoli e grinta. Quest’oggi se la cava bene anche in fase di gestione dei possessi guadagnati. Valore aggiunto.

Veretout 5,5  – La presenza di Dabo gli permette di proiettarsi in avanti con maggiore frequenza: non riesce a rendersi pericoloso e risulta insolitamente poco preciso. Opaco.

Benassi 5,5 – Decisamente in ombra, come spesso accade quando non riesce a pungere davanti. Ha il merito di smistare celermente molti palloni ma, da uno come lui, ci si aspetta maggior presenza in proiezione offensiva.

Saponara 6,5 – Nella prima frazione è il più pericoloso tra gli uomini di Pioli, cala nella ripresa ma riesce comunque ad ispirare spesso Chiesa e Simeone. Quando si mette in proprio, va vicino alla realizzazione personale.

Chiesa 7 – Semplicemente incontenibile: tra controlli pregevoli e giocate illuminanti, quando la palla arriva sulla destra, tutta la difesa della Spal va in apprensione. Per almeno tre volte mette Simeone in chiarissima condizione di far gol, quando si accentra costringe Meret al grande intervento. Forza della natura.

Simeone 5 – Da bordo campo, Pioli gli urla “Bravissimo, Giovanni, così!” a testimonianza del fatto che il lavoro in pressing è molto apprezzato. Ripiega spesso sull’esterno per aiutare i compagni a contenere la furia di Lazzari ma, per quanto Chiesa lo metta in condizione di spingere semplicemente la palla in rete, arriva tardi per ben tre volte. Troppe.

Falcinelli 6 – Pioli lo inserisce per capitalizzare meglio i suggerimenti di Chiesa. Tuttavia, il suo ingresso coincide con un fisiologico calo fisico del figlio d’arte e non viene servito come dovrebbe.

Eysseric 6 – Entra col piglio giusto e, con due pericolose iniziative nel giro di pochi minuti, riesce a restituire verve alla trequarti gigliata. Col passare del tempo latita e si eclissa dal gioco. Bipolare.

Gil Dias 6 – Col suo ingresso, Pioli effettua il cambio di fascia con Chiesa per provare a sorprendere l’attenta retroguardia di Semplici. L’esperimento fallisce perché, per quanto Dias ci provi, Meret riesce sempre a dirgli di no.

Pagelle a cura di Francesco Quaranta

PAGELLE SPAL

Redazione Voti Fantamagazine: Le pagelle Spal

Meret 6,5 – Soli 21 anni ed un futuro roseo davanti. Infonde sicurezza al reparto, para su Saponara e Chiesa nel primo tempo e su Gil Dias nel finale.

Cionek 6,5 – Molto concentrato, tiene a bada l’irrequieto Simeone giocando bene d’anticipo e coprendo dove possibile. Mette una pezza in più frangenti.

Vicari 6 – Si oppone più volte alle incursioni offensive degli avversari, e non è cosa da poco, considerata la verve offensiva mostrata dalla Fiorentina. Qualche indecisione qua e la, ma porta a casa la pagnotta.

Felipe 6,5 – Elemento di esperienza del terzetto difensivo. Posizionato sul centro sinistra si trova a dover in qualche modo fronteggiare le innumerevoli iniziative viola su quel lato. Riesce a cavarsela con furbizia ed eleganza.

Lazzari 6,5 – La Spal attacca costantemente da destra e non è affatto un caso. Nonostante la sua squadra soffra parecchio lui riesce a garantire le solite, fulminee accelerazioni che lo rendono un valore aggiunto non da poco. Mantiene di più la propria posizione nella ripresa, spingendo meno.

Everton Luiz 6 – Soffre il dinamismo del centrocampo viola nel primo tempo uscendo vincitore da pochi contrasti e risultando un po’ impreciso. Decisamente meglio nella ripresa: più efficace al contrasto e in copertura.

Viviani 6 – L’ elemento di qualità del centrocampo va’ in grossa difficoltà quest’oggi. La Fiorentina tiene il pallino del gioco a centrocampo e lui non può praticamente mai fornire il suo contributo in cabina di regia. Nel secondo tempo, allora, gioca un po’ più da “medianaccio” rendendosi utile alla causa.

Vitale 5,5 – Malissimo nei primi venti minuti: non riesce minimamente a far filtro a centrocampo e non aiuta Costa contro lo scatenato Chiesa. Un po’ più efficace con il passare dei minuti, ma non basta.

Costa 5 – Chiesa è una scheggia impazzita e lui lo soffre tremendamente. Vive un pomeriggio da incubo e rimane negli spogliatoi a fine primo tempo .

Floccari 5,5 – Schierato a supporto di Antenucci tocca pochissimi palloni e non riesce ad essere quasi mai efficace.

Antenucci 6 – Si muove sul fronte offensivo nel tentativo di scardinare la difesa viola. Incide a sprazzi ma fornisce tanto lavoro sporco.

Mattiello 6 – Entra bene in partita riuscendo a tamponare Chiesa. Sfortunatissimo, esce dopo 25 minuti dal suo ingresso per un problema fisico.

Paloschi 6 – Dà decisamente maggior peso all’attacco coadiuvando al meglio Antenucci e offrendo un paio di spunti interessanti.

Schiavon 5,5 – Spezzone di partita dai due volti. Inizialmente benino: su accelerazione di Gil Dias porta l’avversario sul piede debole facilitando il lavoro di Meret. Tuttavia, qualche minuto dopo va completamente fuori tempo sempre sull’esterno portoghese che grazia gli avversari .

Pagelle a cura di Fabio Cancemi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy