Sassuolo: Alfred Duncan, che sorpresa!

Sassuolo: Alfred Duncan, che sorpresa!

Inizio sopra le aspettative per il centrocampista del Sassuolo, con ottimi voti e qualche bonus.

di Niccolò Villani, @WillyBlueEyes

Che questo potesse essere l’anno di Duncan lo avevamo già capito dopo la prima giornata di campionato quando, con un’ottima prestazione, si fece notare nella vittoria del Sassuolo contro l’Inter. Tuttavia, nessuno avrebbe immaginato che, alla fine del girone di andata, il ghanese risultasse il miglior centrocampista del Sassuolo, nonché il migliore calciatore dell’intera squadra. Analizziamo dunque le sue prestazioni fino ad ora e la sua situazione fantacalcistica.

DUNCAN, CHE INIZIO!

Centrocampista di rottura, sempre a rischio ammonizione e con pochissime possibilità di portare bonus. Questo era Duncan prima dell’inizio di questa stagione. Un giocatore da prendere in considerazione solo come tappabuchi affidabile, data la titolarità fissa e una discreta Media Voto, poiché i bonus erano rarissimi (appena tre goal in 80 presenze in Serie A tra Inter, Livorno, Sampdoria e Sassuolo).

Al giro di boa di questa stagione, Duncan ha certamente cambiato rotta, stupendo molti fantacalcisti. In 12 giornate giocate ha ottenuto una Media Voto di 6,45 e una Fantamedia di 7,45, con 3 goal segnati e assist, eguagliando quindi in un solo girone di andata il numero di reti segnato nelle precedenti sei stagioni di Serie A.

Alla base di questa trasformazione positiva, c’è sicuramente un miglioramento personale, dato che rispetto alle scorse annate Duncan ha notevolmente ridotto le imprecisioni dal punto di vista tecnico. Gli capitava spesso di sbagliare l’ultimo passaggio, gettando al vento una buona occasione. Discorso simile si poteva fare anche per le occasioni da rete, che erano rare per lui, e il più delle volte erano tiri di sola potenza ma pochissima precisione.

Anche l’assetto tattico di De Zerbi lo ha certamente aiutato, col ghanese maggiormente adoperato negli inserimenti, in quanto gli altri centrocampisti centrali hanno spesso più caratteristiche da regista (Locatelli o Sensi) o di interdizione (Bourabia o Magnanelli) e quindi sono meno propensi alla fase offensiva. Ciò contrasta con le passate stagioni, dove il dinamismo di Duncan veniva utilizzato principalmente per difendere. Da questa stagione, il giocatore ghanese è l’unico ad agire a tutto campo, sfruttando la sua potenza fisica per agire dalla trequarti difensiva fino a quella offensiva, lasciando però più agli altri i compiti di coprire o impostare, potendo quindi agire spesso di ripartenza.

DUNCAN AL FANTACALCIO

Sicuramente i possessori di Duncan, o chi dovesse decidere di acquistarlo durante la sosta, potranno contare su una titolarità pressoché fissa. Sebbene De Zerbi abbia fatto ben intendere che nessuno ha il posto fisso, il ghanese è uno di quei giocatori a cui l’allenatore non rinuncia quasi mai. L’unico aspetto che può minarne la titolarità è la tenuta fisica, essendo un giocatore che tende a subire qualche acciacco dal quale, spesso, non recupera immediatamente. Quest’anno ha già saltato sette partite, ma nelle restanti dodici ha sempre giocato da titolare, quasi sempre rimanendo in campo per novanta minuti.

A livello di Media Voto, gli ottimi numeri visti fino a questo momento potrebbero anch’essi rimanere più o meno intatti. Duncan è un giocatore che agisce in entrambe le fasi di gioco, alternando ottimi recuperi a sovrapposizioni in cui avanza palla al piede aprendo spazi ai compagni di squadra, facendosi quindi notare, risaltando agli occhi dei pagellisti. Ovviamente, una Media Voto di 6,45 è molto alta ed è difficile mantenerla, però è comunque auspicabile un andamento che veda i voti stabilmente sulla sufficienza. Ogni tanto tende a sbagliare qualche partita, ma ciò è dovuto anche al fatto che il Sassuolo, non essendo una big, ha un rendimento più altalenante rispetto ad altre squadre. Rimane uno dei giocatori più continui della squadra emiliana.

Infine, dal punto di vista dei bonus, ribadiamo che questa prima metà di stagione è stata molto positiva per Duncan che, in appena 12 partite giocate, ha eguagliato il numero di reti segnate in tutti gli altri anni di carriera in Serie A (tre reti in 149 partite). Non si parla certamente di numeri importanti, ma se rapportati alle scorse annate, risultano certamente interessanti. Da qui a fine stagione, è difficile capire quanti goal possa portare ancora, ma certamente qualche bonus lo potrà ancora dare ai propri possessori. In fondo, come scritto sopra, queste occasioni da goal non sono una casualità, e derivano sia da un miglioramento personale che da un assetto tattico che lo premia. Il consiglio è preferire Duncan nelle partite casalinghe, dove il Sassuolo può prendere più campo e giocare col baricentro più alto, col ghanese quindi più avanzato e in grado di pungere.

Concludendo, possiamo dire che Duncan può essere ormai preso in considerazione anche per leghe non molto numerose, da 8 giocatori, come 7° o 8° slot. Invece, in leghe più numerose inizia a ritagliarsi un posto non più da mero tappabuchi, potendo quindi considerarlo come un utile 5° o 6° slot da prendere in considerazione in partite buone per lui e per il Sassuolo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy