FantaStatistiche – Efficienza Realizzativa

FantaStatistiche – Efficienza Realizzativa

Quali sono i giocatori con la miglior efficienza realizzativa dopo 7 giornate?

Commenta per primo!

“Le statistiche sono un supporto analitico per chi osserva e giudica un evento sportivo ormai da qualche decennio. Negli ultimi tempi, però, si è rincorsa l’utopia di sintetizzare la realtà attraverso un solo numero, immediatamente consultabile e di per sé trasparente.”

La statistica sta diventando sempre più centrale nello sport, in alcuni sport è già una realtà (basket, volley, baseball). Nel calcio sempre più allenatori si affidano al supporto statistico e anche la narrazione sportiva, lentamente, si sta adattando per fornire un’immagine più completa di ciò che accade in campo.

Il Calcio è uno sport dal punteggio basso, proprio per questa sua natura anche il più piccolo dei dettagli può spostare gli equilibri; perciò il supporto statistico può essere ciò che fa la differenza tra una vittoria e una sconfitta. Lentamente i big data stanno penetrando nel mondo del fantacalcio e già da quest’anno lo abbiamo visto con la comparsa dei primi voti statistici. Il fantacalcio è una proiezione del calcio, dove alcuni dati statistici non hanno un grande impatto (basti pensare al numero di passaggi e la loro lunghezza o il numero degli intercetti), mentre altri dati possono aiutare il fantallenatore a prendere le giuste decisioni, sia in uno scambio, che per scegliere un giocatore su cui puntare all’asta di riparazione o addirittura per fare scelte di formazione.

Inauguriamo con queste premesse la nostra rubrica che parlerà di statistica applicata al fantacalcio e che ci accompagnerà da qui a fine campionato.

In questo articolo abbiamo analizzato l’efficienza realizzativa dei migliori marcatori di questo campionato, scegliendo i calciatori che hanno realizzato almeno 3 reti. Dei 14 giocatori selezionati abbiamo calcolato quanti goal realizzano in media ogni 90 minuti (goal x90) -rigori esclusi- e quante volte tirano ogni 90 minuti (tiri x90). Per avere un dato il più oggettivo possibile abbiamo deciso di parametrare tutto sui 90 minuti visto che i minuti giocati variano da giocatore a giocatore. Una volta ottenuti questi dati abbiamo diviso i goal per i tiri ed abbiamo ottenuto la percentuale realizzativa dei migliori marcatori della Serie A.

Immagine 1

Questa la classifica marcatori per goal segnati ogni 90 minuti, dal conteggio sono esclusi i rigori. Spiccano le prestazioni di Dybala e Dzeko che, al momento, superano il tetto di un goal ogni 90 minuti. Tutti gli altri sotto l’uno, con le prestazioni di alcuni centrocampisti quali: Perisic, Ljajic e Luis Alberto che hanno la stessa media realizzativa di bomber di razza come Icardi e Belotti. In fondo alla classifica Thereau e Gomez che hanno realizzato un solo goal su azione, mentre gli altri due sono arrivati da calcio di rigore.

Aggiungendo la media dei tiri normalizzata sui 90 minuti (tiri x90), cominciamo a farci un’idea della quantità di tiri che i vari giocatori impiegano per realizzare un goal.

Immagine 2

La media dei tiri in porta ogni 90 minuti ci restituisce una classifica intatta nelle prime 4 posizioni, con ben 3 giocatori che calciano più di 5 volte a partita. Interessante notare che Belotti e Perisic hanno stessa media sia in termini di reti che di tiri. Scorrendo la classifica notiamo che Perisic tira più di Icardi, con l’argentino che non arriva neanche alla soglia dei 3 tiri per 90 minuti (non a caso non segna su azione da Agosto, Roma-Inter 1-3) il dato di Icardi evidenzia le difficoltà nella fluidità nel gioco dei nerazzurri, dovute anche alle difficoltà dell’argentino nel partecipare attivamente alla manovra. Intorno ad Icardi nella classifica tiri x90 ci sono giocatori che di solito giocano a sostegno della punta, come Thereau, Luis Alberto, Gomez, Ljajic e Callejon.

Incrociando i dati delle due classifiche otteniamo il dato che ci interessa, ovvero l’efficienza realizzativa dei giocatori che abbiamo analizzato.

WhatsApp Image 2017-10-05 at 16.55.34

In testa alla classifica abbiamo subito una sorpresa: José Maria Callejon,è il numero  7 azzurro  il giocatore che tramuta maggiormente in rete i tiri tentati, con una media di oltre un goal ogni 4 tiri effettuati.

Dietro di lui solo Dybala mantiene una media di riconversione superiore al 20%, numero per certi versi sorprendente vista la grande mole di conclusioni tentate dal 10 bianconero. L’altro giocatore che tira più di 6 volte ogni 90 minuti è Edin Dzeko, quarto marcatore più efficiente di questo campionato che ogni 5 conclusioni realizza appena un goal.

A sorpresa sul podio c’è il laziale Luis Alberto, scommessa stagionale della Lazio, che con la pulizia tecnica del suo calcio ha realizzato 3 reti a fronte di poco più di 2 tiri ogni 90 minuti. Meno efficiente in finalizzazione Immobile che punta su un repertorio di conclusioni più quantitativo.  Buoni i numeri di Quagliarella, che si sta affermando su buoni livelli di efficienza, addirittura davanti a Immobile.

Deludono Icardi (che si sta comunque dimostrando un finalizzatore superiore a Perisic) e Higuain, entrambi al di sotto dello standard dei precedenti campionati; nella scorsa stagione il nerazzurro si era attestato su una media di riconversione pari a 17,43%, ma ancor più deludente di lui fa il Pipita che negli ultimi due campionati aveva avuto una percentuale di riconversione pari al 18%.

Anche Mertens si rivela non particolarmente efficiente in termini realizzativi, essendo il secondo giocatore che tira più nella squadra che ha tirato di più, ed finora anche quello che ha segnato di più. Ancora peggio Belotti che non sta riuscendo a confermare quanto di buono fatto lo scorso campionato, infatti  lo scorso anno dopo 7 giornate aveva già siglato 5 goal (giocando 5 partite), e a fine anno si era attestato su una percentuale di realizzazione di 18,46%.

In maglia granata meglio di Belotti sta facendo Ljajic, che col 4-2-3-1 ha acquistato maggiore centralità nel gioco granata, pur tirando meno di Belotti ha segnato gli stessi goal del capitano granata, vantando un’efficienza maggiore (anche se è destinata a scendere viste le numerose conclusioni da fuori area).  Buoni i numeri di Perisic, soprattutto in virtù del fatto che è listato centrocampista ed è già autore di 3 reti. Discreti i numeri di Thereau.

In fondo a questa classifica Papu Gomez, finora autore di un solo goal su azione e particolarmente inefficiente in termini realizzativi in virtù dei tiri effettuati, nonostante l’argentino sia stato protagonista di un ottimo avvio di campionato, ma finora due goal dei tre segnati derivano da calcio di rigore, ma su azione poco più di un tiro ogni venti si trasforma in rete.

Qui una comoda tabella riassuntiva:

Immagine 3

Ovviamente dopo appena 630 minuti di Campionato stiamo parlando di dati parziali, che si evolveranno nel corso della stagione, ma che al momento ci danno una fotografia nitida della freddezza degli attaccanti del nostro campionato nel capitalizzare le occasioni da goal che gli si pongono davanti. Concludiamo ricordando che il dato statistico in eterno veritiero, ma ci descrive una tendenza in un determinato periodo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy