Fantacalcio, 5 trequartisti in cerca di rilancio nel 2019

Fantacalcio, 5 trequartisti in cerca di rilancio nel 2019

Andiamo a vedere quali trequartisti, che non hanno inciso nel girone di andata, potrebbero risvegliarsi nella seconda parte del campionato.

di Giuseppe Ronco

Sia che si giochi con liste che prevedono il trequartista, sia nel caso più classico di un accorpamento ai centrocampisti, i giocatori così classificati sono sicuramente tra i più decisivi: micidiali in zona bonus, papabili per la doppia cifra in gol o assist, scegliere il trequartista giusto può dare quel quid in più alle vostre fantasquadre che, alla lunga, è potenzialmente determinante. Dopo le 19 gare del girone di andata possiamo fare un primo bilancio: ecco a voi la lista dei 5 trequartisti che hanno le potenzialità per rilanciarsi nel 2019 dopo un avvio sottotono.


bernardeschi-juventus

                                                                                   Federico Bernardeschi, Juventus                                                                                                                                                                                                      

(Gazzetta dello Sport MV 6,2 – FM 7)

Dopo un inizio scoppiettante con 2 reti nelle prime 4 gare giocate, Federico Bernardeschi ha subito una brutta battua d’arresto, complici anche gli infortuni che lo hanno costretto ad andare a voto soltanto 8 volte e partire titolare solo in 3 occasioni. La classe ed il talento esibiti in nazionale e lo scorso anno sempre con la casacca bianconera non si discutono e, smaltiti gli acciacchi, il numero 33 juventino può tornare ad essere l’arma in più di Allegri che per forza di cose dovrà pensare a far rifiatare qualcuno in attacco. Indubbia anche la voglia di riscatto, siamo sicuri che non deluderà le aspettative, rendendosi protagonista di un 2019 importante.


 Diego Perotti, Roma                                                                                                                                                                                                         

(Gazzetta dello Sport MV 6,1 – FM 7)

Diego Perotti, in questo primo scorcio di campionato, è andato a voto soltanto in 4 occasioni: difficile immaginare un 2019 peggiore. Anzi, tenendo conto della fase di transizione dei giallorossi, Di Francesco dovrà guardare alla sua classe e al suo apporto alla squadra in maniera più persistente. Autore di una rete nella sfida contro il Sassuolo andata in scena per il “boxing day”, ha lanciato un segnale importante al tecnico e, senza dubbio, ai suoi fantallenatori: Diego c’è, e ha tutta la voglia e i mezzi per interpretare un 2019 all’insegna del riscatto e dei bonus.


 Luis Alberto, Lazio                                                                                                                                                                                                            (Gazzetta dello Sport MV 5,9 – FM 6,1)

Il riscatto di Luis Alberto è cominciato già da un po’: positive le ultime 5 gare, con una media voto che recita 6,5 tondo e panciuto e impreziosita da un assist. Con o senza doppio trequartista (o seconda punta, assetto tattico che in ogni caso lo valorizza particolarmente), Magic Luis sembra tornato molto vicino agli standard della passata stagione dopo un avvio che definire deludente sarebbe un eufemismo. Pagato a peso d’oro in sede d’asta, i margini di miglioramento ci sono tutti, e lui ha risposto presente mostrando come gran parte del gioco della Lazio dipenda dal suo estro e dalla sua classe. I presupposti per tornare a vivere un girone di ritorno da protagonista sono evidenti, adesso sta a lui lasciarsi alle spalle questo brutto avvio di campionato.


Hakan Calhanoglu, Milan                                                                                                                                                                                                   (Gazzetta dello Sport MV 5,53 – FM 5,62)

Tante gare giocate nella prima tornata del nostro campionato per Hakan Calhanoglu: ben 17 presenze, e un magro bottino tutto riassunto nella sua media voto e nel numero sotto la casella assist, che recita appena 3. Non ancora propriamente a suo agio come mezzala, ha sicuramente patito il momento non esaltante del Milan, sebbene Gattuso continui a schierarlo e dargli fiducia. L’anno scorso si è svegliato proprio nel girone di ritorno e chissà che non sarà così anche quest’anno. Quello che è certo è che il 2019 del 10 rossonero deve essere all’insegna di un principio ben definito, quello del rilancio.


   Douglas Costa, Juventus                                                                                                                                                                                                        (Gazzetta dello Sport MV 5,7 – FM 5,6)

Chiudiamo in bellezza con un altro bianconero dal nome decisamente altisonante: si, perchè Douglas Costa si è reso protagonista di un brutto avvio di campionato. Tra la squalifica per lo sgradevole episodio con Di Francesco e un infortunio che lo ha tenuto lontano dal calcio giocato per più di un mese, lo spazio a sua disposizione si è ridotto agli spezzoni a gara in corso: molti, sicuramente (ben 10 a fronte delle 4 gare da titolare) ma pur sempre spezzoni. Tra i migliori della passata stagione e autore di un mondiale positivo, il brasiliano ha tutto ciò che gli serve per riscattarsi e rendersi autore di un 2019 sulle orme della passata stagione. Allegri avrà bisogno di far ruotare i suoi uomini davanti, e noi siamo sicuri che si farà trovare pronto quando chiamato in causa. 


0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy