Consigli Fantacalcio 27a giornata – Gli Sconsigliati Fantamagazine

Consigli Fantacalcio 27a giornata – Gli Sconsigliati Fantamagazine

Da Suso a Candreva, da Marusic a Florenzi, ecco tutti i giocatori sconsigliati per la 27esima giornata di campionato al fantacalcio.

di Stefano Martelli, @Ste1983NO

Mancano poche ore allo scoccare della 27a giornata della Serie A 2018-19, e con essa giungono anche i nostri consigli. La redazione di Fantamagazine, infatti, per ogni turno di campionato vi proporrà i consigliati, le possibili sorprese ed uno speciale per analizzare tutti gli sconsigliati delle schede partita targate Gruppo Esperti (che potete trovare QUI).

CONSIGLI FANTACALCIO 27a GIORNATA – GLI SCONSIGLIATI

In questo appuntamento scopriamo insieme quali giocatori sono gli sconsigliati per la 27a giornata di Serie A. Vi ricordiamo inoltre che potrete seguire i nostri consigli nel modo che più preferite, da comodi messaggi gratuiti sul canale Telegram, sulla pagina Facebook di Fantamagazine e infine nell’ultima novità, FantaHUB, l’app per veri fantallenatori, disponibili negli store iOS e Android.

JUVENTUS-UDINESE

La Juventus ha una partita sulla carta “semplice” da non sbagliare per arrivare con la giusta carica alla sfida decisiva per il futuro in Champions League di martedì prossimo contro l’Atletico Madrid. Per questo motivo è difficile sconsigliare un giocatore dei bianconeri, visto che tutti devono essere carichi e devono fare bene. Abbiamo lasciato Fofana fuori forma e tra i peggiori della squadra e l’assenza nelle ultime due giornate (rinvio e squalifica) non aiutano a capire se sia in fase di ripresa o meno. Dalle ultime notizie filtra la possibilità che lo si veda schierato da regista, ruolo che potrebbe metterlo in difficoltà.

PARMA-GENOA

Dopo un girone d’andata ad alto livello, il buon Sepe sta incassando una caterva di gol in questo periodo.La tenuta difensiva della squadra non è quella del girone d’andata e i troppi gol subiti ne minano l’appeal in questo momento. Con il rientro di Bastoni tra i titolari, Gagliolo tornerà a fare il terzino sinistro ruolo dove sicuramente rende meno rispetto a quando fa il centrale. Purtroppo ultimamente sta commettendo errori grossolani che sono costati caro alla squadra come il rigore ingenuo di Empoli. Arrivato a Gennaio dal Pescara, Machìn è un ragazzo interessante ma di fatto alla prima esperienza in A. L’esordio assoluto contro il Napoli è stato disastroso, segno che forse buttarlo nella mischia in questa situazione dove anche i compagni più esperti stanno faticando non è certo il massimo per lui. Va bene dedicarsi a dare copertura alla difesa, ma è assolutamente deficitaria la partecipazione di Radovanovic alla manovra, sempre passaggi laterali, o indietro, senza mai cercare di velocizzare il gioco cercando di servire le punte con una verticalizzazione, col risultato che la squadra avversaria riesce sempre a ricompattarsi in fase difensiva.

CHIEVO-MILAN

Rossettini dovrebbe tornare in campo dal primo minuto, forse nel match peggiore che potesse capitare in questo momento. Contro Piatek o Cutrone non ci sarà molta differenza: la difesa è destinata ad affondare. Laxalt ha mostrato che soffre quando viene schierato terzino in una difesa a 4, perché ha giocatori quasi sempre come quinto di centrocampo con caratteristiche che sono più offensive. La volontà da parte sua c’è tutta ma la possibilità che i pericoli del Chievo passino dal suo lato è concreta. Potrebbe soffrire la fisicità dei clivensi. Inoltre i bonus in 6 mesi di Milan sono stati veramenti pochi. Il Milan sta vincendo, prende pochi gol ed è terzo in classifica. La cosa strana è che lo sta facendo senza Suso, infatti lo spagnolo viene da un periodo negativo a causa di problemi fisici ed interruzioni (squalificato per diffida) che non gli hanno garantito la giusta continuità in campo per rientrare in condizione di forma ottimale. La notizia è che anche la sua classica finta e rientro sul sinistro stanno steccando, non a caso pochi bonus negli ultimi 2 mesi.

BOLOGNA-CAGLIARI

La domenica si riprende come di consuetudine alle 12:30 con Bologna-Cagliari. Il gigante brasiliano Lyanco è il miglior difensore qualitativamente parlando della rosa. Purtroppo però lo stesso non si può dire per quanto riguarda i compiti prettamente difensivi. E’ vero che rientra da un infortunio e che nel primo tempo della scorsa giornata non aveva sfigurato, ma nella seconda frazione Pussetto lo ha fatto ammattire e ha sulla coscienza il gol del vantaggio dell’Udinese. Spesso paga la troppa sicurezza che ha nei propri mezzi. Bradaric non ha più giocato per un po’ dopo le brutte prestazioni di fine girone d’andata. Cigarini s’è preso il suo posto, anche se di fatto non è che abbia mostrato qualcosa di meglio: visto il rendimento dei registi del Cagliari e le scarse possibilità di bonus, lasceremmo comunque perdere. L’unica ragione che uno potrebbe avere per schierarlo, è se ha fiducia nel fatto che possa cercare di fornire una prova convincente per riprendersi il posto da titolare.

FROSINONE-TORINO

Dovesse tornare a giocare Gori, soprattutto titolare, non sappiamo davvero cosa possa darci al fanta. E’ possibile che Lukic venga fatto rifiatare, dopo aver disputato delle ottime prestazioni in fase di contenimento.

INTER-SPAL

Durante Cagliari-Inter, su Twitter girava una battuta intrisa di cinico sarcasmo: “Asamoah è solamente un Dalbert che ha giocato nella Juventus”. Non si capisce davvero che fine abbia fatto il giocatore di cui si parlava così bene l’estate scorsa. La punizione tirata a Cagliari al minuto 88 e l’ammonizione rimediata in coppa con l’Eintracht hanno fatto infuriare i tifosi nerazzurri ed hanno illustrato in modo chirurgico perché il nome di Candreva appaia in questa sezione.

SAMPDORIA-ATALANTA

Nessuno dei due, Bereszynski o Murru, e’ in grande forma e si troveranno rispettivamente contro due treni a vapore come Gosens e Hateboer. Dovessero reggere il colpo, probabilmente la Sampdoria porterebbe a casa un risultato positivo. L’Atalanta sara’ una brutta bestia e onestamente l’intensità che De Roon e Freuler ci mettono li in mezzo ci sembra al momento troppo elevata perché il buon Dennis Praet possa reggere il colpo senza patemi. Esiste un modo per uscire da questa situazione complicata e potrebbe essere quella di metterla sul piano del gioco e della tecnica pura che a Praet di certo non manca. Masiello non sta facendo male, ma neanche benissimo. Potrebbe non giocare, e fuori casa la Dea proverbialmente concede qualcosa: ergo, non avrebbe senso rischiarlo. Il turno di riposo, stavolta, servirebbe a Marten De Roon: corre sempre tantissimo, tocca moltissimi palloni e in quel ruolo, la sua lucidità è determinante. Non è un caso l’errore contro la Fiorentina, sintomo di stanchezza mentale e fisica e assolutamente errore non da lui. Non sappiamo se Gasperini ha avuto le nostre stesse avvisaglie, ma anche nel caso in cui non fosse lui a farlo riposare noi consigliamo a voi di lasciarlo in panca.

SASSUOLO-NAPOLI

Secondo il mister in questo ultimo periodo Lirola è parso un po’ affaticato, e in effetti le sue prestazioni sono in calo, non rende proprio al massimo come ci ha abituato da tempo, senza contare che in un eventuale cambio modulo potrebbe essere tranquillamente sacrificato per Adjapong; senza contare che dal suo lato potrebbero arrivare: Zielinski e Insigne, che possono creare diversi problemi. Rogerio non ha ancora la maturità per garantire di uscire indenne da questo tipo di partite, e già lo scorso anno fu beffato da Callejon, meglio evitare. Chiriches dovrebbe tornare titolare in campionato dopo una lunga assenza forzata. La sua condizione è tutta da verificare e a dirla tutta il dinamismo e la mancanza di punti di riferimento degli attaccanti al servizio del Maestro De Zerbi impone qualche lieve dubbio sul suo rendimento in questo rientro. E’ inserito lui quindi in questa sezione in quanto pur essendo schierabile se non si hanno grandi alternative, crediamo che sia comunque lecito andarci ancora con i piedi di piombo su di lui.

FIORENTINA-LAZIO

Per concludere la domenica di campionato ci sono Fiorentina e Lazio. Possiamo definirla un po’ la strana coppia, per motivi diversi sono titolari quasi in pianta stabile anche se difficilmente fanno capire il perché. Lo svizzero Fernandes ha trovato 2 gol occasionali, per il resto è il solito mezzo regista che difende male ad alto rischio cartellini, sopratutto in queste sfide. Gerson spostato sulla trequarti ha meno compiti difensivi, ma non riesce quasi mai a trovare il passaggio che svolti la manovra offensiva, caratteristica che dovrebbe avere qualsiasi trequartista, in queste sfide di livello più elevato poi difficilmente ha ben figurato. Dire che ha giocato male nel derby sarebbe inesatto e forse ingiusto, ma va detto che probabilmente Marusic è stato quello che meno si è fatto notare in casa Lazio. Potrebbe pure non giocare, ma in ogni caso se lo avete listato a centrocampo si può tranquillamente lasciare fuori.

ROMA-EMPOLI

La 27a giornata chiude il sipario con Roma-Empoli di lunedì sera. Spiace dirlo, ma le “marachelle” di Florenzi finora sono tante. Giocatore che dopo l’infortunio al crociato sembra essersi perso, smarrito. L’errore contro il Porto, stupido, inutile, è solo uno dei tanti errori che costellano la sua stagione. Ora si merita di essere uno sconsigliato. Spetta a lui risalire la china e dimostrarci che si merita di giocare in questa squadra. Per meriti che vanno oltre alla semplice appartenenza campanilistica. Se volete schierarlo perché potrebbe giocare in attacco fate pure. Di certo per lui non è un momento facile e potrebbe risentirne. Contro il Porto anche Karsdorp ha fatto una prestazione horror, ma lui è parzialmente giustificato. Meglio non puntare su di lui per questa partita. Anche perché potrebbe non giocare. 13 insufficienze in 18 presenze di cui alcune pure pesanti. Siamo monotoni ma Veseli è sempre l’anello debole della squadra e in partite come queste è impossibile da non sconsigliare, come pure i suoi compagni di reparto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy