Pagelle Torino – Fiorentina 1-2: Thereau su rigore segna il gol vittoria! – Voti Fantacalcio

Var protagonista con due rigori concessi ai viola e uno tolto. Veretout prima sbaglia dagli undici metri, poi segna il gol del vantaggio. Belotti pareggia i conti, ma Thereau segna il gol decisivo nel finale su rigore.

di Voti Fantamagazine

È la var la protagonista di Torino – Fiorentina, dal primo minuto alla fine. Due rigori concessi, il primo neutralizzato da Sirigu a Veretout ed il secondo che invece frutta 3 punti per la viola dopo la trasformazione di Tereauh. Nel mezzo una partita di sacrificio, con poco spazio per lo spettacolo, a meno che non via piaccia l’horror, in quel caso apprezzerete l’errore di Acquah che costa il pareggio momentaneo. Non basta un super Belotti per evitare la quinta sconfitta di fila ai granata.

PAGELLE TORINO

Redazione Voti Fantamagazine: Le pagelle Torino

Sirigu 7 – nei primi 15 minuti di gioco il buon Salvatore è solo contro tutti; la prima volta ci pensa il var a toglierlo dai guai, poi lo stesso var lo chiama a presentarsi sulla linea di porta per opporsi dagli undici metri a Veretout. Sul secondo rigore non può nulla.

De Sivestri 5,5 – arranca sulla destra, poche sortite offensive perché deve controllare un Biraschi pericoloso. Il suo tocco di mano costa il rigore ai suoi. Esce per infortunio.

Nkoulou 6 – in scivolata, di testa o col fisico, lui c’è sempre, se non ci credete andatevi a guardare i parastinchi di Simeone.

Moretti 6 – mezzo voto in più per l’aria contrita con cui cerca di convincere tutti che lui proprio non l’ha toccato Simeone in area, per il resto non soffre particolarmente i viola.

Ansaldi 6 – motorino ingolfato sulla sinistra, spinge ma in maniera disordinata. Molto meglio a destra nel secondo tempo, peccato per quel fallo di mano che costa la sconfitta ai granata.

Rincon 6 – tiene bene a centrocampo, ma non è lui che dovrebbe costruire il gioco.

Valdifiori 5 – ordinato, troppo ordinato. Poca inventiva e infatti il Toro soffre moltissimo a centrocampo.

Acquah 4,5 – partita discreta rovinata però da un errore imperdonabile che manda Veretout in porta.

Iago Falqué 5 – oggi male sotto tutti i punti di vista, oscurato da se stesso prima ancora che dai difensori.

Belotti 7,5 – centravanti, ala e terzino. Probabilmente c’erano cinque galli quest’oggi in campo perché ovunque fosse il pallone c’era lui. Poi, siccome deve fare tutto lui, si inventa un gol bellissimo. Se gli date le chiavi del pulman riporta pure la squadra a casa.

Berenguer 5 – un po’ leggerino per impensierire la difesa gigliata, solo un paio di accelerazioni per lui.

Barreca 6 – entra per De Silvestri e si piazza a sinistra, deve solo controllare la sua zona.

Niang 5 – entra e inizia a tirare sportellate come in un demolition derby, si becca infatti un giallo. In attacco è fumoso, anche col fisico non riesce a farsi spazio

Ljiajc 6,5 – entra ben motivato ed è proprio da una sua magia su punizione che nasce il pareggio del Toro.

PAGELLE FIORENTINA

Redazione Voti Fantamagazine: Le pagelle Fiorentina

Sportiello 6 – Tralasciando la solita insicurezza con la palla tra i piedi, trascorre una giornata per nulla impegnativa in virtù di due fattori: la buona tenuta difensiva dei suoi e la scarsa verve offensiva degli avanti avversari, il gol di Belotti non macchia la sua gara.

Milenkovic 6 – Non particolarmente sollecitato in fase di contenimento, si limita ad amministrare. È bravo a sfruttare il fisico per prendere posizione su alcuni avversari meno prestanti.

Pezzella 6,5 – Personificazione della necessità umana di adattarsi ai cambiamenti della vita, non ricorre più alle uscite in anticipo perché sa che Hugo sul lungo non saprebbe destreggiarsi come faceva Astori. I compagni lo cercano spesso per far partire la costruzione dal basso: è lui il nuovo faro difensivo.

V. Hugo 6,5 – Il saluto militare al generale Astori lo ha ufficialmente arruolato in battaglia: lotta strenuamente su ogni pallone e mette una pezza quando può. L’intesa con Pezzella è da affinare, ma i movimenti sono quasi sempre giusti. Ci saranno altre battaglie per l’onore del capitano e V.Hugo, potete scommetterci, sarà ancora in prima linea.

Biraghi 6,5 – Spinge molto e, spesso, riesce anche ad avere la possibilità di calciare. Dai suoi affondi scaturiscono due calci di rigore. fase difensiva, per quanto possibile, ha ancor meno lavoro da svolgere del suo dirimpettaio.

Benassi 6 – Nella giornata in cui Mauro Icardi fa registrare quattro gol dell’ex, la mezzala gigliata continua ad avere le polveri bagnate e non punge contro i suoi vecchi compagni. Prestazione, tuttavia, positiva in virtù di una certa abnegazione difensiva che va consolidandosi da diverse partite.

Badelj 6,5 – Evidentemente sentirsi eletto leader gli ha fatto bene: smista celermente ogni pallone che passa dalle sue parti ed è sempre il primo a fiondarsi con decisione sugli avversari. Bellico.

Veretout 6 – L’errore dal dischetto lo condiziona fin troppo: si innervosisce e, oltre a tenere poco la posizione, si mette in proprio con velleitari tentativi dalla distanza. Nella ripresa Acquah gli permette di dimenticare il rigore e mettere a segno un gol fondamentale per la Fiorentina. Emotivo.

Saponara 6,5 – “Se non uccide, fortifica” direbbe qualche famoso artista per descrivere il momento di Saponara: la tempesta delle scorse settimane lo ha investito in pieno ma, per quanto ferito, ha avuto la bravura di trovare in essa le giuste motivazioni. Altra prestazione in crescendo, non sembra più un corpo estraneo alla squadra e i compagni lo cercano spesso. Ritrovato.

Simeone 5,5 – Il lavoro sporco non manca mai, il gol, invece, manca ormai dalla ventesima giornata. Per quanto il “Cholito” ci provi, non riesce proprio ad essere un punto di riferimento offensivo per i propri compagni di squadra. Spaesato.

Chiesa 6,5 – Potente come un treno quando parte in progressione, elegante come uno spadaccino quando imbuca per mandare Simeone in porta. Non riesce ad incidere, è vero, ma mette spesso i suoi compagni in condizione di farlo.

Falcinelli 6 – La sua prestanza fisica gli consente di giocare di sponda con molta più efficacia rispetto a Simeone. Subentrato in situazione di vantaggio, si cimenta bene nella fase di massima resistenza agli attacchi granata.

Thereau 6 – Come da diverse gare a questa parte, entra male in partita e stende il tappeto rosso a Belotti che realizza il gol del pareggio. Il rigore nel finale gli consente di diventare l’uomo della provvidenza ma serve decisamente più voglia. Baciato dalla fortuna.

Pagelle a cura di Francesco Quaranta

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy