Pagelle Genoa – Spal 1-1: Lazzari rimonta il vantaggio di Lapadula! – Voti Fantacalcio

Succede di tutto nel primo tempo al Ferraris: rigore dato al Genoa con errore dal dischetto di Lapadula e bella parata di Meret. Nuovo rigore dato ai rossoblu, Lapadula non sbaglia. Lazzari nel secondo rimedia e trova il pareggio con la Spal in 10 per il rosso a Vicari.

di Voti Fantamagazine

In questo pomeriggio l’erba di Marassi diventa un campo da battaglia sul quale Genoa e Spal hanno un solo obiettivo da conquistare: la permanenza in Serie A. Il primo tempo viene caratterizzato da due occasioni da rigore: incontestabile la prima, in cui Meret para su Lapadula; meno chiara la seconda, in cui il risultato non si ripete e l’ex Milan e Pescara porta in vantaggio il Genoa. Il pareggio arriva nel secondo tempo, quando gli estensi trovano il goal con Lazzari dopo un contropiede rapido ed efficace. Con un pareggio teso e ricco di episodi, Genoa e Spal ottengono un punto che tornerà sicuramente utile alla loro causa.

PAGELLE GENOA

Redazione Voti Fantamagazine: Le pagelle Genoa

Perin 6 – Difficilmente impensierito nel primo tempo, nella ripresa Lazzari la mette dove non può arrivare. Senza colpe.

Biraschi 6 – Con sicurezza non cincischia sulle sortite degli estensi e chiude con la
dovuta efficacia. Continua ad essere un buon rimpiazzo per Izzo, visto che le sue sbavature sono rare.

Spolli 5,5 – Fortino, baluardo, chiamatelo come volete, ma è lui il primo tassello su cui si erge il castello dei Grifoni. Quando cade o commette un piccolo errore, il castello cade. In occasione del goal il suo leggero ritardo è decisivo.

Zukanovic 6 – Come sempre tanto supporto alla costruzione del gioco. Nell’uno contro uno non viene coinvolto, si limita a mantenere la posizione.

Lazovic 5,5 – Si sovrappone con costanza sulla fascia e lancia molti cross verso l’area avversaria, senza mai trovare quello vincente. Si stanca con lo scorrere dei minuti e diventa meno preciso nei controlli.

Rigoni 6 – Irruente e nervoso negli interventi nella prima frazione, nel secondo tempo aiuta molto la squadra ampliando il suo raggio d’azione sulla trequarti e con qualche giocata degna di nota alza il baricentro dei suoi.

Bertolacci 6,5 – Lotta e amministra dalle retrovie, il gregario ideale in grado di mettere tutto al posto giusto, nel momento giusto. In più, bisogna considerare le tante battaglie vinte in mezzo al campo. Lottatore.

Hiljemark 6 – Che si tratti di recuperare palloni, o di servire in modo preciso i compagni, lo svedese sbaglia veramente poco. Diligente e intelligente in entrambe le fasi.

Laxalt 6,5 – Tutte le iniziative più interessanti nascono dalle sue combinazioni. Mai stanco, quando trova spazio si stende in campo aperto e tenta più volte la conclusione. Stantuffo.

Pandev 6 – O con le buone, o con le cattive, costringe gli avversari a metterlo a terra; guadagnando campo e tempo prezioso. Il macedone orchestra la manovra ed è sempre molto generoso.

Lapadula 6 – In pochi minuti sbaglia malamente il primo rigore e l’occasione colossale una volta saltato Meret. Al secondo giro dal dischetto, però, si lascia tutto alle spalle e inquadra la porta con potenza e ferocia.

Taarabt 6 – Torna sul terreno di Marassi dopo un lungo periodo di assenza. Non trova il necessario spunto vincente.

Rossi 6 – Una ventina di minuti per Pepito, un’occasione, ma nulla di più.

Medeiros s.v

Pagelle a cura di Riccardo Corsano

PAGELLE SPAL

Redazione Voti Fantamagazine: Le pagelle Spal

Meret 5,5 – Chiaro, il rigore parato ha il suo peso. Ma l’ingenuità con cui causa il primo tiro dal dischetto non è da meno, perciò bisogna soppesare entrambi i gesti. È la causa di molte incertezze, in particolare quando i compagni si appoggiano a lui.

Felipe 5 – Se Meret entra in difficoltà parte della colpa viene da qualche passaggio sconsiderato, su tutti quello che causa il secondo rigore. Con il passare dei minuti ci sono ancora ricadute nella sua prestazione, ma la squadra comunque regge alle sortite rossoblu.

Vicari 5 – Quando Meret viene saltato, interviene con provvidenza e nega il goal ad un poco incisivo Lapadula; ma il check del VAR e la decisione dell’arbitro lo puniscono, causando la sua espulsione prematura. Incauto.

Cionek 6 – Uno dei giocatori più coinvolti nella manovra degli estensi, spesso i compagni si appoggiano a lui per provare a risalire il campo.

Costa 6 – Da esterno nel centrocampo a cinque il suo apporto è di gran lunga maggiore. Come per Lazzari, all’espulsione viene spostato terzino e si limita a regolare la fase difensiva.

Grassi 6 – Primo tempo in ombra. Non tocca palloni, ne si vede in fase difensiva. Nella ripresa entra più volte nel vivo del gioco e nel complesso è autore di una partita sufficiente.

Schiattarella 6,5 – Nelle vesti di regista smista molti palloni e illude il pressing dei rossoblu. È protagonista di molte iniziative personali, spicca su tutte quella in cui conduce il contropiede del pareggio.

Everton Luiz 6 – Il brasiliano dimostra di possedere un buon bagaglio tecnico, abbinato ad un buon senso dello spazio. Corre tanto per stare dietro a tutti e recupera molti palloni: sicuramente tornerà utile agli spallini nella corsa salvezza.

Lazzari 7 – Una volta che arriva l’espulsione di Vicari è costretto a giocare come terzino a destra, ruolo nel quale non demerita e si mette in mostra con alcuni strappi. Porta la sua squadra al pareggio, concludendo un contropiede fulminante in cui trova un angolo proibito sul palo opposto. Trick-shot.

Antenucci 6 – Pericoloso e cattivo su ogni pallone. Tutte le occasioni per lui possono essere sfruttate, peccato che oggi non trova la stoccata vincente.

Paloschi 5,5 – Viene sempre obbligato a giocare spalle alla porta, la difesa schierata gli impedisce di giocare da vera prima punta e perde parte delle sue soluzioni migliori.

Floccari 6 – Molti contrasti, ma il suo peso non aggiunge nulla di eclatante alla causa dei compagni.

Vitale s.v

Pagelle a cura di Riccardo Corsano

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy