Pagelle Torino – Juventus 0-1: un super Sirigu non può nulla su De Ligt! – Voti Fantacalcio

Pagelle Torino – Juventus 0-1: un super Sirigu non può nulla su De Ligt! – Voti Fantacalcio

Nel derby della Mole, l’olandese si regala il primo goal in bianconero e restituisce la testa della classifica ai bianconeri.

di Voti Fantamagazine

La Juventus vince di misura contro un Torino caparbio ma raramente in grado di creare seri problemi alla squadra avversaria. Un superlativo Sirigu tiene a galla i suoi a più riprese, con l’ex PSG costretto ad arrendersi ad una conclusione ravvicinata di De Ligt dopo aver compiuto almeno tre interventi di spessore. Allo scadere il tabellone recita il risultato di 1-0: delude Ronaldo, si salva Belotti, protagonista di una partita di sacrificio e lavoro sporco a servizio della squadra.

PAGELLE TORINO

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Torino

Sirigu 7.5 – Salva il risultato con un intervento non semplice su De Ligt nel finale di primo tempo, poi si ripete su Ronaldo a inizio ripresa. Da sottolineare anche la parata su Higuain, immediatamente precedenta al goal di De Ligt. Nulla può invece sulla conclusione ravvicinata dell’olandese. Compie l’ennesima parata della sua partita nel finale su un rasoterra tentato da Ronaldo.

Izzo 6 – È a lui che il Torino si affida quando il gioco parte dal basso: leader tecnico della retroguardia granata di stasera, non soffre particolarmente la presenza di uno come Cristiano Ronaldo. Qualche piccola sbavatura gli costa un voto più gratificante.

Bremer 6 – Gioca al centro nel terzetto difensivo dei padroni di casa e lo fa recitando in maniera diligente il canovaccio tattico dettato da mister Mazzarri. Il voto è pesato in relazione alla difficoltà della prova, superata in maniera più che dignitosa.

Lyanco 6 – Dalle sue parti si aggirano Dybala, Bernardeschi e occasionalmente anche Cuadrado. Nonostante la stazza, non sfigura contro un attacco dinamico come quello bianconero. Puntuale in chiusura in più di una circostanza.

Ansaldi 6.5 – Primo tempo con 0 dribbling subiti e 100% di passaggi riusciti. Il Toro sviluppa l’azione prevalentemente sulla corsia opposta, ma è dalla sue parte che la squadra prova maggiormente ad affondare il colpo, cercando di fare leva sul suo estro tecnico. Non incide come potrebbe nel corso della prima ora di gioco, mentre nella ripresa impensierisce seriamente Szczesny con una conclusione insidiosa sul primo palo.

Aina 5 – La manovra granata passa spesso e volentieri per i suoi piedi e qualche ingenuità di troppo gli costa un voto vicino alla sufficienza. Emblematico il frangente in cui, una volta persa palla, si lancia con irruenza sul diretto avversario rimediando l’ammonizione. Si vede poco al cross e dalle parti dell’area di rigore avversaria. Acerbo.

Rincon 6.5 – Tantissima quantità al servizio della squadra. Molto prezioso quando si tratta di contenere, essenziale e scarsamente chiamato in causa quando invece c’è da fare gioco. Esce in favore di Zaza immediatamente dopo aver incassato il goal dell’1-0.

Meite 5 – Poco lucido quando c’è da gestire il pallone, combina poco anche quando c’è da fare legna in mezzo al campo. Rimandato.

Baselli 5.5 – Sulla carta dovrebbe essere lui il faro del centrocampo disegnato da mister Mazzarri. La qualità c’è e si intravede, ma quello visto stasera è un giocatore troppo spesso timido e quasi mai determinante.

Belotti 6 – La sua prestazione è soprattutto corsa, sacrificio e lavoro per la squadra. Il tunnel con successivo assist in favore di Meitè è una di quelle giocate che valgono gran parte del prezzo del biglietto. Il rovescio della medaglia è una presenza troppo effimera in area avversaria: questo, per una prima punta, non può essere considerato un dettaglio.

Verdi 5 – È ancora una volta l’ombra del giocatore ammirato a Bologna fino a due stagioni fa. Si assume la responsabilità di battere diversi piazzati e di concludere in porta anche da posizioni proibitive: pecca però sia in concretezza che nella qualità delle idee.

Lukic SV

Millico SV

Zaza 6 – Entra e dà un po’ di vivacità all’attacco dei suoi. Fa quello che può e si guadagna la sufficienza.

A cura di Marcello Pelosi.

PAGELLE JUVENTUS

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Juventus

Szczesny 6,5 – Nessuna imprecisione e un grande intervento da calcio a 5 su Ansaldi.

Cuadrado 7 – Il terzino colombiano, sì terzino, regge benissimo i continui attacchi granata pur senza far mancare la solita qualità in fase offensiva.

Bonucci 6,5 – Oggi ha più compiti di impostazione con un Pjanic a mezzo servizio e se li assume senza alcun problema. In area di rigore il Torino non crea grossi grattacapi.

De Ligt 7 – Rischia per l’ennesima volta di causare un rigore per un tocco di mano in area di rigore ma viene graziato, ma tolto questo sfortunato episodio domina la difesa con grande cattiveria e foga trovando anche il gol che regala il derby ai bianconeri.

De Sciglio 6 – Non è Alex Sandro ma può fargli da riserva anche in match così tesi e complicati. Attacca poco ma non demerita affatto complessivamente.

Bentancur 6,5 – Ormai sempre più presente negli 11 titolari schierati da Sarri, anche oggi gioca con grande intelligenza e intensità. Fosse più incisivo in fase offensiva staremmo parlando di un centrocampista con i fiocchi.

Pjanic 6 – Schierato a sopresa da titolare dimostra di essere, se mai ce ne fosse bisogno, fondamentale per il gioco dell’allenatore. Però oggi la forma non è delle migliori nonostante i 90 minuti in campo.

Matuidi 6,5 – Partite come queste sono fatte apposta per lui, aggredisce e lotta su ogni pallone come se fosse l’ultimo da giocare. Quando gioca lui, il centrocampo della Juventus è molto più fluido.

Bernardeschi 5,5 – Il lavoro che gli chiede Sarri probabilmente lo offusca, perché il Bernardeschi di quest’anno è il lontano parente di quello che ha a tratti incantato la platea bianconera.

Dybala 6,5 – È il giocatore che ha più beneficiato dell’arrivo del nuovo allenatore, dialoga e gioca palloni a meraviglia pur senza trovare il gol che meriterebbe viste le ultime prestazioni.

Cristiano Ronaldo 5 – Dispiace dargli un’insufficienza così grave ma oggi è nervoso e quasi dannoso per i compagni. Per una notte il re portoghese si concede una pausa arrivando addirittura a colpire leggermente Izzo con un gesto di stizza in area di rigore.

Higuain 7 – Entra e cambia tutto, inizia con una splendida fucilata che solo il Sirigu di oggi avrebbe potuto prendere e conclude con il bell’assist che libera De Ligt. La botta in testa presa a Lecce è totalmente acqua passata.

Ramsey 6 – Torna dopo un inaspettato stop decisamente troppo lungo, pimpante e vivace dimostra ancora una volta di meritare un ruolo importante in questa squadra.

Khedira sv

A cura di Luca Furfaro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy