Pagelle Spezia – Milan 2-0: cuore e grinta, lo Spezia abbatte un irriconoscibile Milan

di Voti Fantamagazine

Corsa aggressiva, ripartenze brillanti, intensità per novanta minuti. È questa la ricetta dello Spezia per battere nettamente la capolista rossonera. La squadra di Pioli probabilmente non si aspettava un simile stato di forma da parte dei liguri, finendo così per pagare dazio. A decidere la partita è prima il gol di Maggiore, a seguito di un contropiede costruito in maniera magistrale e poi la rete di Bastoni con un tiro dal limite dell’area a seguito di uno schema su punizione.

PAGELLE SPEZIA

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Spezia

Provedel 6 – Inoperoso praticamente per tutta la partita. Già solo questo fa capire la portata della prestazione spezzina. Coraggioso nelle uscite.

Vignali 6.5 – Non si risparmia anche dopo l’ammonizione rimediata dopo una ventina di minuti. Non abbassa il baricentro e partecipa alla costruzione della manovra offensiva. Prende sempre più coraggio col passare dei minuti e non soffre mai contro Theo Hernandez.

Erlic 7 – Con Ismajli che marca a uomo Ibra deve fare da schermo a Provedel coprendo più zone. Si fa trovare pronto e sempre concentrato.

Ismajli 7 – Per una serata diventa l’ombra inseparabile di Ibrahimovic. Regge e vince il confronto contro il fuoriclasse svedese.

Bastoni 7 – Non si limita al compitino rischiando anche qualcosa in alcune circostanze. Nel secondo tempo aumenta l’iniziativa e trova il gol con una “bastonata” da fuori area a seguito di uno schema da punizione.

Ricci 7.5 – incomincia con una regia forse scolastica, ma sempre puntuale e precisa. Non soffre il confronto con i centrocampisti avversari e la sua prestazione aumenta di livello col passare dei minuti fino a giganteggiare in mezzo al campo. Un suo inserimento è decisivo per la realizzazione del primo gol. È il faro di Italiano in questa splendida serata.

Estevez 7 – Acceso e avvincente il confronto continuo con Kessie vinto nettamente poi dall’argentino. Inesauribile nel ripartire e nell’accorciare. Batte in maniera furba la punizione che propizia il secondo gol.

Maggiore 7 – Fa da raccordo tra i reparti mettendo in mostra ottime qualità dal punto di vista della corsa e della resistenza. Manca un minimo di precisione, soprattutto quando prova il tiro dalla distanza, ma trova meritatamente il gol nella ripresa. Da giocatore storico e simbolo, impreziosisce così il percorso straordinario suo e dello Spezia.

Saponara 7 – Impegna Donnarumma con un potente tiro sul primo palo nel primo tempo. Poi si sposta in posizione molto esterna facendo impazzire Dalot per tutta la partita.

Gyasi 6.5 – Se nella prima parte allo Spezia manca il colpo decisivo forse è proprio a causa della sua opaca prestazione. Fortunatamente la squadra non cede di un centimetro e anche il suo contributo cresce in modo notevole nella ripresa.

Agudelo 7.5 – Si butta tra le linee con e senza pallone, creando costante scompiglio dalla trequarti in su. Recupera svariati palloni rincorrendo il portatore di palla e non è un caso che sia lui a innescare la prima azione decisiva. Giocatore importantissimo nello spartito di Italiano perché non fornisce punti di riferimento alle difese avversarie. È mancata solo l’occasione per il gol.

Acampora – 6.5 Pochi minuti per sfiorare un eurogol negato solo dall’incrocio dei pali.

Pagelle a cura di Valerio Sereni

 

PAGELLE MILAN

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Milan

Donnarumma 6.5 – Incolpevole sui due gol subiti. Da segnalare una grande parata su un tiro a botta sicura di Saponara nel primo tempo.
Dalot 5.5 – Spaesato sulla corsia di destra, soffre Saponara facendo rimpiangere Calabria. Sottotono e insufficiente.
Kjaer 6 – Fa il suo al centro della difesa: non commette errori ma non è neanche chiamato agli straordinari.
Romagnoli 6 – Sale in cattedra nel primo tempo con alcuni interventi e alcune letture difensive degne di nota. Nella ripresa il suo tentativo disperato in scivolata non basta per evitare la prima rete dello Spezia.
Hernandez 5 – Anche il francese non brilla, come il resto della squadra, rendendosi protagonista in negativo in occasione della prima rete avversaria: l’azione è partita da un suo pallone perso e agevolmente recuperato da Agudelo.
Bennacer 5.5 – Fisicamente non è ancora al top e si vede, imbrigliato tatticamente non riesce a emergere in mezzo al campo.
Kessiè 5.5 – Prestazione sottotono anche per il centrocampista ivoriano, che come il resto dei compagni poco ha fatto per evitare la sconfitta, soffrendo forse più di tutti il momentaccio della squadra.
Saelemaekers 5 – Sulla corsia di destra non si vede praticamente mai. L’asse con Dalot non funziona, il suo apporto è ancora una volta insufficiente.
Calhanoglu 5 – Il turco non è ancora al meglio fisicamente: ha sofferto oltremodo la marcatura a uomo asfissiante di Ricci non riuscendo a essere il fulcro della manovra rossonera. Gara con più ombre che luci, insufficienza inevitabile.
Leao 5 – Non pervenuto. Ha poche occasioni per accendersi ma la miccia non si innesca mai.
Ibrahimovic 5.5 – Isolato in avanti, ben poco ha potuto per cambiare l’esito dell’incontro: i rifornimenti sono stati pochi, difficile fare meglio a queste condizioni.

Tomori 6 – Non sfigura in difesa nelle veci di Kjaer: anche lui non è chiamato agli straordinari, non commettendo errori.
Meitè 5.5 – Il suo ingresso non ha cambiato positivamente le sorti della gara a centrocampo, anche lui non è esente da errori.
Mandzukic 5.5 – La fiducia di Pioli non è adeguatamente ripagata dal croato tra nervosismo, errori e scarsi rifornimenti.
Castillejo sv
Hauge sv

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy