Pagelle Sassuolo – Verona 3-3: Boga e Rogerio salvano i neroverdi! – Voti Fantacalcio

Lazovic, Stepinski e Pessina portano il Verona per tre volte in vantaggio, ma l’attaccante con una doppietta e il difensore con un gol fortunoso trovano il pareggio

di Voti Fantamagazine

Partita a due facce quella andata in scena oggi a Reggio Emilia tra Sassuolo e Hellas Verona. Primo tempo pressoché privo di emozioni e decisamente noioso, compensato però da una ripresa con ben 6 reti e tante emozioni. Apre le marcature Lazovic che, dopo un tocco di Stepinski al limite dell’area, lascia sul posto Bourabia e scocca un missile che Consigli può solo sfiorare, prima che tocchi la parte bassa della traversa e si infili in rete. Poi in appena 6’ minuti arriva prima il pareggio di Boga con un diagonale su assist di Defrel, e poi il nuovo vantaggio ospite targato Stepinski su assist dello stesso Lazovic, che gli rende il favore. Ultimi 20’ minuti di assedio Sassuolo che prima accorcia le distanza nuovamente con Boga, che mette uno splendido tiro a giro nell’angolo alto dopo una sponda di Caputo, e poi a pochissimi secondi dal termine trova il pareggio con un altrettanto spettacolare goal dalla distanza di Rogerio. Nel mentre un eccezionale Silvestri in più occasioni su Muldur, Berardi e Locatelli. Finisce 3 – 3.

PAGELLE SASSUOLO

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Sassuolo

Consigli 6 – Non molto impegnato in generale, può davvero poco sia sul bolide di Lazovic che gli piega le mani, siac sul tocco ravvicinato di Stepinski. Incolpevole anche quando Pessina si presenta da solo dalle sue parti a causa dell’errore di Peluso e Bourabia in disimpegno.

Muldur 5 – Nel primo tempo soffre Lazovic, mentre nella ripresa buca totalmente l’intervento in scivolata proprio sull’esterno serbo, che ha tutto il tempo di servire Stepinski completamente smarcato a due passi dalla porta. Sfiora il goal metà ripresa, ma trova prontissimo Silvestri, e l’errore precedente rimane quindi decisivo.

Magnani 5,5 – Esce leggermente in ritardo sulla conclusione di Lazovic che porta in vantaggio gli ospiti. Unica sbavatura del match, che però ha il suo peso. Esce ad un quarto d’ora dal termine per Chiriches.

Peluso 4,5 – Partita senza troppi errori per circa un’ora, poi si perde Stepinski che può appoggiare a porta sguarnita sul cross di Lazovic, ed infine sbaglia goffamente un semplice disimpegno calciando addosso a Bourabia, col rimpallo che favorisce Pessina il quale, a tu per tu con Consigli, sembra chiudere il match.

Kyriakopoulos 6 – Gara anonima in fase offensiva, ma attenta e solida in copertura. Esce a fine primo tempo per Rogerio.

Bourabia 4,5 – Anche per lui una gara sufficiente nel primo tempo, mentre nella ripresa crolla. Prima si fa beffare da Lazovic, che lo lascia sul posto sul cambio di direzione che libera il destro del vantaggio, poi partecipa assieme a Peluso alla frittata che vale la rete di Pessina.

Locatelli 6 – Gara un po’ incolore per lui; non commette molti errori, ma non incide sulla manovra come gli si chiederebbe di fare. Si ravviva nel finale, aumentando il suo baricentro e cercando di rendersi più concreto.

Berardi 6 – Pur rimanendo spesso nel vivo del gioco, fatica ad incidere come altre volte, probabilmente stanco dopo i 90’ minuti contro l’Inter. Negli ultimi venti minuti si rivitalizza e non trova la rete solo per un Silvestri in stato di grazia. Dialoga anche bene coi compagni e trova spunti interessanti.

Defrel 5,5 – Poco incisivo, sembra insicuro. Riesce tuttavia a trovare Boga per il momentaneo pareggio. Tuttavia non combina molto di più ed esce nella ripresa sostituito da Traorè.

Haraslin 6,5 – Il più attivo dei suoi nel primo tempo, pur senza trovare la porta crea qualche apprensione con alcune incursioni. Esce a fine primo tempo per Boga.

Caputo 6 – Non trova quasi mai il tiro e non si rende pericoloso, ma la difesa del Verona è decisamente arcigna e chiusa. Lui gioca in maniera intelligente e di scrificio; una delle sue sponde vale l’assist per la doppietta di Boga.

Rogerio 7 – Entra per Kyriakopoulos e, come il greco, gioca un match senza grosse sbavature difensiva. Non incide molto nemmeno in fase offensiva fino al 97’ quando, a pochissimi secondi dal triplice fischio, trova un goal spettacolare piazzando un tiro dalla distanza sul palo opposto: palla che colpisce il montante e si infila in rete per il definitivo pareggio. Gesto decisivo.

Boga 8 – Nel primo tempo il Sassuolo non tira mai in porta, ma il suo ingresso ravviva la manovra. Doppietta di pregevole fattura, prima con un diagonale fulmineo e poi con un tiro a giro, con pochissimo spazio, che si infila sotto nell’angolino sotto la traversa.

Traorè 5,5 – Entra per Defrel e dovrebbe ravvivare la manovra offensiva, ma in 20’ di gioco lo si nota poco.

Chiriches S.V.

Obiang S.V.

Pagelle a cura di Nicolò Villani

PAGELLE VERONA

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Verona

Silvestri 7 – Quasi mai impegnato per gran parte della gara, è incolpevole sul in occasione di tutte le reti emiliane. Nel mezzo, però, ci sono almeno quattro interventi belli e decisivi. Il pareggio dei padroni di casa poi arriva, ma assieme a Lazovic è il migliore dei suoi.

Rrahmani 5,5 – Partita in generale sufficiente, se non fosse per una singola sbavatura sul secondo goal di Boga. Merito certamente dell’attaccante del Sassuolo, che però trova quel metro di spazio concesso dal difensore dell’Hellas e può metterla dove Silvestri non può arrivare.

Gunter 6,5 – Partie decisamente positiva. Non sbaglia quasi mai e anzi, compie un ottimo intervento nel finale, chiudendo lo specchio a Caputo.

Kumbulla 6 – Partita di ordine, va raramente in difficoltà e comunque poi recupera. Viene ammonito e sostituito da Juric per Empereur; era diffidato, salterà la gara casalinga contro il Parma.

Adjapong 5,5 – Titolare a causa della squalifica di Faraoni, anche per lui una discreta partita per un tempo, poi l’ingresso di Boga lo mette in difficoltà. Sul primo goal dell’attaccante franco-ivoriano è lui che gli lascia lo spazio che gli permette di trovare il primo momentaneo pareggio, poi non più errore ma comunque sofferenza.

Amrabat 6 – Tanta quantità in mezzo al campo per 90’. Non punge, ma si rende utile in interdizione.

Veloso 5,5 – Gioca poco più di un’ora, nella quale mostra una regia ordinata ma senza troppa qualità e con pochi spunti degni di nota. Stanco, esce per Badu.

Lazovic 7,5 – Mette in costante difficoltà Muldur sin dal primo tempo. Nella ripresa entra in entrambe le due prime reti dei suoi. Prima si smarca da Bourabia e tira una saetta potente sotto la traversa che buca le mani di Consigli, poi sfrutta proprio un errore di Muldur per liberare con un assist perfetto Stepinski che, a due passi, non spreca. Cala comprensibilmente nel finale.

Pessina 6,5 – Partita generosa, pur senza particolari spunti. Bravo a sfruttare il grossolano errore della coppia Peluso – Bourabia e non fallendo a tu per tu con Consigli per il secondo momentaneo vantaggio.

Zaccagni 6 – Anche per lui pochi spunti dal punto di vista offensivo, ma tanta generosità in fase di pressing e copertura fino al 90’, quando esce per Verre.

Stepinski 7 – Lavoro di manovra e sponda, caparbio nel proteggere il pallone in occasione del vantaggio di Lazovic; trova poi la rete del secondo momentaneo vantaggio grazie sempre a quest’ultimo, appoggiando un facile tocco a pochi passi dalla porta. Esce a mezz’ora dal termine per Pazzini.

Empereur 6 – Gioca solo il secondo tempo e porta a casa la sufficienza. Non ha responsabilità sui goal del Sassuolo e nel finale un redivivo Berardi lo impegna, ma si fa trovare pronto.

Pazzini 5,5 – Solo mezz’ora per lui, ma combina poco. Riesce ad infastidire Peluso e Bourabia i quali, a causa del suo pressing, sbagliano il disimpegno che vale il terzo goal ospite. Per il resto poco presente.

Badu 5 – Entra per dare fisicità al centrocampo e all’interdizione, sostituendo Veloso. Tuttavia è proprio dal suo ingresso che il Sassuolo torna alla carica trovando anche corridoi centrali. Nel finale Rogerio trova un gran goal col piede debole, ma il ghanese gli concede troppo spazio per vedere la porta e concludere. Una leggerezza che pesa, soprattutto da un giocatore fresco e con la sua esperienza.

Verre S.V.

Pagelle a cura di Nicolò Villani

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy