Pagelle Sassuolo – Inter 3-4: Lautaro e Lukaku stendono i neroverdi – Voti fantacalcio

Pagelle Sassuolo – Inter 3-4: Lautaro e Lukaku stendono i neroverdi – Voti fantacalcio

L’Inter torna a vincere in campionato battendo per 4 a 3 il Sassuolo in una gara che ha regalato non pochi colpi di scena nel finale.

di Voti Fantamagazine
Pagelle Sassuolo - Inter: Lautaro e Lukaku stendono i neroverdi - Voti fantacalcio

Partita spettacolare quella andata in scena all’ora di pranzo tra Sassuolo e Inter. Alla rete di Lautaro Martinez, arrivata dopo appena un minuto, risponde Berardi con un diagonale che pietrifica Handanovic. L’Inter rimane però padrona del match, andando sul 4 a 1 prima con la doppietta di Lukaku, di cui un goal su rigore, e poi nella ripresa con Lautaro, anche lui su rigore. Quando però la partita sembrava ormai chiusa, ecco che Djuricic prima e Boga poi, subentrati nella ripresa, la riaprono con due ottime reti. Nel finale il Sassuolo non può che tentare il colpaccio, ma l’Inter chiude la gara, non senza difficoltà. Finisce 4 a 3 per gli ospiti.

PAGELLE SASSUOLO

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Sassuolo

Consigli 6 – Altra goleada subita, ma ancora una volta senza troppe colpe.

Muldur 5 – Nel primo tempo dal suo lato si soffre poco, ma nella ripresa cala fisicamente, andando spesso in difficoltà e facendo anche il fallo che vale il secondo rigore ospite. Manca in fase di spinta ed esce nel finale per Toljan.

Marlon 5 – Soffre tremendamente Lautaro per tutto il match, che lo beffa in continuazione, come in occasione del primo rigore dell’Inter, quando il brasiliano atterra ingenuamente l’attaccante nerazzurro.

Peluso 5,5 – Rimane dietro a Lukaku quando il belga segna la prima rete personale, ma per il resto risulta il migliore della fase difensiva, chiudendo con esperienza.

Tripaldelli 5,5 – Troppo spazio concesso a Lautaro nel primo goal e soffre Candreva per gran parte del match. Tuttavia nel finale, nonostante la stanchezza, sale di intensità, recuperando parte della prestazione precedente con diverse discese interessanti sulla fascia.

Duncan 5,5 – Partita non semplice, durante la quale fatica a farsi vedere in fase offensiva. Cerca però di mantenere alta l’intensità fino alla fine.

Magnanelli 6 – Pochi spunti, ma tanto ordine e esperienza al servizio dei compagni.

Obiang 5,5 – Come Duncan, è costretto ad un lavoro di copertura che lo limita dal punto di vista degli inserimenti, anche se la gamba non la tira mai indietro. Sostituito nel secondo tempo da Boga.

Traorè 6 – Nel primo tempo cerca di giocare molti palloni e trova lo spunto che porta al goal di Berardi. Tuttavia è leggero in fase di copertura e nella ripresa cala, venendo sostituito da Djuricic.

Berardi 6,5 – Il goal che pareggia inizialmente i conti è una sua invenzione. Pur vedendosi poco nel resto del match, gioca tanti palloni per i compagni, gestendo bene i possessi nonostante venga raddoppiato in continuazione.

Caputo 6 – Giocare contro la migliore difesa del campionato non è facile, ma lui prova comunque a fare tanto movimento utile ai compagni, sfornando anche l’assist per Djuricic. Qualche controllo sporco e qualche imprecisione in fase di finalizzazione lo rendono però poco pericoloso a livello individuale.

Boga 7 – Entrato per riaprire il match, dopo un inizio timido risulta fondamentale con strappi e dribbling che aprono in due la difesa dell’Inter. Sua la splendida rete che riapre definitivamente la partita quando, dopo una sgroppata sulla sinistra, semina il panico in area e conclude di destro battendo Handanovic.

Djuricic 6,5 – Giocatore più offensivo rispetto a Traorè, si piazza sulla trequarti portando qualità in diversi possessi. Smista palloni precisi e trova la seconda rete emiliana.

Toljan 6 – Gioca poco ma prova a sfruttare il calo di concentrazione degli ospiti con qualche cross nel finale che crea qualche apprensione a Skriniar e compagni.

PAGELLE INTER

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Inter

Handanovic 5,5: In questa gara appare troppo insicuro e se non fosse stato per il fuorigioco di Caputo, sarebbero stati ben 4 i gol subiti oggi.

Skriniar 5,5: Inizia la gara con il suo solito mix di calma ed esperienza ma pecca troppo di superficialità sul secondo e terzo gol del Sassuolo.

De Vrij 6: Sul gol di Boga anche lui avrebbe potuto fare qualcosa in più ma il suo assist per il primo gol di Lukaku compensa la prestazione odierna.

Bastoni 6: Resiste con grande personalità al pressing avversario ed è forse l’unico che riesce a mantenere ancora un briciolo di lucidità nel rocambolesco finale di partita.

Candreva 6,5: ormai sembra che l’Inter non riesca a fare a meno di lui che corre su tutta la fascia e si sacrifica spesso e volentieri per il lavoro sporco in fase di copertura.

Gagliardini 6: Disputa una prima parte di gara fatta di corsa e recuperi, per poi andare a spegnersi pian piano nella ripresa.

Brozovic 6: Fraseggia con i suoi compagni di squadra e dopo neanche due minuti dall’inizio del match trova l’assist vincente per Lautaro, peccando però di distrazione su alcuni affondi avversari.

Barella 6: La sua maglia a fine gara è, come al solito, completamente sudata e questo testimonia la sua costante voglia di rendersi utile alla squadra. Peccato che offensivamente parlando faccia ancora molta fatica a farsi notare. 

Biraghi 5,5: Una sua leggerezza a centrocampo permette la ripartenza avversaria e quindi il momentaneo pareggio di Berardi al 16esimo.

Lautaro Martinez 7,5: letteralmente incontenibile e immarcabile, fa quello che vuole nell’area avversaria, mettendo a segno una doppietta più che meritata.

Lukaku 7: Nella prima parte di gara fa gran fatica a ritagliarsi uno spazio tra i difensori avversari ma dopo aver carburato mette a referto due gol che zittiscono le recenti critiche mosse nei suoi confronti.

Lazaro (72esimo) 5,5: Entra al posto di Candreva e, pur chiudendo bene su due affondi pericolosi del Sassuolo, si becca un’ammonizione inutile e facilita gli avversari nella realizzazione del 2-4.

Politano (72esimo) 6: Entra sul finale di gara per far rifiatare Lautaro Martinez ma non riesce a preoccupare più di tanto la difesa avversaria, dando invece una mano alla squadra nella difesa del risultato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy