Pagelle Sampdoria – Torino 1-0: Candreva trova il gol vittoria! – Voti Fantacalcio

Blitz dell’esterno blucerchiato e tre punti in cassaforte

di Voti Fantamagazine

Una grande azione collettiva consente alla Sampdoria di portare a casa tre punti preziosi. La rete di Candreva, ben orchestrata da Quagliarella, Augello e Gabbiadini, protagonista dell’ultimo passaggio, consente ai blucerchiati di sconfiggere un Toro apparso molto stanco, soprattutto nella parte finale di partita. Per i granata un brutto stop, con la squadra che è in piena lotta salvezza.

PAGELLE SAMPDORIA

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Sampdoria

Audero 6 – Si gode una domenica pomeriggio rilassante, data la sterilità degli attaccanti granata. Molto bravo nelle uscite alte.

Bereszynski 6,5 – Ansaldi, soprattutto all’inizio, lo sorprende. Si fa vedere poco in avanti ma è efficace in fase di non possesso coprendo alla grande sulle seconde palle. Finale da antologia, in cui ingabbia il talento di Verdi con precisione senza mai rischiare più di tanto.

Colley 6,5 – Primo tempo in cui è attento e concede davvero poco agli avanti granata. Il duello con Belotti viene stravinto dal difensore gambiano che si rivela fondamentale nel finale quando con una chiusura evita guai peggiori. Stagione del rilancio: è ormai una colonna della difesa blucerchiata, difficile fare a meno di lui.

Tonelli 6,5 – Prestazione solida, copre bene le spalle ad Audero e Colley. Nel finale è costretto ad uscire a causa di un problema muscolare.

Augello 6,5 – Quagliarella stimola la sua falcata che diventa la “corsa della vittoria”: l’azione dell’1-0 nasce proprio da un suo strappo che mette ko la difesa granata. Bene anche nel secondo tempo quando contrasta senza troppi patemi il subentrato Singo.

Candreva 7 – Ansaldi lo mette, spesso, in difficoltà soprattutto nella prima parte del match. Ma è bravo a rispondere facendosi trovare al posto giusto nel momento giusto in occasione del goal che decide il match. Motivato dalla rete segnata, riesce poi a contrastare bene Ansaldi che è meno esuberante nella ripresa.

Thorsby 6,5 – Si sposa bene contro il centrocampo fisico del Torino. Prezioso, soprattutto, nei duelli aerei dove, difficilmente, viene sconfitto svettando su ogni pallone vagante. Stoico.

Ekdal 6,5 – Quantità e, anche, qualità al servizio della Sampdoria. Meno vistoso del collega di reparto, ma non per questo meno efficiente.

Jankto 6 – Poca qualità negli ultimi metri, ma tanto impegno per contrastare Vojvoda e Verdi. Il processo di maturità prosegue per il laterale ceco.

Gabbiadini 6,5 – Ritorna titolare dopo un’eternità e ripaga la fiducia di Ranieri con l’assist no look per Candreva. Una giocata di grande qualità per l’attaccante blucerchiato che lotta su ogni pallone. Rinato.

Quagliarella 6 – Sicuramente Lyanco e Bremer hanno una fisicità maggiore e lo ingabbiano. Poi si sveglia e, con un lampo della sua immensa classe, illumina Augello che compie un bellissimo strappo su cui nasce il goal della vittoria. Nella ripresa mette a disposizione tutto quello che ha, chiudendo senza energie.

Keita 5,5 – Ranieri lo inserisce per sfruttare le sue qualità da contropiedista: con la sua agilità, infatti, poteva sfruttare gli spazi lasciati dalla difesa granata. Ma praticamente è inesistente e, nell’unico spunto importante, inciampa in maniera goffa su Quagliarella.

Yoshida 6 – Entra e il Toro crea l’unico vero pericolo della sua partita. Inizio diesel, poi insieme a Colley contiene bene le folate offensive granata nel concitato finale.

Damsgaard sv – Una manciata di minuti per il laterale danese che ha poco tempo per incidere.

Ferrari sv – Entra per rinforzare la linea maginot blucerchiata. Compito eseguito anche per demeriti degli attaccanti granata.

PAGELLE TORINO

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Torino

Sirigu 6 – Compie di fatto il primo intervento al 95esimo con un’uscita su Keita. Può poco sul gol.

Bremer 6 – Non appariscente come al solito, ma di fatto gli avversari non gli creano molti grattacapi. Vince tutti i duelli aerei e compie buone chiusure. Come il resto della difesa entra nell’azione del gol subito, ma aveva poca scelta rispetto agli altri.

Lyanco 5 – Nel complesso non gioca una brutta gara, ma si fa dribblare da Augello aprendogli praterie per il gol di Candreva che vale la vittoria doriana. Errore grave perché poteva temporeggiare anziché tentare un intervento poco efficace.

Izzo 6 – Si ritrova anche lui beffato dal corridoio per Augello che porta al gol che sblocca la gara. Poi mette a sedere un avversario e scodella un gran pallone in area che risulta tra le potenziali occasioni migliori dei granata. Tutto sommato regge bene dal suo lato, seguendo e limitando più volte anche Quagliarella in giro per il campo.

Ansaldi 5.5 – Scala in maniera disperata su Gabbiadini lasciando però Candreva libero di battere a rete. In fase offensiva è sicuramente il più vivace, ma tentare un’infinità di cross, prevedibili, poco precisi e innocui, non è certamente la mossa giusta. Non tenta mai di cambiare tipologia di soluzione.

Gojak 5.5 – Nulla da dire sull’impegno del bosniaco, che prova a muoversi e proporsi per 80 minuti, sia come mezzala sia come esterno. Tuttavia risulta spesso confusionario e poco efficace, mostrando anche poco feeling con i compagni.

Mandragora 6 – Meno incisivo e decisivo delle ultime gare, è comunque ordinato nei suoi compiti.

Rincon 5 – Perde nettamente il duello in mezzo al campo con Thorsby, che giganteggia su tutte le palle aeree e gli chiude ogni linea di passaggio. Esce a 10 dalla fine per un taglio sul volto.

Vojvoda 5 – I compagni lo cercano spesso per mettere palloni in mezzo, ma sbaglia nettamente tutti i cross tentati, fondamentale di cui spesso si era dimostrato uno specialista. Esce dopo un’ora di gioco per Verdi ed il conseguente passaggio al 442.

Belotti 5.5 – In una delle occasioni più promettenti anticipa Gojak in posizione migliore e pronto a girare verso la rete. Si impegna e ritaglia qualche chance, ma appare più nervoso e meno concentrato del solito.

Sanabria 5.5 – Dopo una striscia di gare molto positive, oggi appare più spento ed isolato dal gioco. Complici molti cross errati quando si posizionava bene in area, non trova mai il modo di incidere.

Verdi 5.5 – Entrata tutt’altro che memorabile, si cala perfettamente nel mood della squadra che quest’oggi non ha altre idee che tentare poco probabili cross.

Zaza 6 – Dopo la doppietta decisiva di mercoledì, entra a trenta dalla fine con buon piglio. Non riesce ad evitare la sconfitta ma quantomeno porta in campo delle idee di gioco e serve un ottimo pallone al capitano, la cui incornata viene murata da Colley.

Singo 5.5 – Non fosse per l’evidente dissimilarità fisica, sembrerebbe di vedere ancora Vojvoda in campo. Vale quanto detto per la prestazione del kosovaro, con qualche attenuante per la lunga inattività.

Murru SV

Bonazzoli SV

A cura di Annarita Piegari

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy