Pagelle Parma – Genoa 1-2: Scamacca rimonta Pellè – Voti Fantacalcio

Il Grifone mette le mani sulla salvezza e inguaia i crociati.

di Voti Fantamagazine

Al Tardini il Genoa spezza il tabù Parma che lo aveva battuto nelle ultime cinque sfide. Sono gli emiliani a passare in vantaggio con un capolavoro in rovesciata di Pelle’. Gli uomini di D’aversa sfiorano più volte il raddoppio ma è il Genoa a trovare il pari con Scamacca che insacca da pochi passi gli esiti di una azione confusa. Dopo un periodo di stallo è ancora Scamacca a trovare il definitivo 2 a 1 dopo una pregevole combinazione al limite dell’area con Pjaca con un gran tiro sul secondo palo. Il Genoa mette le mani sulla salvezza mentre per il Parma è un duro colpo che complica la classifica.

PAGELLE PARMA

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Parma

Sepe 6: Praticamente inoperoso per tutto il match a parte qualche semplice uscita. Non può nulla su entrambi i gol

Conti 6: Rimane spesso bloccato senza spingere, dalla sua parte il Genoa non sfonda mai

Osorio 6: Sempre posizionato bene e puntuale negli interventi, annulla Destro che praticamente non tocca palla mente sui gol non è coinvolto negativamente

Bani 5,5: In parte condizionato dal giallo rimediato ad inizio gara. Sente la partita ma non riesce mai a tenere Scamacca anche se non compie errori evidenti

Pezzella 5: Brutta gara per il terzino di Daversa. Spinge poco ma soprattutto lascia troppo spesso crossare Zappacosta ed è poco reattivo sulla palla che gli passa davanti nel primo gol di Scamacca

Kucka 6,5: Solita gara da gladiatore, lotta e vince tante palle contese. Sua la spizzata di testa che regala l’assist a Pelle’. Spreca ad inizio ripresa un gol che avrebbe cambiato le sorti del match

Brugman 6,5: Conferma il momento di forma. Gioca con grande personalità smistando nel traffico tanti palloni e facendo da schermo alla difesa

Kurtic 5,5: Positivo nel primo tempo, mentre tende a scomparire colpevolmente dal match nella ripresa

Man 6: Frizzante e propositivo sulla corsia destra. Ha due palle gol che non concretizza come dovrebbe: la prima ad inizio gara dopo una bella sterzata dentro l’area calciando troppo centralmente; la seconda nel finale dopo colpisce tutto solo di testa ma Perin neutralizza

Pelle’ 7: Segna il primo gol dal suo rientro in Italia con una favolosa rovesciata da dentro l’area. Con alcune sponde manda in porta i compagni che però non concretizzano

Karamoh 5,5: Parte da sinistra ma in realtà svaria su tutto il fronte offensivo applicandosi con diligenza ma senza pungere

Mihaila 5: Tenuto in panchina un po’ a sorpresa, gioca la mezz’ora finale ma senza entrare nel vivo del gioco

Gagliolo 6: Entra al 70′ al posto di Bani giovando senza infamia né lode

Zirkzee 5,5 : Entra per cercare di dare peso all’attacco ma non trova nessuna giocata utile per cercare il pari

Hernani 6: Da fiato allo stanco Kurtic mette do forze fresche a centrocampo

Busi 6: Subentra al posto dell’acciaccato Pezzella nonostante non sia la sua fascia di competenza. Entra con la testa giusta e mette anche un bel cross che Man spreca

Pagelle a cura di Guasti Andrea

PAGELLE GENOA

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Genoa

Perin 6,5 – Bravo su Man ad inizio ripresa, non può nulla sul grandissimo gesto tecnico di Pellè se non prendersela con i difensori che lo hanno lasciato libero di tirare il coniglio dal cilindro. Sicuro su Brugman (si era sull’1-1): prevede in anticipo la conclusione del metronomo parmense respingendo con gran disinvoltura.

Masiello 6,5 – Sulla carta doveva soffrire la maggiore vivacità dei rapidi ed estrosi esterni ducali, in realtà contiene al meglio le sortite offensive cavandosela con gran mestiere.

Radovanovic 5,5 – Il gesto tecnico di Pellè è straordinario. Grandi meriti dell’attaccante, ma anche grandi demeriti dell’ex Chievo Verona in marcatura che ha preferito ammirare da vicino il gran gesto tecnico senza intervenire. Soffre per il resto della gara la fisicità della punta parmense.

Criscito 5,5 – In sofferenza. Man gli fa ballare il tango nei primi minuti di gara, nell’azione del vantaggio dei padroni di casa viene sovrastato con troppa facilità dal colpo di testa di Kucka che offre la sponda perfetta a Pellè. Si perde ancora una volta lo slovacco ad inizio ripresa: per sua fortuna, il centrocampista sbaglia un goal semplice.

Zappacosta 6,5 – Conferma l’ottimo stato di forma entrando in maniera netta e decisiva su entrambe le reti rossoblu: nel primo caso il suo tiro-cross viene aggiustato da Scamacca, nella seconda occasione, spostatosi a sinistra, la sua verticalizzazione consente l’ottimo duetto tra Pjaca e Scamacca, culminato con la conclusione vincente di quest’ultimo.

Zajc 5,5 – Sempre sotto ritmo. Soffre l’aggressività della mediana avversaria. Ha grandi mezzi tecnici ma si prende troppe pause all’interno della gara.

Badelj 6 – Lavoro oscuro per il regista croato, sofferente come gran parte della squadra nel primo tempo in crescita nella ripresa dove trova energie preziose dai cambi di Ballardini.

Strootman 6,5 – Rispetto ai compagni di reparto è il più vivo abbinando il solito prezioso mix di quantità e qualità. Spesso insidioso negli ultimi sedici metri.

Czyborra 5 – Non un primo tempo esaltante per il giovane laterale ex Atalanta che appare fuori forma e fuori giri contro Conti. Rimane negli spogliatoi.

Shomurodov 5 – Proprio contro il Parma aveva realizzato la sua prima rete in A. Stasera in pochi ricorderanno che sia sceso in campo. Zero lampi, zero idee. E, vedendo come è andata, la scelta di sostituirlo alla ripresa è stata decisiva.

Destro 5,5 – Nervoso, l’astinenza dal goal inizia a farsi sentire. Anche per lui una prestazione nel complesso opaca. Ha il merito, però, di entrare nell’azione del pareggio con il cross da cui scaturisce l’assistenza di Zappacosta a Scamacca.

Scamacca 8 – Una doppietta per scacciare gli incubi di una stagione non all’altezza delle aspettative. Grande fisica ma anche grande qualità, basti vedere il secondo goal con cui incenerisce Sepe con un tiro dalla media distanza preciso e potente. Può essere il punto di partenza di un gran finale di stagione.

Pjaca 6,5 – Con Strootman c’è una bella sintonia. Si appoggia spesso all’ex Roma. Parte largo, termina affianco a Scamacca: bellissimo il tacco con cui consente proprio alla giovane punta di segnare la rete della vittoria.

Behrami 6 – Partita perfetta per mettere in dote le sue qualità: entra con grande aggressività e consente alla squadra di non abbassarsi troppo donando nuova linfa al centrocampo.

Biraschi 6 – Subentra e si piazza largo a destra spostando Zappacosta sull’out mancino. Conferisce maggiore equilibrio e densità difensiva ai rossoblu.

Rovella sv

Pagelle a cura di Mario Ruggiero.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy