Pagelle Milan – Atalanta 0-3: Romero inventa assist e segna! – Voti Fantacalcio

Il difensore dei bergamaschi è il migliore in campo grazie al gol che apre l’incontro e all’assist per Zapata. A segno anche Ilicic su rigore.

di Voti Fantamagazine

In quel di San Siro l’Atalanta prende a sassate il Milan in un match a senso unico. I rossoneri iniziano bene, ma dopo il primo quarto d’ora emerge la qualità degli avversari che si portano in vantaggio con un colpo di testa di Romero (il quale successivamente coronerà questa partita monumentale con un assist). Nel secondo tempo gli avversari, grazie ad un Ilicic in stato di grazia, impongono il proprio gioco e chiudono il match prima con un rigore dello stesso sloveno ed infine con la marcatura di Duvan Zapata. Con la chiusura del girone di andata e complice il risultato di Udine, il Milan è campione d’inverno ma esce ridimensionato da questo pesante 0-3; al contrario, la Dea rilancia le proprie ambizioni in alta classifica, soprattutto in ottica Champions League.

PAGELLE MILAN

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Milan

Donnarumma G. 6,5 – Incolpevole sui gol e sfortunato sul rigore, è chiamato in causa più del solito ed è costretto a stare sempre in tensione.

Calabria 5,5 – Entra spesso in difficoltà a causa delle sofferenze continue del centrocampo milanista ed in diverse occasioni si trova ad affrontare Gosens con un compagno di squadra pronto a liberarlo con i “dai e vai”. Senza dubbio regge meglio di Theo Hernandez ed è uno dei più positivi nonostante la disfatta.

Kalulu 5 – E’ preciso in quasi tutte le chiusure, ma Romero realizza l’1 a 0 nell’unica occasione in cui il ragazzo si perde l’uomo. Gioca bene finchè non è costretto ad uscire per un infortunio all’anca, lasciando spazio a Musacchio.

Musacchio 6 – Chiude bene in un’occasione su Ilicic lanciato in porta e difende adeguatamente, nonostante sia evidentemente fuori condizione.

Kjaer 5,5 – Il gigante danese tiene su la baracca come ogni giornata e copre gli errori dei compagni. Lascia troppo spazio a Zapata sul 3 a 0, ma sui 90 minuti è migliore della squadra per distacco.

Hernandez T. 4,5 – Spinge molto e conclude ben poco: lascia costantemente un buco in difesa sfruttato da Hateboer per le ripartenze atalantine. L’esplosione di Ilicic nel secondo tempo lo relega ad un ruolo pressochè difensivo ed il povero Theo crolla totalmente.

Tonali 4– Soffre parecchio Pessina, non riesce mai a tenere fisicamente gli avversari e sbaglia letteralmente tutto: passaggi, contrasti, movimenti, coperture. La sua prestazione è talmente deludente da far venir dubbi sulla validità della cifra spesa per il suo acquisto.

Kessiè 5 – Il ragazzo si impegna ed è l’unico a reggere del centrocampo rossonero, ma rovina la sua prestazione con il colpo su Ilicic che causa il rigore dello 0 a 2.

Castillejo 5 – Samu si sforza, ci prova, ma le sue spinte sono infruttuose: gli unici rischi vengono dalla fascia sinistra e l’unica cosa che può fare è tentare di aiutare gli altri reparti vistosamente in difficoltà. Esce nel secondo tempo per l’esordio di Mandzukic.

Mandzukic 6 – E’ fuori forma e si vede: corre poco, sbaglia anche le cose più minimali, ma di certo la sconfitta non è colpa sua. Gli unici tentativi di proporsi in fase offensiva a fine partita sono suoi.

Meitè 4,5 – Pioli lo reinventa trequartista ma l’esperimento è fallimentare: al ragazzo manca il piede e la qualità per rivestire il ruolo. Non appena compreso l’errore, il mister lo sostituisce immediatamente alla fine del primo tempo.

Diaz B. 5,5 – Dovrebbe offrire quell’inventiva mancata con Meite’, ma cambia ben poco: si rende pericoloso su un tiro a fine partita, per il resto 45 minuti di nulla.

Rafael Leao 6 – Ubriaca la difesa avversaria nel primo tempo con la sua esplosività fisica, ma gli arrivano pochi palloni e si eclissa gradualmente. Al 70esimo lascia spazio a Rebic.

Rebic 5,5 – Il ragazzo fisicamente è debole e non regge le spinte della squadra avversaria: per vedere il vero Ante dovremo ancora attendere un po’.

Ibrahimovic 5 – Romero lo annienta per 90 minuti interi e lui non riesce a gestire un singolo pallone, anche perché gliene arrivano pochi ed è costantemente raddoppiato dagli avversari. Il Dio di Milano è caduto, ma si rialzerà.

Pagelle a cura di Giosuè Fichera

PAGELLE ATALANTA

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Atalanta

Gollini 6.5 – Il portiere bolognese risulta determinante con un tuffo felino sul tiro concluso da Mandzukic. Il resto è ordinaria amministrazione.

Romero 8 – Muro, bomber e anche assistman! Il centrale argentino ha dato vita ad una prestazione perfetta sotto ogni punto di vista: difensivamente sovrasta Ibrahimovic in tutti i contrasti e, poi, corona la sua giornata con un colpo di testa in volo d’angelo da attaccante consumato. Come se non bastasse fornisce l’assist per il terzo gol atalantino.

Djimsiti 6.5 – Puntuale e decisivo ad inizio gara nell’anticipare l’attaccante svedese da un possibile gol facile. Per il resto Castillejo e compagni riescono a malapena a fargli il solletico.

Toloi 6.5 – Come i suoi compagni di reparto, anche il capitano garantisce ordine e puntualità in tutti gli interventi senza mai andare in affanno. Prestazione ben oltre la sufficienza.

Hateboer 7 – Dal suo lato annulla del tutto Theo Hernandez e, anzi, più volte si rende pericoloso dalle zone di Donnarumma, in particolare con un tiro-cross che stava per sorprendere il portiere di Castellammare. Nella ripresa aumenta i giri del motore e fornisce un grande cross per Zapata che non riesce ad approfittarne.

De Roon 6.5 – Si dimostra ancora una volta mediano per antonomasia e, probabilmente, unico con queste caratteristiche della formazione bergamasca. Grazie al suo ottimo filtro manda a vuoto i trequartisti del Milan che non riescono quasi mai a creare azioni pericolose.

Freuler 6 – Senza dubbio il meno appariscente del centrocampo nerazzurro, ma non per questo meno utile il suo contributo alla vittoria. La sufficienza è ampiamente meritata.

Gosens 6.5 – In fase offensiva si vede meno del solito. Riesce, comunque, a lasciare il segno con un bellissimo lancio di prima intenzione che finisce sulla testa di Romero per lo 0-1. Ammonizione evitabile al termine della partita per l’esterno tedesco.

Pessina 6.5 – Lavoro oscuro del trequartista ex Verona. Garantisce la sua solita quantità condita da qualche bel guizzo. Esemplare il filtrante nel primo tempo che manda Ilicic davanti al portiere, senza che lo sloveno riesca a concludere.

Ilicic 7.5 – Funambolo! Le sue giocate ubriacano letteralmente la retroguardia rossonera. Ogni volta che punta gli avversari dà sempre l’impressione di creare qualcosa di pericoloso. Esperto nel procurarsi il rigore e fortunato nel segnarlo con Donnarumma che intuisce, ma non respinge.

Zapata 7 – Partita dal doppio volto per “El Ternero”. Spreca qualche occasione di troppo, ma risulta davvero glaciale nel trafiggere Donnarumma per lo 0-3 finale. Firma il suo ottavo gol in campionato e riprende con prepotenza la sua marcia per la classifica capocannoniere.

Maehle 6 – Entra al 67’ al posto dell’acciaccato Hateboer. Partita giocata senza infamia e senza lode.

Muriel s.v

Malinovskyi s.v

Palomino s.v

Caldara s.v

Pagelle a cura di Daniele Ferlito

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy