Pagelle Lazio – Verona 1-2: colpo del Verona all’Olimpico, Caicedo non basta per la lazio

di Voti Fantamagazine

Colpo del Verona all’Olimpico. Gli uomini di Juric imbrigliano la Lazio con una grande prova tattica, imponendosi 1-2 con l’autorete di Lazzari e il goal di Tameze. In mezzo il goal del momentaneo pareggio di Caicedo.

PAGELLE LAZIO

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Lazio

Reina 6 – Incolpevole sulle reti del Verona, è bravo a chiudere su Zaccagni in uscita e mantenere in partita i suoi, nel primo tempo.

Parolo 6 – Schierato a sorpresa nel terzetto difensivo, ci mette esperienza giocando una partita da difensore, attento e bloccato sulla linea.

Acerbi 6 – Dopo 927 minuti il difensore biancoceleste deve interrompere il suo record e abbandonare il campo arrendendosi ad un problema fisico.

Hoedt 6 – Prende il posto del leader difensivo e non commette sbavature. Non ha le uscite palla al piede di Acerbi, ma non sfigura.

Radu 5 – Con esperienza e intelligenza gestisce la zona di competenza, ma viene tradito da un eccesso di fiducia e da un retropassaggio corto che spalanca le porte al raddoppio del Verona.

Lazzari 6 – Nel primo tempo è il più propositivo dei suoi, ma proprio sul finale batte Reina con un intervento maldestro, che regala il vantaggio al Verona. Si riscatta nella ripresa con l’assist del 1-1.

Fares sv. Una manciata di minuti e un giallo per fallo tattico.

Milinkovic 5,5 – Gioca 90 minuti con Lovato cucito addosso e fatica a trovare spazio. Senza Luis Alberto deve prendersi il centrocampo sulle spalle, ma trova solo qualche giocata e un colpo di testa centrale.

Leiva 6 – Poco più di un’ora per l’equilibratore biancoceleste, che lotta con tutte le sue forze e la sua esperienza contro l’aggressività del pressing avversario.

Escalante 6 – Inserito quando Leiva finisce la benzina, per continuare a svolgere il ruolo di frangiflutti davanti alla difesa.

Akpa Akpro 5 – Ha caratteristiche diverse da Luis Alberto, ma la fisicità degli avversari è superiore alla sua, e lui finisce per sparire. Ha anche una buona occasione ma la spreca malamente.

Pereira sv. Impensierisce Silvestri dalla distanza.

Marusic 5,5 – Perde il duello sulla corsia contro Faraoni, faticando a limitarlo e non riuscendo quasi mai ad impensierirlo in proiezione offensiva.

Caicedo 6,5 – Dopo un primo tempo complicato e con pochi palloni giocabili, ha il merito di siglare il goal del momentaneo pari con una girata molto simile a quella messa in mostra con la Juventus.

Correa 5,5 – Il suo ingresso non cambia la partita, con il Verona che riesce a limitarlo impedendogli di trovare lo spazio necessario per trovare la giocata.

Immobile 5,5 – Si allarga e si sbatte girando attorno a Caicedo, ma perde di pericolosità sia per la fatica che per l’ottima marcatura dei difensori avversari.

 

PAGELLE VERONA

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Verona

Silvestri 6,5 – Non deve compiere grandi parate per 80 minuti, poi si fa trovare pronto sul colpo di testa di Milinkovic e si supera sul destro di Pereira nel finale di gara.

Lovato 6,5 – È una delle mosse ad hoc studiate da Juric. A lui chiede di attaccarsi a francobollo a Milinkovic e lui non lo lascia mai solo, rincorrendolo per tutto il campo.

Magnani 6,5 – Ordinato e puntuale in marcatura e nel piazzamento. Limita Immobile costringendolo a girare al largo, e mirandolo nei tentativi verso la porta.

Dawidowicz 5,5 – Meriterebbe la sufficienza, ma la leggera marcatura che consente a Caicedo di prendersi lo spazio per l’1-1 gli costa mezzo voto.

Faraoni 6,5 – Uomo prezioso in entrambe le aree di rigore. Nella sua prova a prenderle tutte opponendosi ai tentativi avversari, nell’altra è sempre pericoloso con i suoi cross.

Veloso 6 – Il suo mancino e i suoi tempi di gioco sono sempre utili, soprattutto per sbrogliare le situazioni più difficili sulla trequarti difensiva in uscita dal pressing laziale.

Tameze 7 – La vera mossa a sorpresa del Verona. Gioca da falso nueve con qualità e quantità, e trova anche il goal prima di abbandonare il campo. È lui il jolly di Juric per scardinare la difesa biancoceleste.

Favilli 6 – Prende il posto di Tameze subito dopo il goal, per dare maggiore fisicità e offrire la possibilità di lanciare lungo e tenere palla.

Dimarco 6 – Meno propositivo del solito, ma ha il grande merito di colpire al volo il pallone che Lazzari spinge maldestramente nella sua porta.

Barak 6 – Nel primo tempo perde un pallone velenoso, che Immobile non riesce a sfruttare. Poi si riprende e cresce di livello, offrendo una buona prestazione tra mediana e trequarti.

Zaccagni 6,5 – Partita di grande sacrificio tattico e meno brillante in zona goal. Ha comunque la chance di mettere a segno il terzo goal consecutivo, ma Reina gli chiude la porta. Bravissimo in chiusura su Akpa Akpro.

Lazovic sv.

Salcedo 6,5 – Schierato a sorpresa, ripaga la fiducia del suo tecnico con tanta corsa e grande pressing. Proprio con l’utilizzo di queste doti, induce Radu all’errore che regala il goal del 1-2.

Colley 5,5 – Entra per dare fiato a Salcedo, ma non riesce a sfruttare la sua rapidità e si nota solo per un ammonizione.

Pagelle a cura di Marco Agostinelli

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy