Pagelle Genoa – Napoli 2-1: Pandev trova una doppietta da 3 punti! – Voti Fantacalcio

L’attaccante macedone segna i due gol che chiudono l’incontro. Politano trova il 2-1 nel finale ma non basta.

di Voti Fantamagazine
Pandev

Le mani di Perin, il mancino di Pandev, la sapiente regia di Badelj. Il Genoa si conferma una “corazzata” da quando è allenata da Ballardini. Questa sera al Marassi lo scalpo è di una big, il Napoli di Gattuso a cui non serve la rete, nel finale, di Politano su gentile concessione di Portanova.

PAGELLE GENOA

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Genoa

Perin 8 – Se il Genoa porta a casa l’intera posta in palio è soprattutto per merito del portierone rossoblu che alza un muro dinanzi a sé. Tanti gli interventi per l’estremo difensore ex Juventus, degno di nota quello su Demme nella ripresa. Cede nel finale con Politano che in mischia lo infilza.

Goldaniga 6 – Lozano è un cliente ostico, ma per sua fortuna si accende ad intermittenza. Gestisce al meglio le sortite del messicano che comunque si crea diverse occasioni ma senza colpo ferire.

Radovanovic 6,5 – Petagna sicuramente offre una gran prestazione ma il centrocampista, ormai diventato a tutti gli effetti difensore centrale, si francobolla al 37 azzurro e lo limita murandogli conclusioni e spazio di azione. La musica non cambia con l’ingresso di Osimhen.

Criscito 6 – Partita speciale per il capitano rossoblu date le sue origini napoletane. Sul campo è “freddo” e non si fa condizionare, dando manforte al giovane Czyborra e mettendo a disposizione carisma e mestiere nelle fasi calde del match.

Zappacosta 6,5 – Rispetto al solito non si nota in fase di spinta, la sua è una gara molto accorta. Cresce nel finale quando riesce a guadagnare metri preziosi con contrasti e rimpalli che sono vitali per mantenere il successo.

Strootman 6 – Rispetto ai compagni di reparto è meno preciso. Prova diverse volte la sventagliata ma in alcune circostanze sbaglia la misura del cambio gioco. Sicuramente è prezioso per fisicità e quantità ma potrebbe fare meglio. Deve ancora togliere la ruggine.

Badelj 7 – Sale in cattedra con una gara di rara intelligenza tattica. Abile nel servire di prima Pandev sull’1-0 mette in difficoltà l’organizzazione della mediana azzurra con un pressing asfissiante su Demme. Esperienza da vendere quando nel finale guadagna un prezioso calcio di punizione nel momento favorevole per il Napoli.

Zajc 6,5 – Bravo nell’assistenza a Pandev sull’azione del raddoppio, in generale non commette né sbavature né particolari lampi di genio. Dà una mano a Czyborra in fase di copertura.

Czyborra 6 – Spinge meno del solito anche perché, sul suo lato Politano, Elmas e Di Lorenzo, pur sbagliando spesso le scelte, sono sicuramente molto attivi e provano più volte delle sortite offensive. In combutta con Criscito e un generoso Zajc gestisce al meglio la situazione concedendo il minimo indispensabile.

Pandev 7,5 – Non segnava dalla prima giornata di campionato. Doppietta da ex senza esultanza. Due tiri, due goal. Formidabile la sua freddezza e lucidità a tu per tu con Ospina.

Destro 6 – Non si nota sotto porta, ma il suo lavoro è prezioso. Rincula persino in difesa per dare una mano alla squadra. Entra nell’azione del raddoppio con il passaggio sporcato da Zielinski che viene “riciclato” da Zajc e rifinito da Pandev.

Scamacca 5,5 – Entra per dare profondità alla squadra, rischia di commettere una frittata con un intervento avventato su Mario Rui nel concitato finale.

Behrami 6 – Ringhia sulle caviglie avversarie, il suo ingresso dà linfa alla mediana.

Portanova 5 – Debutto poco fortunato in maglia rossoblu per il talentuoso calciatore cresciuto nel vivaio della Juventus. Consegna, difatti, la sfera a Politano che trafigge Perin e rischia di mettere in discussione la partita, con il Genoa che era riuscito ad amministrare con grande pazienza.

Rovella sv

PAGELLE NAPOLI

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Napoli

Ospina 6 – Incolpevole nelle occasioni dei gol subiti: la sua difesa va a farfalle e lui non può nulla a tu per tu con Pandev.

Di Lorenzo 6 – Notizia della serata: non è il peggiore della difesa. Anzi. Difensivamente è attento ed è bravo a cercare i compagni tra le linee per risalire più rapidamente il campo. Troverebbe anche un assist per Osimhen, ma il nigeriano non centra la porta.

Manolas 5,5 – L’assenza del compagno di reparto titolare mina la sicurezza anche del centrale greco, che sembra spaesato e nell’occasione del raddoppio del Genoa si perde l’inserimento di Pandev. Esce nel secondo tempo per una botta alla caviglia.

Maksimovic 4,5 – C’è poco da commentare. È alla fine del suo contratto con il Napoli, e difficilmente qualcuno lo rimpiangerà. La sufficienza dell’appoggio a Demme (che vale il vantaggio del Genoa) è la fotografia del suo quinquennio napoletano.

Mario Rui 5 – Alla fine del primo tempo si rischia la sospensione della gara per mancanza di palloni: decide di improvvisarsi bombardiere e comincia un tiro alla quaglia con risultati pregevoli. Peccato che si dimentichi si salire con la linea nell’occasione del raddoppio del Genoa. In una sola parola: indolente.

Elmas 6 – Da quando il mister lo ha ricollocato nella sua zona di campo, il macedone è tornato a far vedere quelle qualità che tanto avevano fatto sperare i tifosi napoletani. Nel primo tempo è tra i migliori, ma sul finale spreca la palla del pareggio, il che gli costa mezzo voto in meno.

Demme 5,5 – Si trova al posto giusto al momento giusto, ma il passaggio di Maksimovic lo rende protagonista non desiderato di una frittata gigantesca. Va vicino alla rete a metà secondo tempo, ma Perin gli nega la gioia del gol.

Zielinski 6 – Ci prova in apertura e in chiusura di primo tempo, ma in entrambi i casi trova pronto Perin. Sfortunato quando da una sua scivolata il pallone arriva a Zajc e successivamente a Pandev per il gol del 2-0.

Lozano 6 – Schierato a sinistra, il messicano inizia la sua partita con i soliti guizzi e la solita pericolosità offensiva. Va vicino al gol con una bella conclusione da fuori e quando viene riportato sulla destra diventa una minaccia costante per la difesa rossoblù.

Petagna 6,5 – Insieme a Elmas il migliore degli azzurri nel primo tempo: non solo prende una traversa, ma riesce sempre a far salire la squadra e si destreggia ottimamente tra i centrali del Genoa. Meriterebbe un premio alla sua tenacia.

Politano 7 – Quando parte titolare di solito si rileva fumoso, e per buona parte della prestazione di stasera il canovaccio non sembra sovvertito. Poi Gattuso lo schiera interno di centrocampo e la sua partita migliora. È sicuramente il migliore dei suoi, e non solo per il gol trovato.

Osimhen 6 – L’attaccante nigeriano sta acquistato pian piano minutaggio. Più coinvolto nel gioco rispetto alle scorse uscite, ha una buona occasione per lasciare il segno ma calcia alto.

Insigne 6 – L’ingresso del capitano non restituisce gli effetti sperati: è stanco e si vede. Avrebbe anche la possibilità di trovare un gol importantissimo, ma da buona posizione colpisce il palo.

Rrahmani 6 – Entra per l’infortunato Manolas e fa il suo dovere.

Bakayoko SV

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy