PAGELLE GENOA - MILAN

Pagelle Genoa – Milan 0-3: Ibra apre, Messias chiude. Tutto facile per i rossoneri – Voti Fantacalcio

Pagelle Genoa – Milan 0-3: Ibra apre, Messias chiude. Tutto facile per i rossoneri – Voti Fantacalcio

Le pagelle di Genoa - Milan (0-3) a cura della redazione di Fantamagazine.com

Voti Fantamagazine

Il Milan risponde all'Inter e approfitta del passo falso del Napoli violando il Marassi con un gran Messias, autore di una doppietta, e la rete iniziale di Ibrahimovic. I rossoneri si ridestano dopo due sconfitte consecutive e fanno di un sol boccone un Genoa che conferma i cronici problemi offensivi. Rossoblu terzultimi a quota dieci punti.

PAGELLE GENOA

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Genoa

Sirigu 5,5 - Forse è troppo folta la barriera sulla punizione che sancisce lo 0-1 di Ibra: vede la sfera in ritardo e non accenna l'intervento. Sul secondo gol dei rossoneri è troppo avanti e viene beffato dalla deviazione aerea di Messias. Sul bis del brasiliano può poco.

Vanheusden 5,5 - Un pelino meglio rispetto ai compagni di reparto, più che altro perché cerca quantomeno di non rendere facile la vita agli avanti rossoneri deviando, spesso, col corpo le conclusioni degli attaccanti ospiti.

Masiello 5 - Dopo la domenica serena di Udine, sprofonda nell'inferno con i Diavoli rossoneri. Prova a contenere le folate offensive con mestiere, ma non riesce a metterci la pezza come in altre circostanze.

Vasquez 5 - Messias e Diaz lo fanno ballare spesso. Gioca troppo d'anticipo e, a volte, è irruento coi tackle rischiando grosso in più di qualche circostanza.

Ghiglione 6 - Non spinge molto sull'acceleratore preferendo scalare spesso per evitare le veloci ripartenze di Hernandez che gioca a ritmo basso rispetto al solito.

Sturaro 5 - Kessie lo domina atleticamente e tecnicamente, va in completo brodo di giuggiole. Esce, inevitabilmente, all'intervallo.

Badelj 5 - Anche lui, come parte dei compagni di squadra, subisce l'asfissiante pressing del Milan concedendo palloni sanguinosi e geometrie errate.

Rovella 6 - L'unico che riesce a contrastare i ritmi imposti dal Milan: prova diverse buone soluzioni, ma si arrende verso il finale di gara per problemi muscolari.

Cambiaso 5 - sfiora il gol subito, poi però, viene facilmente inglobato dalla

Bianchi 5 - A parte una saccagnata da Gabbia, non riesce mai a farsi trovare pronto nell'area di rigore avversaria.

Ekuban 5 - Prosegue il digiuno di reti in A. Di certo, alla vigilia, non poteva sperare di sbloccarsi contro il Milan. Tomori non gli concede nemmeno mai il tempo per poter fare sponde o dialogare con la squadra.

Hernani 6 - Entra e suona subito la carica costringendo ad una gran parata Maignan. In generale, con il brasiliano in campo, il Genoa ha più verve negli ultimi sedici metri.

Pandev 6 - Sufficienza alla carriera. Anche lui, come Galdames, entra a risultato ampiamente già deciso.

Galdames 6 - Entra a risultato acquisito, si fa apprezzare per una buona gamba e per una discreta velocità di manovra.

Bani sv

Portanova 6 - Appena entrato esalta i riflessi di Maignan, costretto agli straordinari con un gran intervento sulla conclusione da metà campo del giovane centrocampista.

Pagelle a cura di Mario Ruggiero

PAGELLE MILAN

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Milan

Maignan 7 - Dopo un primo tempo al freddo e al gelo si scalda decisamente nella ripresa con due parate che valgono il prezzo del biglietto: eccellente su Hernani, monumentale su Portanova. Riflessi da giaguaro.

Kalulu 7 - Il duttile difensore francese offre un contributo importante sia da laterale destro che da difensore centrale, ruolo in cui scala ad inizio secondo tempo con l'ingresso di Florenzi. Preciso.

Tomori 7 - Senza di lui il Milan ha subito sette reti in due gare. Non è un caso che sia arrivato il clean sheet con la sua presenza in campo. Ekuban se lo sognerà anche la notte.

Kjaer sv - La sua gara dura pochissimo. La speranza è che non sia un infortunio grave per il difensore danese, ma le prime sensazioni non sono affatto positive.

Theo Hernandez 6 - Rispetto a quanto ci ha abituato gioca più di gestione che d'istinto. Poche discese sulla trequarti avversaria: sicuramente gli errori delle ultime gare hanno influito su questo suo atteggiamento più riflessivo.

Kessie 6,5 - Prestazione più che sufficiente per l'ivoriano che conferma di essere molto altalenante, visto che veniva da una performance mediocre contro il Sassuolo. Quando, però, è concentrato fa inevitabilmente salire i giri del centrocampo rossonero.

Tonali 7 - Altra grande gara dell'otto rossonero. Quantità e qualità. Pressa, costruisce e si inserisce negli spazi: prezioso. Un calciatore sempre più migliorato rispetto allo scorso campionato.

Messias 8 - Prima da titolare in maglia rossonera per il brasiliano, salvatore della patria a Madrid. E, come in terra, spagnola ci mette la testa per siglare il raddoppio rossonero. Per poi chiudere la contesa con il suo educato mancino. What else?

Krunic 6 - Rispetto ai suoi colleghi di trequarti è sicuramente meno vispo, però, di certo è l'equilibratore dei rossoneri dato che trova le giuste distanze tra mediana e centrocampo. Avrebbe anche la chance di chiudere il match prima di Messias, ma il suo destro termina largo alla destra di Sirigu.

Diaz 7 - Finalmente sprazzi del funambolico trequartista che aveva trascinato il Milan nella prima parte di stagione. Veloce di gambe e di pensiero, fa vedere i sorci verdi a Masiello e Vasquez. Corona la sua gara con l'assist per il tris di Messias.

Ibrahimovic 7,5 - Apre le danze con una punizione precisa. Gol numero 90 in maglia rossonera. Potrebbe rimpinguare il suo bottino di reti, ma sbaglia qualcosina proprio nella finalizzazione. Si fa perdonare con una prestazione a tutto campo: illumina le offensive rossonere con tocchi felpati.

Gabbia 6 - Entra a freddo per l'infortunio patito da Kjaer. Rischia grosso in un contrasto aereo con Bianchi rimediando il giallo. Rimane negli spogliatoi all'intervallo, con Pioli che preferisce non confermarlo con il giallo pendente sulle sue spalle.

Florenzi 6 - Subentra a Gabbia, gara senza spunti ma nemmeno sbavature.

Pellegri 6 - Mezzora utile per migliorare la condizione e cercare di essere più lucido per le prossime gare, dato il forfait di Giroud. E' un ex dell'incontro ma non ha mai l'occasione per far male ai suoi vecchi tifosi.

Bakayoko sv

Saelemaekers sv

Pagelle a cura di Mario Ruggiero

 

tutte le notizie di