Pagelle Cagliari – Spezia 2-2: Pavoletti ritorna al goal, Nzola glaciale dal dischetto nell’extratime – Voti Fantacalcio

Un tempo per testa fra Cagliari e Spezia: volano i bianconeri nel primo tempo, ripresa di marca rossoblu. Nzola chiude i conti (sul definitivo 2-2) dal dischetto all’ultimo secondo utile

di Voti Fantamagazine

Finisce in pareggio la sfida tra Cagliari e Spezia. Un tempo per testa: il primo dominato dallo Spezia, il secondo dal Cagliari, che però non riesce a chiudere la partita e si fa recuperare all’ultimo minuto da un rigore di N’Zola. In gol anche Gyasi per lo Spezia e Joao Pedro e Pavoletti per il Cagliari.

PAGELLE CAGLIARI

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Cagliari

Cragno 6,5 – Grande parata su Farias nel primo tempo, per il resto rodinaria amministrazione. Non può nulla sui gol.

Zappa 6,5 – Primo tempo in affanno contro Farias, nel secondo sale di tono e si impadronisce della fascia servendo anche un delizioso assist per Pavoletti.

Walukiewicz 5,5 – Il migliore del reparto arretrato in fase difensiva, sbroglia una sacco di situazione pericolose anticipando possibili pericoli, tiene però in linea N’Zola nella situazione che porterà al rigore lo Spezia.

Klavan 5 – Primo tempo in costante difficoltà, deve più volte appoggiarsi sul compagno polacco. Nel secondo tempo lo Spezia attacca di meno, ma è ingenuo sul rigore procurato all’ultimo minuto.

Carboni 5 – In avanti si vede poco, dietro si perde Gyasi sul gol del vantaggio ligure.

Marin 5,5 – Dovrebbe velocizzare il gioco sardo, invece tocca pochi palloni e spesso è troppo lento. Sempre in ritardo sui centrocampisti avversari.

Rog 6 – Prima fazione di gioco horror, sbaglia passaggi e non riesce mai ad accorciare sugli avversari. Col tempo si riprende e torna a recuperare palloni come solo lui sa fare. Ottimo un suo recupero su N’Zola ad inizio secondo tempo.

Ounas 5,5 – Croce e delizia del Cagliari, si accende a tratti, un suo grande limite. Bellissimi il passaggio filtrante su Zappa nell’azione del secondo gol, dopo dieci minuti si mangia un gol clamoroso a porta libera.

Sottil 6 – Tra i migliori nel primo tempo, corre e lotta sulla fascia sinistra. Mezzo voto in meno per il gol sbagliato nel finale, avrebbe dovuto chiudere la partita.

Joao Pedro 6,5 – Sembrava una delle sue partite dove gioca svogliato, con poca convinzione, invece alla prima occasione trova il gol del pareggio. Di lì sale di tono, ma non riuscendo a sigillare il vantaggio su una buona occasione.

Pavoletti 7 – Pavoloso è tornato!!! Ed in grande stile, con un gol di tacco da grande attaccante. Il resto della partita è difficile, ma lui ci mette grande impegno sbattendosi su ogni pallone.

Tripaldelli 6 – Sostituisce Carboni giocando con grande attenzione e facendo un paio di ottime diagonali.

Cerri 6 – Gioca poco meno di 20 minuti facendosi vedere per un bel colpo di testa finito di poco alto e per un bel passaggio per Joao Pedro che però non sfrutta l’occasione.

Faragò sv

Caligara sv

A cura di Andrea Riefolo

PAGELLE SPEZIA

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Spezia

 

Provedel 5,5 – Fulmineo sul colpo di testa di Walukiewicz a fine primo tempo, un po’ meno sull’invenzione di Pavoletti che sigla il 2-1. Non può nulla sulla conclusione di Joao Pedro del momentaneo pareggio sardo.

Ferrer 6 – Laterale bloccato, riesce a limitare le offensive e il talento di Sottil. Ammonito, Italiano lo mantiene

Terzi 6 – Nel complesso soffre (e non poco) la vivacità di Ounas al punto da rischiare un cartellino “arancione” sull’algerino. Ma è esente da colpe sui goal subiti ed è un leader mentale della formazione ligure.

Erlic 5,5 – A differenza del compagno di reparto si dimostra sicuro (e pulito nella costruzione della manovra) per quasi tutta la gara ma si fa uccellare, insieme a Provedel, sulla magia di Pavoletti palesando le ingenuità tipiche di chi è comunque alla prima esperienza in Serie A.

Bastoni 6,5 – Suo l’assist per l’accorrente Gyasi che, difatti, sblocca il match. Nella circostanza si rende capace di un’ottima azione personale che conferma i progressi raggiunti negli ultimi mesi: ultimo degli ultimi nelle gerarchie di Italiano ora sembra essere il titolare designato per la fascia mancina.

Estevez 6,5 – Carattere sudamericano, aggressività e grinta senza pari: un duello con Nandez sarebbe stato bellissimo da vedere ma, per ovvi motivi, non è stato possibile disputarlo. Il suo temperamento viene premiato con qualche “malus” ma sicuramente riesce a dare tanto alla mediana spezzina.

Ricci 6 – Solite geometrie e verticalizzazioni, talvolta non comprese dai compagni di squadra. Calciatore cresciuto tantissimo sotto la corte di Italiano. Esce nel finale perchè il tecnico preferisce avere maggiore peso offensivo.

Maggiore 6 – Un passo indietro rispetto alle precedenti prestazioni dove aveva maggiormente rubato l’occhio. Buon dialogo con Farias, ma ha i mezzi per mettersi in proprio e scatenare il suo pezzo forte: la percussione senza palla negli ultimi trenta metri.

Gyasi 6,5 – Solita prestazione di pieno sacrificio, condita questa volta dal goal del momentaneo vantaggio in cui il calciatore spezzino è stato bravo a raccogliere il tracciante di Bastoni. Quella segnata a Cragno è la sua prima rete siglata in A. Un cerchio che si conclude, dunque, dopo grandissime stagioni in B.

Nzola 6,5 – Non è mai facile segnare dal dischetto. A maggior ragione se lo si realizza al novantatreesimo regalando un punto alla propria squadra. L’ex Trapani si conferma glaciale e in un ottimo momento di forma.

Farias 6 – Grande inizio con tre squilli alla porta di Cragno in venti minuti. Poi il nulla sebbene per lui questa sia una gara speciale da ex.

Sala 5,5 – Subentra per rinvigorire la marcatura su Sottil: lo Spezia ne perde in copertura ma acquisisce una maggiore consapevolezza offensiva che diventa vitale nei minuti finali.

Chabot 6 – Impatto sicuramente positivo: sfiora il goal in due occasioni da calci piazzati confermandosi un totem su cui lo Spezia può affidarsi.

Deiola 6,5 – Sardo ed ex del match, entra col giusto piglio calciando ottimi piazzati che non trovano, per poco, l’assist per i compagni imprecisi nella mira.

Agudelo sv – Entra nei minuti finali ma a differenza di Piccoli non lascia il segno.

Piccoli 6,5 – Sei minuti più extratime per insidiare Cragno e guadagnare il rigore del pari. What else?

Pagelle a cura di Mario Ruggiero

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy