Pagelle Brescia – Torino: poker granata con le doppiette di Belotti e Berenguer – Voti Fantacalcio

Pagelle Brescia – Torino: poker granata con le doppiette di Belotti e Berenguer – Voti Fantacalcio

Torna alla vittoria il Torino, tonfo pesante per il Brescia del nuovo allenatore Fabio Grosso. Decidono le reti di Belotti e Berenguer, autori entrambi di una doppietta.

di Voti Fantamagazine

Non proprio il migliore degli esordi sulla panchina del Brescia per Fabio Grosso. Le Rondinelle crollano in casa (0-4) sotto i colpi di Belotti e Berenguer, entrambi autori di una doppietta. Torna a sorridere il Torino dopo una striscia di sei gare senza vittorie (tre pareggi e tre sconfitte).

PAGELLE BRESCIA

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Brescia

Joronen 6 – Non può nulla sui rigori di Belotti, nel secondo tempo è bravo ad evitare il tris dello stesso attaccante granata. Rimane di sasso sulle conclusioni di Berenguer che chiudono il match.

Sabelli 5 – Protagonista negativo del quarto goal dove viene sovrastato dall’esile Berenguer. Anche in fase offensiva produce davvero poco soffrendo troppo l’esperienza di Ansaldi.

Cistana 5 – Gioca di mano sulla punizione di Verdi provocando il rigore che determina il primo tiro dal dischetto di Belotti. La difesa naufraga sotto i colpi dell’arrembante Torino.

Magnani 4,5 – Lascia un buco pazzesco sul primo goal di Berenguer: lo spagnolo è bravo ad approfittare e, con una magia, sigla il 3-0. Fuori posizione anche sul poker.

Mateju 4 – Con la sua squadra sotto di due reti e forte già di un giallo (sanzionato per la parata su Belotti che ha comportato l’assegnazione del secondo penalty), il terzino decide di beccarsi un altro, inutile giallo a pochi minuti dall’intervallo. Ingenuità pesantissima che segna definitivamente una gara, per certi versi, già indirizzata.

Bisoli 5,5 – Sempre l’ultimo a risparmiarsi, ma proprio per questo non ha la lucidità decisiva nei momenti clou.

Tonali 5,5 – Regia appannata rispetto a quanto visto in questo inizio di stagione. Un passo indietro per il baby talento della nazionale italiana.

Romulo 5,5 – Prova a chiudere sulle due reti di Berenguer, ma arriva con un pizzico di ritardo. Come Bisoli non lesina impegno, ma è appariscente in avanti. Balotelli rimane isolato.

Spalek 5 – Il suo unico lampo è la conclusione deviata da Sirigu dopo la ribattuta su Aye. Troppo leggero, non è un caso che Grosso lo sostituisca provando ad aumentare il peso dell’attacco.

Aye 5,5 – Impensierisce Sirigu nella ripresa, prova a sportellare e a guadagnare spazio ma senza particolare fortuna.

Balotelli 5 – Il solito Mario. Fuori dal gioco, ma non solo per demeriti suoi. Tuttavia, Ayè prova in qualche modo ad essere più attivo e a guadagnarsi qualche occasione. La sua gara termina all’intervallo.

Martella 5,5 – Non è facile subentrare in dieci. Soprattutto quando la tua squadra perde 0-2. Prova a metterci una pezza sul tris di Berenguer ma lo spagnolo è bravo a leggere il buco difensivo e ad anticipare il contrasto del terzino delle Rondinelle.

Donnarumma 5,5 – Entra e crea subito un pericolo allacciandosi con Izzo. In leggera ripresa, almeno dal punto di vista mentale, dopo un periodo poco brillante con la sua titolarità non più certa al centro dell’attacco.

Zmrhal sv

 

Pagelle a cura di Mario Ruggiero

PAGELLE TORINO

Redazione Voti Fantamagazine: le pagelle Torino

Sirigu 6,5 – Sporca i guantoni in tre occasioni, ma è sempre concentrato e attento chiudendo la porta. Il clean sheets mancava da un mese.

Izzo 6 – Complessivamente una buona prestazione ma rischia quasi il fallo da rigore sul neo-entrato Donnarumma. In ripresa dopo un mese non brillantissimo.

Nkoulou 7 – Il totem granata si erge nel cuore nella retroguardia. Di testa le prende tutte, anche agevolato dall’inconsistenza del reparto offensivo lombardo.

Bremer 6,5 – Mazzarri lo premia dopo la buona prestazione contro la Juve: il centrale ripaga la fiducia amministrando agevolmente i riferimenti offensivi avversari.

Aina 6,5 – Il suo dinamismo e la sua fisicità è preziosa per il gioco di Mazzarri. Non ruba l’occhio tecnicamente, ma ha sempre la forza di ripartire sulla corsia di destra.

Rincon 6 – Al pari di Meitè il centrocampista venezuelano mette ordine nel centrocampo granata. Ha il merito di sradicare il pallone da Spalek provocando il rosso di Mateju.

Lukic 6,5 – Si sgancia spesso in proiezione offensiva, ben sapendo di avere le spalle coperte da Rincon e Meitè.

Meitè 6 – Più incisivo nel primo tempo dove tenta un jolly dalla media distanza, cala nella ripresa ma il suo equilibrio nelle due fasi è prezioso.

Ansaldi 6,5 – Un passo diverso rispetto a Sabelli, domina la fascia mancina dove spesso il Torino arriva con facilità in area avversaria.

Verdi 5 – Ha un’occasione colossale per chiudere la contesa, ma stecca clamorosamente. In precedenza aveva avuto il merito di creare l’opportunità che ha sbloccato il match (punizione sporcata dal braccio di Cistana). In ogni caso è apparso più vivo nel gioco. Presto sarà decisivo anche lui

Belotti 7,5 – Da un rigore… a due rigori. Il Gallo ritorna a cantare e lo fa, ancora una volta, dagli undici metri. Spezza l’incantesimo e ritrova il feeling con il goal che gli mancava da oltre un mese dimostrandosi infallibile dal dischetto.

Berenguer 7,5 – Subentra a Verdi e sigla le reti che certificano il successo granata: prima si libera in un fazzoletto ed esplode il destro che fa rimanere di sasso Joronen poi in contropiede sigla il poker che il Torino cala al Rigamonti.

Laxalt 6,5 – La sua discesa dirompente agevola il tris di Berenguer: buon impatto nel match per l’uruguaiano.

De Silvestri sv

Pagelle a cura di Mario Ruggiero.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy