Saranno +3: Federico Bonazzoli, giovane bomber predestinato

Il giovane prodigio che ha bruciato le tappe ed è pronto a stupire

di Lorenzo Storchi

Quando si parla del giocatore più giovane ad aver vestito la maglia della rappresentativa U21 e quello stesso giocatore è il secondo più giovane a debuttare in serie A con l’Inter (mancato primo soltanto per colpa di una mancata deroga), è difficile non pensare ad un predestinato. Queste sono le credenziali con cui Federico Bonazzoli arriva alla corte di Zenga. Nonostante la giovane età (si parla infatti di un classe ’97), Bonazzoli ha quindi già tagliato i primi traguardi importanti, specie nella Primavera dove ha contribuito, laureandosi capocannoniere della competizione con 5 reti in 4 presenze, alla vittoria del Torneo di Viareggio. Il ragazzo inoltre, al termine del torneo, è stato eletto”Golden boy”.

Caratteristiche tecniche

Nonostante le grandi doti balistiche ed il fisico imponente da prima punta centrale (è alto 192 centrimetri), il giovane non è un attaccante statico, bensì una boa atipica in grado di svariare e conciliare i muscoli a grandi doti tecniche e buona velocità, che lo rendono anche molto bravo nell’uno contro uno. Rappresenta quindi il prototipo del giocatore moderno, sapendo dialogare con i compagni e con la capacità di pressare e saper fare bene entrambi le le fasi. Infatti, sebbene sia un perfetto numero 9, può essere proposto anche come seconda punta. Le capacità di controllo e protezione del pallone, tiro e rapidità nel girarsi e inquadrare la porta, lo rendono uno dei migliori prospetti anche al fantacalcio.

Utilità al fantacalcio

Per quanto riguarda i bonus, l’altezza lo rende micidiale nei colpi di testa,una caratteristica letale che lo rende pericoloso sulle palle alte, mentre può sfruttare l’ottimo mancino anche nei calci piazzati. Come noto, la Sampdoria quest’anno dovrà affrontare tre competizioni e Bonazzoli avrà i suoi spazi se saprà farsi trovare pronto, con la speranza di far applicare all’Inter quel diritto di recompra che i nerazzurri hanno voluto a tutti i costi. In questo contesto, il giovane centravanti potrebbe ritagliarsi anche un discreto spazio nel corso della stagione (anche se non necessariamente in campionato) e ripagare chi, in sede d’asta, avrà deciso di scommettere su di lui, specie in ottica conferme pluriennali e prospetti primavera.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy