Inside Premier: Manchester United, la scheda squadra

Analisi fantacalcistica della squadra più titolata d’Inghilterra, i Red Devils di Louis Van Gaal

di Titty Cerquetti, @tittyna

In: Memphis Depay (PSV Eindhoven), Matteo Darmian (Torino, £12.7m), Morgan Schneiderlin (Southampton, £25m), Bastian Schweinsteiger (Bayern Munich, £14.4m) Out: Robin Van Persie (Fenerbahce), Nani (Fenerbahce, £4.5m), Tom Cleverley (Everton, Free) La seconda stagione di Van Gaal all’Old Trafford dovrà essere quella del definitivo rilancio e del ritorno alla lotta per il titolo, dopo due stagioni travagliate. A Manchester sponda Red Devils non sono abituati a scendere al di sotto del secondo posto e la settima piazza di Moyes due stagioni orsono e la quarta ottenuta da Van Gaal in quella appena conclusa, senza essere mai stati competitivi per il titolo, sono considerati un periodo di “sofferenze” più che sufficiente dalla dirigenza e dai tifosi.

Movimenti di mercato

Per questa ragione il mercato è stato finora davvero scoppiettante. Il settore dove si è operato maggiormente è il centrocampo con l’innesto di tre potenziali titolari come Schneiderlin, Schweinsteiger e Depay che vanno ad aggiungersi ad un reparto già forte di Herrera, Mata e Di Maria, senza dimenticare il giovane Januzaj in costante crescita, ed il sempre utile Fellaini. Sistemata anche la fascia destra difensiva con l’acquisto di Matteo Darmian i ruoli chiave su cui dovranno lavorare allo United saranno l’attaccante da affiancare a Rooney, viste anche le partenze di Robin Van Persie e di Radamel Falcao, il portiere, considerando che De Gea sembra aspettare la fine del suo contratto, la stagione prossima, per andare probabilmente nella Liga spagnola, ed un difensore centrale che possa assumere un ruolo da leader all’interno del reparto e dello spogliatoio. Sicuramente da qui alla fine del mercato il Manchester Utd piazzerà almeno un paio di grossi colpi e per Van Gaal non ci sarà altra strada che riportare i diavoli rossi a giocare un buon calcio e soprattutto a competere per la vittoria finale. PremierManUtd

Fantanalisi

Difesa

Il reparto difensivo non è stato una buona scelta per i fantallenatori della scorsa stagione. Il solo De Gea, con i suoi 138 punti e 11 clean sheets (porta inviolata) ha offerto un rendimento accettabile piazzandosi 5° nella graduatoria dei portieri e convincendo il 12.4% dei mister, esattamente la metà dei possessori di Courtois. Tra i difensori il migliore, per modo di dire, è stato Smalling, con 91 punti e il 7.1% di possessori, si è piazzato al 37° posto tra i difensori della Premier. Al momento, vista la situazione di incertezza sul portiere e sul giocatore che possa sostituire Smalling o Jones al centro della retroguardia, meglio evitare i difensori del Manchester. Più avanti, ad operazioni di mercato concluse, saranno più chiare le potenzialità di questo reparto e se varrà la pena investirci qualche sterlina.

Centrocampo

Questa è la zona dove sarà più semplice ed opportuno pescare. Mata e Di Maria le scelte più sicure, anche in base ai riscontri della stagione scorsa che, per quanto travagliata per l’argentino, lo ha comunque collocato subito dopo lo spagnolo tra i migliori midfielders dei Red Devils. Ma l’arrivo di Depay, attaccante laterale listato centrocampista potrebbe dividere le scelte. I suoi goal varrebbero di più di quelli di Rooney e se il mercato portasse qualcosa di buono in difesa anche i bonus porta inviolata potrebbero fare la differenza. Da prendere come scommessa in virtù del periodo di ambientamento che potrebbe essere più o meno lungo ma la sensazione è che possa fare bene. Chi invece farà sicuramente bene è Schneiderlin, giocatore davvero interessante che a Manchester avrà la sua definitiva occasione. Se dovesse partire (come sembra sempre più probabile) Di Maria, Mata e Schneiderlin sarebbero i due consigliati per questo reparto, con l’olandese Depay in seconda fila, pronto a subentrare ad uno dei due se dovesse integrarsi in fretta nella realtà della Premier.

Attacco

Il reparto offensivo dello United, al momento, risponde al solo nome di Wayne Rooney. Nelle ultime sei stagioni ha offerto, a livello fantacalcistico, un rendimento altalenante, con una stagione vicina o superiore ai 200 punti ed una al di sotto dei 150. Quella appena conclusa è stata la stagione ad andamento negativo, ma sinceramente non ce la sentiamo di consigliarlo, almeno non ora a mercato ancora aperto. L’alto costo di acquisizione limiterebbe le operazioni negli altri ruoli quindi, se non si tratta di una questione di cuore, si può anche pensare di virare su altri lidi. Per il momento lo United è un cantiere aperto, a fine agosto ci aggiorneremo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy