L’incredibile racconto di un’asta del Fantacalcio all’alba di ferragosto

Succede anche questo, che un gruppo di amici decidano di riunirsi per l’asta alle prime luci dell’alba del 15 agosto.

di Emanuele Strano

L’asta del Fantacalcio, il momento più importante della stagione di un fantallenatore. Ma anche quello più folle e divertente, ricco di attimi di goliardia con gli amici di una vita. E succede anche che, per andare incontro agli impegni di tutti, l’asta si svolga in giorni insoliti.

Ma mai insoliti come l’alba del giorno di ferragosto. Ecco il racconto di un nostro utente sull’incredibile asta alle prime luci del 15 agosto…

L’INCREDIBILE RACCONTO DI UN’ASTA ALL’ALBA DI FERRAGOSTO

“È tutto molto confuso…

Sento la sveglia suonare, ma non so in quale universo parallelo sono. Connetto (per modo di dire). Sento la mia ragazza che a fianco a me si gira dall’altro lato. Per dirla alla Piccinini: <GESTO DI STIZZA!!! INCREDIBILE!!!>.
Mi alzo, chiudo la porta della camera e inizio a far colazione. Accendo la WiFi sul telefono pensando “sarò il primo”, invece arrivano subito i primi messaggi sulla chat della fantalega.
Sono le 04:24 del 15 agosto 2017.
Avete capito bene. Quest’anno l’asta la facciamo all’alba di ferragosto. Non vi dico che casino. Già la decisione era avvenuta nel momento sbagliato.
Era il 4 luglio, il Giorno dell’Indipendenza. La cena del fantacalcio. Premetto che noi la allarghiamo a tutta la famiglia, quindi ognuno viene con morosa/moglie/echipiùnehapiùnemetta.
Durante la cena me ne esco con un <<Ricordo a tutti che la prima giornata è il 20 agosto con probabile anticipo il 19, quando facciamo l’asta?>>.
E parte il primo dramma. <Io sono in ferie dal 16 al 21>.
E parte il secondo dramma (tra l’altro dal sottoscritto): <<Io sono in ferie dal 7 al 14>.
Arriva uno con <<il 14 sera? >>
E parte il terzo dramma: <<Io suono al lago di Garda quella sera>.
Attimi di concitazione. Calcoli fisico-matematici che Einstein levate proprio, congiunzioni astrali con tanto di calcolo di asteroidi, lune piene ed eclissi, che Paolo Fox va a fatte un giro co Einstein va.
Si discute se saltare la prima giornata, ma siamo la lega con più scopritori di talenti d’Italia penso. Toglierebbe tutta la sorpresa.
E  poi la calma (prima della tempesta?)
… E se la facessimo a ferragosto?
 
Mai
Mai
Scorderai
L’attimo
La terra che tremò
L’aria s’incendiò
E poi……
DISASTRO
Spiego.
Un’orda di morose/mogli/echipiùnehapiùnemetta unite nel FAFF. Il Fronte Anti Ferragosto Fantacalcistico.
Dopo minuti o forse ore o forse giorni di contrattazioni (che in confronto Ausilio con Dalbert è stato un pivello) arriviamo all’unica soluzione possibile.
Fare l’asta alle 05:00 di ferragosto così per le 09:00 possiamo scorrazzare le famiglie in giro per il mondo.
 
Torniamo alle 04:24 del nostro racconto.
Pian piano rispondono tutti in chat, alle 04:40 mancano “solo” “Lo Zio” e Giacomo(sapevamo già che Giacomo non si sarebbe mai svegliato alle quattro e mezza).
Bidoia chiama “Lo Zio”, io visto che dovevo passare a prenderlo, chiamo Giacomo.
<Pronto? > mi risponde una voce dall’oltretomba. Sono le 04:50. Dieci minuti all’inizio dell’asta.
Passo a prenderlo e arriviamo in sede (per l’occasione un chiosco all’aperto ancora chiuso e lontano dalle case) alle 05:10. E anche quest’anno Giacomo è l’ultimo ad arrivare.
Siamo un lega da 8 da 5 anni ormai, e sappiamo più o meno tutti (sonno permettendo) cosa fare.
L’asta scorre velocemente soprattutto perché non avevamo considerato una cosa fondamentale. Il chiosco rimarrà chiuso essendo ferragosto,  e qualcuno non ha fatto colazione.
I nostri 350 crediti a testa vengono scialacquati velocemente.
Handanovic è il portiere più pagato con 23 crediti (mio). In difesa guida Alex Sandro con 22 (a Zenza) seguito dai due neomilanisti Bonucci(a Kajo) e Rodriguez (a Giulio) a 20. Ai centrocampisti iniziamo a sbottonarci un po’ di più. Perotti a 51 va a Giacomo, mi prendo Perisic a 50 e Hamsik va a 49 a Giulio. Chiudono l’asta gli attaccanti con Higuain a 106 (“Lo Zio”), Dzeko (Giulio) e Mertens (Bidoia) a 100, Belotti (a Kiko) e Immobile(a Zenza) a 95, Icardi a 90 va a me(si vede che sono interista?)
 
L’asta finisce alle 08:10 entrando così nel Guinness World Record con il tempo di 180 minuti netti.
Ci spostiamo in un bar aperto dove facciamo colazione e poi via da morose/mogli/echipiùnehapiùnemetta per festeggiare ferragosto.
L’asta più epica della mia vita.”
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy