Torino, primo stop per Lyanco e preoccupa Baselli

Torino, primo stop per Lyanco e preoccupa Baselli

All’appello per Mazzarri mancano ancora diversi giocatori

di Stefano Martelli, @Ste1983NO
Torino, Bremer e Lyanco si giocano un posto nella prima di Europa League

Il Torino di Walter Mazzarri a fine mese dovrà iniziare ufficialmente la stagione affrontando il preliminare di Europa League dopo la rinuncia a partecipare alla competizione da parte del Milan, ma sono diversi i giocatori che il mister non avrà a disposizione.

Le varie nazionali, infatti, non hanno aiutato i granata con Lukic che è arrivato a Bormio, sede del ritiro del Torino, da soli due giorni, Rincon che tornerà tra una settimana, Bonifazi che si aggregherà dopo il preliminare del 25 luglio mercato permettendo avendo partecipato all’Europeo Under 21, e Aina che è tuttora impegnato nelle semifinali di Coppa D’Africa con la sua Nigeria e deve ancora andare in ferie.

La squadra a disposizione di Mazzarri si è ulteriormente ridotta a causa dei primi acciacchi stagionali. Lyanco, dopo diversi giorni a lavoro differenziato, si è dovuto fermare a causa di una distrazione di basso grado del muscolo flessore della coscia sinistra e inizierà settimana prossima la riabilitazione insieme a Simone Edera e Alessandro Buongiorno. Problemi anche per Koffi Djidji che non verrà rischiato come Lyanco nel preliminare del 25 luglio, costringendo Mazzarri a dover schierare obbligatoriamente la difesa a tre formata da Nkoulou, Izzo e Bremen, gli unici disponibili.

Problemi anche a centrocampo dove si è fermato Baselli, reduce da una semplice storta, ma che verrà monitorato dallo staff granata per evitare guai peggiori. Con Lukic e Rincon non al top come detto prima, l’unico a disposizione e in forma per Mazzarri tra i centrocampisti centrali è Meité.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy