“The American Dream”: Copa America Centenario 2016 #15

Argentina solida e convincente, insieme al Cile approdano ai quarti e chiudono i gironi della Copa America Centenario

di Riccardo Cerrone, @riki171980

Ci pensano Vargas e Sanchez con due doppiette a  regalare al Cile il secondo posto, estromettendo dalla qualificazione Panama. A Seattle va in scena l’Argentina di Higuain, Lavezzi ed Aguero a cui basta un tempo per liquidare la pratica Bolivia.

COPA AMERICA CENTENARIO: LE PARTITE GIOCATE

CILE – PANAMA 4-2

Il Cile si gode la coppia del gol SanchezVargas. L’attaccante dell’Arsenal mette a segno una doppietta proprio come l’ex Napoli, e riescono a ribaltare un risultato che sembrava già compromesso. Nota di lode per il tanto discusso E.Vargas: prima con un tap-in ravvicinato, poi con un gol di testa prorompente, così il bimbo prodigio toglie il Cile dai guai contro Panama. È grazie a lui che la Roja rimonta l’iniziale svantaggio firmato Camargo, aprendosi la strada verso vittoria e qualificazione ai quarti di finale.

ARGENTINA – BOLIVIA 3-0

Basta veramente poco all’Argentina di Higuain e compagni per archiviare il match contro la Bolivia. El Pipita rimane ancora a secco ma ci pensano El Coco Lamela con una punizione deviata, poi Lavezzi, infine termina l’opera Cuesta, la sorpresa portata negli Stati Uniti dal Tata MartinoMessi si vede in campo nella ripresa e gioca una discreta partita. Ora testa agli scontri diretti, primo è contro il Venezuela, nella notte tra sabato e domenica.

I QUARTI DI FINALE

  • Stati Uniti – Ecuador: venerdì 17 ore 3.30 (orario italiano)
  • Perú – Colombia: sabato 18 ore 2
  • Argentina – Venezuela: domenica 19 ore 1
  • Messico – Cile: domenica 19 ore 4

COPA AMERICA CENTENARIO: GLI “ITALIANI” IN CAMPO

Higuain gioca 45 minuti rimanendo ancora a secco, magari sta tenendo i bonus pesanti per le partite che contano e che cominceranno venerdì. Stesso minutaggio per Banega, che è stato sostituito nell’intervallo da Biglia, a risultato ormai consolidato. 90 minuti per Gary Medel con il suo Cile, sostituito allo scadere, ha portato a casa un risultato decisivo per la qualificazione.

COPA AMERICA CENTENARIO: OGGI PARLIAMO DI…

“la cilena”, la rovega, la bicicletta. E potremmo andare avanti fino a riempire un intero taccuino ma il concetto è univoco: la rovesciata. Il gesto tecnico per eccellenza del gioco del calcio, quel sottile filo della ragnatela che divide follia e capolavoro. O che spesso li unisce.

Che sia legato ad un gol insperato negli ultimi secondi o alla meraviglia estetica del puro gesto tecnico, poco importa. Ogni epoca ha i suoi profeti, calciatori con l’abilità speciale di ribaltare il fato con lo sguardo volto all’insù. Dallo storico Parola a Boninsegna, fino a Riva e Rummenigge.

Parliamo di rovesciate: quel mix di estetica, coraggio e incoscienza che prima entra in porta e poi nella memoria collettiva. I più grandi ci hanno provato, e spesso ci sono riusciti. Qui in Italia abbiamo avuto tante esibizioni di questo genere, tra i più improbabili ci sono Zampagna ed il cileno Pinilla che ad ogni dove l’ha provata, e spesso insaccata!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy