Serie A, le dichiarazioni post-partita di Ancelotti, Semplici, Prandelli e Baroni

Scoppiettante turno giocato alle ore 15:00: andiamo ad analizzare le dichiarazioni più rilevanti dei vari allenatori coinvolti

di Claudio Cutuli, @cutuli4

Ripercorriamo insieme le dichiarazioni post-gara più interessanti in ottica fantacalcistica di alcuni allenatori come Ancelotti, Semplici, Baroni e Prandelli.

NAPOLI, LE PAROLE DI ANCELOTTI

”Manca un rigore? “E’ cambiata la regola, altrimenti quest’episodio è abbastanza chiaro. L’hanno cambiata stanotte, altrimenti non c’è spiegazione. Sto scherzando (ride, ndr)”.

Sulla gran parata di Meret: “Era tutto in preventivo il fatto di mostrarlo al nostro pubblico. Gli altri due (Ospina e Karnezis, ndr) hanno fatto bene, ma Meret è un portiere di alto livello e questa parata è di alto livello”.

SPAL, LE PAROLE DI SEMPLICI

”Sapevamo di affrontare un Napoli in grande forma. Abbiamo limitato bene le loro giocate, ma su una palla inattiva siamo andati in svantaggio, ma la squadra non si è disunita. Volevamo pareggiarla, ma Meret è stato davvero bravo. Ci ha negato la gioia del pareggio, che poteva essere anche meritato. Petagna fuori per la diffida? Sì, era diffidato e adesso abbiamo tre partite importantissime. Aveva sempre giocato, quindi ho fatto questa scelta. I ragazzi che sono scesi in campo si sono ben comportati. Non siamo riusciti a trovare il gol, ma se giochiamo così possiamo fare il campionato che tutti si aspettano”.

FROSINONE, LE PAROLE DI BARONI

”Abbiamo cambiato la squadra nel modulo perché avevamo bisogno di compattezza senza rinunciare al gioco, noi dobbiamo venire fuori dalle prestazioni attraverso il gioco, giocavamo contro una squadra che ha gamba, fisicità, siamo stati poco nella nostra area di rigore, abbiamo difeso bene, abbiamo creato delle occasioni e siamo riusciti a costruirci l’azione del rigore.

Il tempo è tiranno, ci sono energie da recuperare. La nostra era una squadra che esponeva troppo i centrocampisti, ho aggiunto un centrocampista, oggi abbiamo fatto bene, dobbiamo consolidare palla, trovare ordine, giocare con gli esterni. Adesso ci siamo dati un segnale, ora affrontiamo una grande squadra, con questa consapevolezza ce la giocheremo.

La squadra era ordinata anche per attaccare, Crisetig e Pinamonti sono entrati bene in partita, devo portare dentro gente che sente il clima della gara, ho cercato di mettere anche forza, presenza fisica, sono contento. Pinamonti mi ha colpito per l’energia, la voglia, la determinazione, se va così forte va in campo”.

GENOA, LE PAROLE DI PRANDELLI

”La squadra è pronta fisicamente ma dobbiamo anche mantenere alta la concentrazione. Rolon si allena bene, ha una buona aggressività. Piatek per noi ha fatto una doppietta, noi siamo contenti comunque, è un giocatore di grande equilibrio.
Tanti giocatori hanno lavorato bene, Radu decisivo su rigore e altro tiro.

Ma tutti devono sapere che hanno margine di crescita, tutti ne devono essere consapevoli. Gli esterni devono attaccare profondità e ampiezza su cui comunque dobbiamo ancora lavorare. Sarà un lavoro fisico e nervoso. Tra tre giorni ci sarà un’altra battaglia quindi dobbiamo subito rimetterci in gioco. Romero è giovane ma ha anche maturità, ci darà una grossa mano”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy