Napoli, Ancelotti è il nuovo allenatore

Napoli, Ancelotti è il nuovo allenatore

L’ufficialità è arrivata pochi minuti fa, direttamente sul sito ufficiale dei partenopei: contratto triennale per lui

di Claudio Cutuli, @cutuli4

Tramite un comunicato apparso sul sito ufficiale, il Napoli ha ufficializzato l’ingaggio di Ancelotti come tecnico per la stagione sportiva 2018/2019. Un fulmine a ciel sereno, che ha confermato le insistenti voci susseguitesi nelle ultime ore sul possibile cambio di guida tecnica voluto dal vulcanico presidente De Laurentiis.

‘Il Calcio Napoli è lieto di annunciare di aver definito un accordo con l’allenatore Carlo Ancelotti avente ad oggetto la guida tecnica della Prima squadra per le prossime tre stagioni e quindi a partire dal 2018-2019.

– LA SCHEDA – 

Carlo Ancelotti è nato il 10 giugno del 1959 a Reggiolo.
Da allenatore, dopo aver iniziato nello staff tecnico della nazionale dal 1992 al 1995, ha allenato, in Italia, la Reggiana, il Parma, la Juventus ed il Milan. Di seguito è stato sulle panchine di Chelsea, Paris Saint Germain, Real Madrid e Bayern Monaco.
Ha vinto quattro campionati: con Milan (2004), Chelsea (2010), Paris Saint Germain (2013) e Bayern Monaco (2017).
 
Sono 8 i trofei vinti in campo internazionale: 
2 Champions League con il Milan (2002/2003; 2006/2007), una Champions League con il Real Madrid (2013/2014).
2 Mondiali per Club: Milan (2007), Real Madrid (2014).
3 Supercoppe europee: Milan (2003 e 2007), Real Madrid (2014)
In più in bacheca vanta anche sette coppe nazionali: la coppa Italia con il Milan-2003, la supercoppa italiana con il Milan-2004, la Community Shield con il Chelsea-2009, la coppa di Inghilterra con il Chelsea-2010, la coppa di Spagna con il Real Madrid-2014 e due supercoppe di Germania con il Bayern, nel 2016 e 2017.
Tra i tanti premi ricevuti ci sono anche due panchine d’oro, nel 2003 e nel 2004, ed una panchina d’oro speciale, nel 2017”.
Non sono mancati i ringraziamenti a mister Sarri, che ha concluso la sua esperienza campana totalizzando in stagione regolare ben 91 punti. L’addio era stato paventato come ipotesi dopo che, lo stesso tecnico, aveva salutato il pubblico del ”San Paolo” con un giro di campo e visibilmente commosso.  Con un tweet il presidente De Laurentiis lo ha ringraziato pubblicamente, augurandogli il meglio per il futuro.
”Ringrazio Maurizio Sarri per la sua preziosa dedizione al Calcio Napoli che ha permesso di regalare alla città e ai tifosi azzurri in tutto il mondo prestigio ed emozioni, creando un modello di gioco ammirato ovunque e da chiunque. Bravo Maurizio.
Aurelio De Laurentiis

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy