Milan, Pioli: “Ibrahimovic e Kjaer hanno l’influenza. Rebic ha grandi qualità”

Il tecnico rossonero ha presentato il match contro l’Hellas Verona.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

Le vittorie inanellate nell’ultimo periodo stanno restituendo il sorriso al Milan. Stefano Pioli vuole continuare a vederlo sulla bocca dei suoi ragazzi e per far sì che ciò avvenga occorrerà guadagnare altri 3 punti contro l’Hellas Verona.

LE PAROLE DI PIOLI

Sul mercato:Sono felice sia finito, abbiamo gestito bene la situazioni e siamo rimasti attenti sul nostro lavoro. Sono state fatte le cose giuste, ora abbiamo un gruppo coeso e compatto”.

Sulla partita:Hanno numeri positivi, si muovono bene e stanno bene in campo. Noi abbiamo avuto qualche problema in settimana, ma ci sentiamo bene e abbiamo fiducia”.

Sull’addio di Piatek, Rodriguez e Suso: “Nel nostro mercato si è sottovalutato che abbiamo fatto inserimenti importanti ad inizio mese. Abbiamo giocatori di spessore, personalità e qualità. Penso a Zlatan, a Kjaer e lo stesso Begovic, che è molto dentro alle situazioni. Poi altri giocatori giovani, di prospettiva. Abbiamo fatto gli inserimenti giusti”.

Su Rebic: “Ogni calciatore deve ambire a crescere. Rebic è ancora giovane, deve avere fiducia perché ha grandi qualità”.

Su Calhanoglu al posto di Bennacer: “Vedremo, i convocati li farò stasera. Abbiamo assenze importanti, chi sarà convocato farà bene

Su Paquetà: “Non ci sono retroscena, sono stato già chiaro. E’ un calciatore del Milan e sono sicuro che lavorerà bene e tanto. Tutti sono buonissimi giocatori, devono lavorare tanto per essere competitivi”.

Sui probabili forfait: “Sono 2-3 giorni che Kjaer e Ibrahimovic hanno l’influenza. Krunic anche ha un problema. Vediamo se riuscirò a convocarli. Ma la squadra ha voglia di far bene”.

Su chi gioca al posto di Ibrahimovic: “Stiamo vincendo tanto e non per caso. La salita è faticosa e ripida, dobbiamo essere determinati per arrivare in alto. Al posto di Ibra giocherà un altro, se andiamo in campo con determinazione sarà giusto”.

Sui saluti con Piatek e Suso:Suso ci ha salutato con molta serenità, Kris onestamente non l’ho visto. Non abbiamo avuto problemi, il calcio cambia velocemente tante situazioni. Hanno lavorato con me con grande professionalità. Auguro loro il meglio”.

Sul modulo:Vedremo, ci sono posizioni in campo che possono cambiare. Non è il sistema che ti fa vincere, bensì l’intensità e le qualità delle giocate”.

Su Rafael Leao: “Deve far capire che ruolo è? Magari farà faticare i nostri avversari a capirlo”.

Sull’emergenza in vista del derby:Kjaer domani non ci sarà, ha l’influenza da 3 giorni. Per il derby ci sarà. Siamo concentrati su domani, poi penseremo alla stracittadina”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy