LIVE – Ultime dai campi 19a giornata: Formazioni, Infortunati, Convocati, News

Tutto il Fantacalcio minuto per minuto: in questa rubrica costantemente aggiornata potrete trovare tutte le ultime news utili allo schieramento delle formazioni!

di Redazione Fantamagazine

Seguite con noi tutti gli aggiornamenti in questo articolo – effettuando spesso un refresh della pagina – dove troverete in evidenza tutte le ultime news per schierare al meglio la vostra formazione al Fantacalcio, con i convocati, gli indisponibili dell’ultima ora, le news sugli infortunati e tanto altro.

ULTIME DAI CAMPI 19a GIORNATA: FORMAZIONI, INFORTUNATI, CONVOCATI E ULTIME NEWS


 

VENERDÌ 29/12

19:44 – FORMAZIONE UFFICIALE CROTONE – Mister Zenga ha comunicato la formazione ufficiale con la quale ha deciso di affrontare il Napoli:

Cordaz; Faraoni, Simic, Ceccherini, Martella; Rohden, Barberis, Mandragora; Trotta, Budimir, Stoian.

19:37 – FORMAZIONE UFFICIALE NAPOLI – Ecco come scende in campo la squadra di mister Sarri nella partita di stasera all’Ezio Scida:

Reina; Maggio, Albiol, Koulibaly, Hysay; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne.

19:06 – CONVOCATI SAMPDORIA – Diramato l’elenco dei convocati di mister Giampaolo: ufficiale il recupero di Linetty, mentre non ce la fa Duvan Zapata. 

Portieri: Puggioni, Tozzo, Viviano.

Difensori: Andersen, Bereszynski, Ferrari, Murru, Regini, Sala, Silvestre, Strinic.

Centrocampisti: Alvarez, Barreto, Capezzi, Djuricic, Linetty, Praet, Ramírez, Torreira, Verre.

Attaccanti: Caprari, Kownacki, Quagliarella.

19:00 – CONVOCATI SPAL – Ufficializzata la lista dei convocati della Spal per la sfida contro la Sampdoria. Out Borriello:

Portieri: Gomis, Marchegiani, Meret.

Difensori: Felipe, Della Giovanna, Oikonomou, Salamon, Vicari.

Centrocampisti: Bellemo, Grassi, Lazzari, Mattiello, Mora, Rizzo, Schiattarella, Schiavon, Vitale, Viviani.

Attaccanti: Antenucci, Renato Barbosa, Bonazzoli, Floccari, Paloschi.

18:25 – ULTIM’ORA SPAL –  Problemi per mister Semplici che dovrà fare a meno di Marco Borriello. L’attaccante ex Cagliari, infatti, si è fermato a causa di un ematoma al polpaccio.

18:22 – CONVOCATI SASSUOLO – Diramata la lista dei convocati di mister Iachini: Berardi c’è.

Portieri: Consigli, Marson, Pegolo.

Difensori: Peluso, Acerbi, Lirola, Gazzola, Goldaniga, Rogerio, Cannavaro, Dell’Orco.

Centrocampista: Magnanelli, Mazzitelli, Missiroli, Frattesi, Cassata, Duncan.

Attaccanti: Matri, Falcinelli, Politano, Pierini, Berardi, Ragusa.

18:18 – CONFERENZA SPAL – Mister Semplici arriva davanti ai microfoni della sala stampa per presentare il match di domani contro la Sampdoria di mister Giampaolo. Fra i temi trattati ci sono la crescita di Grassi e lo scarso utilizzo di Oikonomou. Ecco le sue parole: “La Sampdoria è una grande squadra con un collettivo molto organizzato, hanno grande potenziale offensivo e dovremo eliminare le nostre disattenzioni avute nelle ultime settimane. Mi auguro che la squadra scenda in campo col piglio giusto, senza aspettare di andare sotto nel punteggio prima di provare a prendere il gioco in mano. Grassi? Alberto sta crescendo partita dopo partita, ha ritrovato la giusta condizione fisica per fare entrambe le fasi di gioco con continuità. Per quanto riguarda Oikonomou, ha giocato meno per scelta tecnica valutando diversi fattori. Io valuto sempre tutti i giocatori che ho a disposizione, sta poi a loro cogliere approfittare delle opportunità quando gli vengono date“.

18:03 – CONVOCATI TORINO – Mihajlovic che deve fare i conti con 8 defezioni, comunica la lista ufficiale dei convocati per il match contro il Genoa:

Portieri: Salvador Ichazo, V.Milinkovic-Savic, Sirigu.

Difensori: Buongiorno (numero di maglia 87), Burdisso, De Silvestri, Fiordaliso (numero di maglia 60), Molinaro, Moretti, Nkoulou, Rivoira (numero di maglia 50).

Centrocampisti: Acquah, Gustafson, Obi, Rincon, Valdifiori.

Attaccanti: Berenguer, Boyè, De Luca, Iago Falque, Millico (numero di maglia 62), Niang, Sadiq.

17:58 – CONVOCATI INTER – Ufficiale l’elenco dei convocati dell’Inter per la sfida contro la Lazio:

Portieri: 1 Handanovic, 27 Padelli, 46 Berni;

Difensori: 7 Cancelo, 13 Ranocchia, 21 Santon, 29 Dalbert, 37 Skriniar, 55 Nagatomo, 98 Lombardoni;

Centrocampisti: 5 Gagliardini, 10 Joao Mario, 11 Vecino, 20 Borja Valero, 77 Brozovic;

Attaccanti: 9 Icardi, 17 Karamoh, 23 Eder, 44 Perisic, 87 Candreva, 99 Pinamonti.

17:52 – CONVOCATI JUVENTUS – Ufficiale la lista dei convocati di Massimiliano Allegri per la trasferta al Bentegodi contro l’Hellas Verona di mister Pecchia:

Portieri – Pinsoglio, Szczesny, Loria.

Difensori – Chiellini, Benatia, Alex Sandro, Barzagli, Rugani, Lichtsteiner.

Centrocampisti – Khedira, Marchisio, Matuidi, Asamoah, Sturaro, Bentancur.

Attaccanti – Higuain, Dybala, Douglas Costa, Mandzukic, Pjaca, Bernardeschi.

17:46 – CONVOCATI ATALANTA – Mister Gasperini ufficializza i convocati per la sfida casalinga di domani contro il Cagliari, ecco l’elenco:

Bastoni, Berisha, Caldara, Castagne, Cornelius, Cristante, De Roon, Freuler, Gollini, Gomez, Gosens, Haas, Hateboer, Ilicic, Kurtic, Mancini, Masiello, Melegoni, Orsolini, Petagna, Rossi, Schmidt, Spinazzola, Toloi, Vido.

17:39 – CONVOCATI ROMA –  Sono stati ufficializzati i convocati di Di Francesco per la sfida contro il Sassuolo. Come già annunciato in conferenza stampa, ancora out Defrel. Ecco la lista:

Portieri: Alisson Becker, Lukasz Skorupski, Bogdan Lobont.

Difensori: Juan Jesus, Aleksandar Kolarov, Hector Moreno, Federico Fazio, Bruno Peres, Emerson Palmieri, Kostas Manolas.

Centrocampisti: Radja Nainggolan, Kevin Strootman, Lorenzo Pellegrini, Daniele De Rossi, Maxime Gonalons, Alessandro Florenzi, Gerson.

Attaccanti: Diego Perotti, Edin Dzeko, Patrik Schick, Cengiz Under, Mirko Antonucci, Stephan El Shaarawy.

17:35 – CONVOCATI CAGLIARI – Diramati i convocati di mister Lopez per la sfida contro l’Atalanta:

Rafael, van der Wiel, Andreolli, Cossu, Cigarini, Giannetti, Miangue, Romagna, Faragò, Farias, Barella, Pisacane, Padoin, Ionita, Ceppitelli, Capuano, Sau, Crosta, Deiola, Cragno, Pavoletti, Melchiorri.

17:29 – ULTIM’ORA SASSUOLO – Guai in vista per mister Iachini che, durante la rifinitura del pomeriggio, vede Domenico Berardi lasciare il campo anzitempo. Sulla natura dell’infortunio si sa ancora poco, ma è altamente probabile che salti la partita di domani contro la Roma.

17:15 – CONVOCATI FIORENTINA – Ufficializzati i convocati di mister Pioli per la sfida contro il Milan. Come già preannunciato, out Gaspar per l’infortunio in Coppa Italia contro la Lazio:

Astori, Babacar, Badelj, Benassi, Biraghi, Cerofolini, Chiesa, Cristoforo, Gil Dias, Dragowski, Eysseric, Hagi, Laurini, Lo Faso, Milenkovic, Olivera, Pezzella, Sanchez, Saponara, Simeone, Sportiello, Thereau, Veretout, Vitor Hugo.

17:12 – CONFERENZA CAGLIARI – Mister Lopez si presenta in conferenza stampa per la presentazione del match contro l’Atalanta. Oltre ai soliti tre titolari di giornata, il mister parla di Cigarini, di Cragno, e di Melchiorri, ma anche del dubbio Farias-Sau. Ecco le sue parole: “Domani abbiamo una partita importante l’ultima del 2017. Dobbiamo cercare di fare una grande prestazione, abbiamo lavorato bene. Sappiamo che servono i punti, dovremo cercarli ovunque. L’Atalanta sta bene e fa risultati importanti già dall’anno scorso, gioca bene e ha le idee chiare. Per fare punti serve una prestazione importante. Restano a casa Dessena e ovviamente Joao Pedro, gli altri sono tutti convocati. Cigarini? Un mese fa non sentivo parlare di lui, la cosa positiva di ritrovarlo è che si tratta di un giocatore importante di cui conoscevamo le qualità. Si diceva che fosse lento come se questo fosse un limite insuperabile, mi fa piacere che la sua importanza venga riconosciuta. Tre nomi per domani: Ceppitelli, Romagna e IonitaJoao Pedro? Peccato, è un giocatore importante e lo era anche quando è rimasto in panchina. Stava facendo bene, è un’assenza importante ma dobbiamo farcene una ragione e guardare a chi è a disposizione. Cragno migliora ma è un infortunio nel quale bisogna stare attenti a eventuali ricadute, è una zona che se ti fai male di nuovo rischia di lasciarti fuori per mesi. Con attenzione, lo vedo in progresso. Melchiorri? Ancora è un po’ indietro fisicamente, sceglierò fra Farias e Sau perché in questo momento stanno meglio. Faragò l’ultima volta è partito dalla panchina perché ho voluto confermare difesa ed esterni visti a Roma. Barella? Sappiamo che è uno che va su tutti i palloni, a volte con irruenza. Migliorerà anche nel gestire la grinta, in questo lo aiutano anche i compagni. Non dimentichiamoci che lui e Romagna sono giovani, devono migliorare in tanti aspetti”.

16:25 – CONVOCATI GENOA – Ufficiali i convocati di mister Ballardini per la gara di Torino. Rosi e Bertolacci convocati:

1 Perin, 2 Spolli, 3 Gentiletti, 4 Cofie, 5 Izzo, 8 Bertolacci, 10 Lapadula, 11 Taarabt, 13 Rossettini 14 Biraschi, 16 Galabinov, 19 Pandev, 20 Rosi, 21 Brlek, 22 Lazovic, 23 Lamanna, 30 Rigoni, 38 Zima, 40 Omeonga, 44 Veloso, 49 Rossi, 64 Pellegri, 87 Zukanovic, 93 Laxalt.

16:22 – CONVOCATI BOLOGNA – Diramato l’elenco dei convocati di Roberto Donadoni per la sfida contro l’Udinese: ci sono anche Palacio e Di Francesco.

Portieri: Da Costa, Mirante.

Difensori: De Maio, Gonzalez, Helander, Krafth, Maietta, Masina, Mbaye, Torosidis.

Centrocampisti: Crisetig, Donsah, Nagy, Pulgar, Taider.

Attaccanti: Destro, Di Francesco, Falletti, Krejci, Okwonkwo, Palacio, Petkovic, Verdi.

16:18 – CONVOCATI CHIEVO VERONA –  Comunicata la lista ufficiale dei convocati di Maran per la trasferta beneventana del Chievo Verona. Come già annunciato in conferenza stampa, out Gamberini, Castro e Meggiorini.

Portieri: Stefano Sorrentino, Andrea Seculin, Alessandro Confente.

Difensori: Pawel Jaroszynski, Dario Dainelli, Bostjan Cesar, Mattia Bani, Massimo Gobbi, Fabio Depaoli, Fabrizio Cacciatore, Nenad Tomovic.

Centrocampisti: Nicola Rigoni, Luca Garritano, Ivan Radovanovic, Gianluca Gaudino, Valter Birsa, Perparim Hetemaj, Samuel Bastien.

Attaccanti: Mariusz Stepinski, Mehdi Leris, Manuel Pucciarelli, Sergio Pellissier, Roberto Inglese.

16:11  – CONVOCATI BENEVENTO –  Diramata la lista ufficiale dei convocati di De Zerbi per la sfida contro il Chievo Verona:

Portieri: 1 Belec, 22 Brignoli, 12 Piscitelli;

Difensori: 3 Letizia, 17 Di Chiara, 18 Gyamfi, 23 Venuti, 5 Lucioni, 21 Costa, 6 Djimsiti, 95 Gravillon;

Centrocampisti: 8 Cataldi, 13 Chibsah, 4 Del Pinto, 20 Memushaj, 14 Viola;

Attaccanti: 7 D’Alessandro, 26 Parigini, 10 Ciciretti, 99 Brignola, 90 Armenteros, 11 Coda, 32 Puscas, 87 Lombardi.

16:10  – CONFERENZA INTER – Lunga la conferenza stampa di Luciano Spalletti che si trova ad affrontare una piccola crisi di risultati dopo un avvio di campionato straordinario. Fra i temi trattati, oltre all’opzione di Candreva trequartista, il rendimento di Gagliardini, le prospettive di Cancelo e la questione Joao Mario:  “Antonio (Candreva ndr.) ha fatto vedere di essersela cavata anche nel ruolo di trequartista. Non farei comunque confusione perché all’inizio abbiamo indovinato di fare leva su un blocco duro e forte. In questo momento andrei più a rafforzare le nostre convinzioni che tirare il cappello per aria rischiando che poi qualcosa non funzioni. Non vedrete grosse novità rispetto all’ultimo periodo. Se ho le alternative giuste in rosa? Le ho avute in maniera parziale. Grandi risultati non sono arrivati. Resto della mia idea fino alla fine: a me piacciono i calciatori che alleno. Per arrivare a un lavoro programmato in maniera corretta bisogna battere su questi. Avere un obiettivo e basta ti porta alla sconfitta. Serve un mini traguardo ogni giorno: da qui arriva la somma che ti porta alla fine di un campionato. Noi lavoriamo nel modo giusto. In questo momento c’è da stare vicino ai ragazzi per fargli capire chi sono e cosa possono fare. Sono all’Inter per loro merito. Quando sei in questo contesto e vesti questi colori devi saper reagire. Non puoi scansarti perché altrimenti prima o poi, se ti vengono addosso, cadrai. Se pensi di poterti nascondere all’Inter non puoi arrivarci. Gagliardini sbaglia tanti palloni? Chiaro che perde di vista qualcosa, ma nel complesso non vedo grosse pecche. Nella verticalizzazione improvvisa ovviamente qualcosa concede, laddove percorre tanti metri. A me va benissimo così com’è. In alcuni momenti è stato al di sotto delle sue potenzialità ma non c’è nulla di strano. Cancelo senza dubbio ha delle qualità importanti. Il punto è che ci sono degli equilibri molto sottili. Ha fatto due buone partite e migliorerà di volta in volta. Può giocare anche più offensivo. Per gennaio possono dire ciò che vogliono: fino a che i direttori non diranno chi resta e chi no, sono tutti giocatori dell’Inter. Gli stipendi li stacca il presidente e fino a che si ritiene che i calciatori stanno facendo bene non si muove nessuno. Siamo noi a gestire il loro percorso, non i procuratori. Joao (Mario ndr.) è generoso e non ha mai detto nulla di particolare. Ci sono molte postazioni intorno ai giocatori, girano tante voci, però lui da un punto di vista professionale è un ragazzo corretto. Dispiace che non sia riuscito a sfruttare le palle gol che gli sono capitate. È normale che si abbassa lo stimolo quando sbagli. L’applicazione fa la differenza e lui comunque si è allenato bene. Non è il solo ad aver sbagliato. Qualora dovessi vedere atteggiamenti menefreghisti si prenderanno le dovute contromisure.”

15:38  – CONFERENZA MILAN – Dopo la vittoria in Coppa Italia, mister Gattuso si presenta ai microfoni della sala stampa per presentare il match contro la Fiorentina. Tra le novità c’è il recupero di Donnarumma, ma anche quello di Calhanoglu. Per finire, invece, solo parole al miele per il giovane Cutrone che ha segnato il gol vittoria nel derby di coppo. Ecco le sue parole: “Gigio (Donnarumma ndr.) oggi si è allenato, penso proprio che giocherà. Calhanoglu? Ha fatto molto bene, così come tutti quelli che sono scesi in campo. Se non sbaglio erano 40 giorni che non giocava così tanti minuti. Il fatto di aver fatto 50 minuti non è poco. Vediamo. Veramente non sono sicuro nemmeno io della formazione, ho ancora qualche dubbio. Hakan è un giocatore importante, ha grandissime qualità e se migliora sul piano fisico ci può dare una grandissima mano, perché ha una balistica che hanno in pochi in questa squadra. Penso che da quando sono arrivato si veda qualche verticalizzazione in più. Ci piace palleggiare, ma quando arriviamo negli ultimi 20-30 metri cerchiamo sempre il taglio della nostra punta centrale o dell’attaccante esterno. E’ stato molto bravo Suso, poi Patrick (Cutrone ndr) ce l’ha come caratteristica, è tarantolato. Non mi sembra un ragazzo che si monti la testa. Ha grandissima voglia, sa che può fare questo mestiere a grandi livelli. Ha il veleno addosso e ci mette poco ad infiammarsi, è una caratteristica che ha dentro. Anche quando lo chiami che si sta scaldando lui ci mette un secondo ad arrivare e togliersi la casacca. È un giocatore a cui puoi chiedere anche di andare in porta in questo momento.

15:25  – CONFERENZA LAZIO – Inzaghi presenta il big match contro l’Inter di mister Spalletti parlando dei tempi di recupero di Di Gennaro e Caicedo, ma anche della possibilità di non vedere in campo Parolo. Ecco le sue parole: “Di Gennaro lo abbiamo voluto fortemente, ma purtroppo ha subito un brutto infortunio con ricaduta. Sta rientrando in gruppo, dopo la sosta lo riavremo insieme a Caicedo, sono due che possono tornarci utili. Mi dispiace per Caicedo, è importante per noi, adatto alla nostra squadra, si sacrifica e lotta lí davanti. È stata l’unica nota negativa con la Fiorentina. Mi toglie una scelta davanti, nonostante il rientro a pieno ritmo di Nani e Felipe Anderson. Se Parolo potrebbe riposare contro l’Inter? È una cosa che valuteremo molto attentamente, per la nostra economia di gioco è importantissimo. Ci dà equilibrio quando attacchiamo con tanti giocatori, è molto importante per il nostro scacchiere e vedremo il da farsi. Felipe ha giocato 60 minuti con la Fiorentina, oltretutto ben figurando. Potrebbe avere un’altra chance importante da sfruttare. Valuteremo la sua condizione. Devo valutare il recupero di alcuni giocatori, la loro forma. Avremo un leggero risveglio muscolare domani, poi deciderò con tranquillità“.

15:17  – CONVOCATI MILAN –  Diverse le assenze in casa Milan da Kalinic a Storari. Convocato Gigio Donnarumma. Ecco la lista ufficiale dei convocati:

Portieri – A. Donnarumma, G. Donnarumma, Gabriel.

Difensori – Antonelli, Bonucci, Calabria, Gomez, Musacchio, Rodriguez, Romagnoli, Zapata.

Centrocampisti – Biglia, Bonaventura, Borini, Calhanoglu, Gabbia, Kessie, Locatelli, Montolivo, Zanellato.

Attaccanti – Cutrone, André Silva, Suso.

15:05  – CONVOCATI UDINESE – Ufficiale la lista dei convocati di Massimo Oddo per il match che chiude il girone d’andata per Udinese e Bologna. Ecco la lista:

PORTIERI: Bizzarri, Borsellini, Scuffet.

DIFENSORI: Bochniewicz, Samir, Danilo, Nuytinck, Alì Adnan, Stryger, Pezzella, Widmer.

CENTROCAMPISTI: Balic, Barak, Behrami, De Paul, Fofana, Hallfredsson, Ingelsson, Jankto.

ATTACCANTI: Bajic, Lasagna, Maxi Lopez, Matos, Perica.

15:00 – CONFERENZA FIORENTINA –  Non si scuce molto in sala stampa mister Pioli durante la presentazione del match di domani contro il Milan. L’unica indiscrezione è il dubbio sulla presenza di Pezzella fra i convocati del match: “Pezzella proverà domattina e vedremo se sarà disponibile. Per la mole di gioco che costruiamo, sicuramente dovremo essere più concreti e prolifici. L’importante è continuare a fare la partita, poi è chiaro che ci vuole più precisione. Servono qualità e determinazione, stiamo lavorando per questo. La prestazione degli esterni nel 3-5-2 dipende molto dalla partita che riusciamo a fare. Se siamo bravi a restare nella metà campo avversaria cambia poco, ma se sei costretto a difendere il suo ruolo è un po’ più lungo anche per copertura. Non continuiamo a dare a Chiesa troppe responsabilità perché non faremmo il suo bene. Ha dato tanto tanto tanto, e ha giocato tanto tanto tanto“.

14:50  – CONFERENZA ROMA – Dall’esclusione di Defrel dai convocati alla presenza di Schick dal primo minuto. Questo ed altro ancora nella conferenza stampa di mister Di Francesco che precede il match contro il suo passato: “Dobbiamo portare in campo concretezza, superare questo periodo dove creiamo ma non segniamo, come anche contro la Juventus. La sfida contro il Torino è stata emblematica, noi dobbiamo rispondere sul campo. Mi auguro di creare anche molto meno ma di segnare come in passato. Pellegrini è un ’96 e sta giocando tanto. E’ di grandissima prospettiva, anche per la Nazionale. E’ il terzo anno che lo alleno ed è in continua crescita. Lo ritengo un titolare della mia squadra. Defrel è stato sfortunato per tante situazioni, ha ripreso in allenamento una botta dove si era già fatto male, sta cercando di recuperare ma per questa gara non sarà convocatoIl sistema di gioco lo fanno le caratteristiche dei giocatori. Quello di Torino era un 4-2-4, raramente faccio il 4-2-3-1. Questo perché abbiamo difficoltà nel segnare quindi cerco di mettere persone che hanno la vena del gol. Non buttiamo i giocatori o il modulo perché abbiamo perso due partite. Io posso utilizzare 4-3-3 o il 4-2-4, il 4-2-3-1 non mi piace tantissimo. Potrei optare per entrambi i moduli per migliorare la squadra, anche se la differenza è data dal risultato. Domani giocherà Schick dal primo minuto, gli altri 10 li vedremo. Nainggolan è un giocatore incredibile, magari da mezzala deve migliorare l’attacco della porta, lo trovi più spesso al limite dell’area. Ha avuto tante chance per segnare, mi auguro che possa segnare tanto. Voglio essere positivo e pensare che il centrocampo riprenda a segnare. È normale chiederlo visto che segniamo poco. Ora non gioca dietro la punta, ci arriverà con lo sviluppo della manovra“.

13:56  – CONFERENZA SAMPDORIA – Mister Giampaolo si presenta in conferenza stampa per parlare della sfida di domani pomeriggio contro la Spal. Probabilmente Zapata non recupererà, mentre recuperato e pronto a giocare è Linetty. Ecco le parole del mister: “Non so se Zapata ce la farà, ma nel caso non so ancora chi prenderà il suo posto. Linetty si è allenato con noi per tutta la settimana ed è convocato, per noi è un giocatore molto importante. Questa squadra segna molto di più rispetto all’anno scorso, probabilmente subisce qualche gol di troppo, ma l’organico è più o meno lo stesso. Commettiamo ancora alcuni errori, come in occasione della trasferta di Napoli, per eccesso di autostima e questa è una mentalità giusta. Dobbiamo essere bravi con accorgimenti preventivi per rendere la vita più difficile per l’avversario di turno e lo abbiamo fatto anche questa settimana.”

13:52  – CONFERENZA TORINO – Più che una conferenza stampa, un bollettino medico di guerra quello che Mihajlovic fa davanti ai microfoni della sala stampa per presentare il match contro il Genoa. Certi saranno però l’impiego di Niang e di Berenguer dal primo minuto. Ecco le parole di Sinisa Mihajlovic: “Sarà una partita difficile, dopo il cambio di allenatore al Genoa hanno fatto cose positive. Siamo un po’ in difficoltà. La lista dei nostri infortunati è lunga come un’autostrada. Quelli che giocheranno saranno all’altezza. Abbiamo quattro difensori infortunati, un centrocampista e tre attaccanti fuori. Belotti è molto meno grave di quello che si pensava, speriamo di recuperalo per dopo la sosta. Edera sicuramente non sarà disponibile per la prossima sfida. Si è girato la caviglia. Dovrà fare degli esami. Niang domani giocherà, non voglio parlare sempre di lui. Per quanto riguarda infortunati, per il derby possiamo recuperare solo BaselliBarreca ha un problema muscolare, di linfonodi. Prima deve risolvere tutti i problemi. Si allena ma è sempre al 50 per cento. Una volta risolti i problemi sarà a disposizione. Domani giocherà Berenguer, avrebbe giocato anche senza l’assenza di Ljajic. È in un buon momento, sta facendo bene.”

13:40  – CONFERENZA HELLAS VERONA – Domani al Bentegodi l’Hellas Verona ospita la Juventus e mister Pecchia presenta il match davanti ai microfoni della sala stampa. Ecco le sue parole: “Dobbiamo pensare a noi stessi. Ognuno di noi deve dare il massimo delle proprie potenzialità e dobbiamo scendere in campo con coraggio e personalità. Dobbiamo giocare con il cuore senza fare calcoli. Contro l’Inter abbiamo fatto bene, al di là del risultato. I ragazzi sono tutti a disposizione tranne Fares, Valoti non è al meglio ma sta migliorando. Caceres ha smaltito il problema alla schiena. Nelle ultime gare non ho cambiato molto, è molto facile intuire le mie scelte. Souprayen e Caceres stanno bene e dietro non ho tanta scelta. Al di là degli uomini che scenderanno in campo dobbiamo dare tutto noi stessi.

13:28  – CONFERENZA GENOA – Tanti gli indisponibili e i dubbi per mister Ballardini che, in conferenza stampa, presenta il match contro il Torino. Ecco le sue parole: “Gli indisponibili sono Migliore, Ricci e Rodriguez mentre Centurion non si è allenato. Poi c’è da valutare Rosi e Bertolacci. Ieri si sono allenati e oggi vediamo. Spolli si è allenato.  Se ho dubbi positivi su Omeonga e Lapadula? Certamente, aggiungerei anche su Brlek, Pellegri, Galabinov, Biraschi. Mi spiace se ne dimentico qualcun’altro. Sono tanti i giocatori che mi mettono in serissima difficoltà. Ci pensi bene ma poi speri di sbagliare il meno possibile. Lapadula dal primo minuto? Abbiamo prima dei dubbi riguardo le condizioni di alcuni giocatori come Spolli, Rosi e Bertolacci. Se giocheremo ancora con le due punte atipiche? Abbiamo dimostrato per ora di essere una squadra compatta che si muove in maniera armoniosa. Contro il Benevento abbiamo invece giocato, diciamo, con i tre attaccanti Pandev, Lapadula e Taarabt. Io quasi sempre ho giocato con i tre attaccanti poi bisogna vedere bene perché è importante la compattezza e far bene le due fasi di gioco indipendentemente dagli attaccanti in campo.

13:19  – CONFERENZA UDINESE – Molto abbottonato mister Oddo che non si sbilancia in conferenza stampa e rivela poco dei suoi piani per la partita di domani. Unica nota positiva che trapela per i fantallenatori è il rientro fra i convocati di Samir. Ecco le sue parole: “Domani è una partita diversa, ma la fortuna è che ho giocatori validissimi, davanti, con caratteristiche differenti. Sceglierò domani, non ho ancora deciso, non è una frase fatta ma la verità. Samir sta bene, è convocabile e convocato, è pronto per partire dal primo minuto, poi si vedrà. Ho dei ragazzi, dietro, che stanno facendo benissimo. Donadoni è molto solido, organizzato, un allenatore molto bravo che ho avuto in nazionale. Sono passati dieci anni, sarà migliorato sul campo e nei rapporti, è un soggetto in continua evoluzione, sta facendo grandi cose. Sarà una gara difficile. Le punizioni alle volte le puoi evitare, altre no“.

11:22 – CONFERENZA JUVENTUS – Mister Allegri presenta il match in esterna contro l’Hellas Verona di mister Pecchia. Tra le dichiarazioni più importanti ci sono l’assenza di Pjanic e il possibile rientro dal primo minuto di Dybala. Ecco le sue parole: “ La Juventus non vince a Verona dal 2001, domani per noi questa è una partita dove dobbiamo prendere i 3 punti, altrimenti buttiamo all’aria tutto quello che abbiamo fatto nell’ultimo mese. Pjanic non c’è, come non c’è Buffon, come non c’è De Sciglio e come non c’è Cuadrado. Per sostituire Pjanic o giocherà uno fra Bentancur e Marchisio oppure giocherò con il centrocampo a due. Bentancur non è sparito, è un ragazzo del ’97, deve migliorare, ma sta facendo molto bene. Dybala? Ha lavorato bene nelle ultime due settimane. Lui è sereno e domani potrebbe tornare a giocare dal primo minuto. Paulo deve fare il suo percorso, ha le sue qualità e non deve essere paragonato a nessuno perché paragoni di questo tipo non se ne possono fare, i ragazzi vanno lasciati crescere. Con Pjaca dobbiamo parlare per decidere cos’è meglio per lui e cos’è meglio per la Juve. È fermo da 9 mesi ed ha bisogno di giocare. Per noi lui è un giocatore importantissimo. Douglas Costa non è cresciuto, ma si è ambientato e adesso dimostra il suo valore. Se giocassi a due a centrocampo potrebbero giocare tante coppie, devo solo valutare Matuidi che ha saltato mezzo allenamento ieri. In difesa devo ancora valutare: a riposo sicuramente Barzagli e rientrerà Lichtsteiner.

11:05  – CONFERENZA CHIEVO VERONA – Lunga chiacchierata quella fra Maran e i giornalisti nella conferenza stampa di presentazione del match con il Benevento. Gli argomenti sono tanti, su tutti l’assenza di Castro, di Meggiorini, di Gamberini e i progressi di Stepinski. Ecco le sue parole: “Dobbiamo essere bravi a lavorare sul campo più che con la testa. La partita con il Benevento va presa con la massima attenzione, non dobbiamo essere frenetici ma lucidi. Come sostituire Castro? Dobbiamo dare tutti di più. Lo sforzo qua lo fanno tutti e tutti giorni, sono tutti pronti a giocare. Io sono molto fiducioso, dobbiamo tramutare tutto questo impegno nella prestazione in partita. Meggiorini? Quando ho l’organico al completo sono più contento, ma non dobbiamo fossilizzarci sulle assenze. Quando rientrerà lo vedremo, certo per lui non ci voleva dopo i 6 mesi di stop. Stepinski ha molti margini di miglioramento e ci sono i presupposti giusti, basta vederlo lavorare. Il suo impegno è indiscutibile. Stepinski e Inglese hanno caratteristiche diverse. È un giocatore generoso, istintivo, ma spesso finisce a giocare da solo. Deve migliorare sull’aspetto del gioco di squadra, ma vedo i margini e sono fiducioso. Oltre a Castro e Meggiorini è out anche Gamberini a causa di un risentimento muscolare. Mi aspetto di più da Pucciarelli? Mi aspetto di più da tutti. Manuel sta lavorando come tutti, forse dovrebbe essere più egoista e cercare più spesso la conclusione, ma il suo altruismo lo rende un uomo squadra.

10:45 – CONFERENZA BOLOGNA – In quest’ultima giornata del girone d’andata il Bologna ospita l’Udinese al Dall’Ara e mister Donadoni presenta il match concentrandosi sul rientro dagli infortuni e su Mattia Destro. Ecco le sue parole: “Stanno tutti bene, mancherà solo Poli squalificato. È chiaro che alcuni dovranno ritrovare ritmo dopo un periodo di assenza. Di Francesco e Palacio? Vediamo, fisicamente stanno bene e i dati sono positivi. Vediamo l’ ultimo allenamento. Chi gioca meno? Quando sono tutti a disposizione incrementa la competitiva di chi vuole emergere. Se gioca uno non significa che l’altro è meno considerato. Ci sono scelte da fare sulla base di chi si affronta e del lavoro settimanale. Mattia Destro non può essere diverso da quello di Verona, i gol sono l’ultima cosa perché passano dall’atteggiamento e dall’impatto sulla gara. Vale per lui come per gli altri perché gli esempi positivi trascinano. Se tutti passano da questa mentalità andremo incontro al salto di qualità. Questa per Destro deve essere la base, la normalità. Il primo contrasto in partita fa intuire tutto il resto. Mattia si sta sforzando di più in allenamento e i risultati si vedono.


0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy