Lecce, Sticchi Damiani: “Niente ripresa della Serie A? Ricaviamo introiti!”

Lecce, Sticchi Damiani: “Niente ripresa della Serie A? Ricaviamo introiti!”

Il presidente giallorosso ha fornito alcune importanti dichiarazioni in merito alle riunioni tenute in Lega per il futuro della stagione.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

Sono giorni frenetici per tutti i Presidenti dei club di Serie A. Tra ieri e oggi infatti, si sono virtualmente incontrati due volte per capire il da farsi a seguito dell’emergenza Coronavirus e dello stop forzato del campionato. E se da un lato Andrea Agnelli e Claudio Lotito continuano a battibeccare per le differenti visioni sull’assegnazione dello scudetto, dall’altro i numero uno delle società minori devono fare i conti con lo spauracchio della retrocessione e del fallimento. Tra questi ultimi vi è sicuramente Saverio Sticchi Damiani, Presidente del Lecce, che oggi è intervenuto durante la trasmissione ‘Punto Nuovo Sport Show’ su Radio Punto Nuovo rilasciando queste dichiarazioni:

“Stiamo cercando di creare un confronto quotidiano tra tutti i presidenti Serie A, con Dal Pino e De Siervo. Anche oggi abbiamo fatto un’ennesima riunione per affrontare vari temi, che sono riservati. Tra poco uscirà un documento condiviso. Stiamo cercando come ricavare introiti qualora il campionato non dovesse più ricominciare, parliamo di circa 200-300 milioni di euro, un modo potrebbe essere ridurre gli stipendi in relazione ad un determinato periodo. Il sistema calcio rischia un danno esorbitante, quindi bisogna anche poter pensare di giocare ad agosto. Playoff e playout? Ne avevamo parlato ed io ero assolutamente scettico sul tema, ma credo che la proposta sia caduta. Rischio fallimento società? Dipende da che tipo di politica e che tipo di indebitamento hanno le società. Il Lecce non ha nessun debito, ma sicuramente ci sarebbe un impatto grande, senza però alcun debito pregresso”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy