Lazio, Acerbi per sempre: si va verso il rinnovo a vita

Lazio, Acerbi per sempre: si va verso il rinnovo a vita

Il difensore, che si è affermato e ha dimostrato una crescita sostanziale, vuole rimanere biancoceleste.

di Mauro Maccioni

Non sono sempre le giocate dei grandi campioni in zona gol a portare a una vittoria. A volte, avere una difesa solida è l’elemento fondante del successo. E quindi, oltre ai gol di Immobile e agli assist di L. Alberto, la Lazio non deve dimenticare di avere un grandissimo difensore. Da quando è arrivato dal Sassuolo, Acerbi ha dimostrato solidità e sicurezza, guadagnandosi il diritto di giocare addirittura 66 partite consecutive senza mai mancare.

RINNOVO A VITA 

“Finirei la carriera alla Lazio”, ha detto Acerbi in una diretta su Instagram. Anche se poi ha aggiunto che gli piace pensare giorno per giorno, il messaggio è passato forte e chiaro. Dopo il fallimento al Milan, la malattia e la rinascita al Sassuolo, la Lazio è stato il primo club a crederci, e il tempo ha dato ragione ai biancocelesti. Con Inzaghi, Acerbi è sceso in campo 83 volte, vincendo anche 2 trofei, Coppa Italia e Supercoppa, e segnando due reti in questo campionato. Acerbi è la vera colonna portante di questa squadra e garantisce la possibilità di un gioco offensivo che, senza una sicurezza alle spalle, vacillerebbe. Inzaghi lo sa, così come la società. Per contrastare le voci di mercato che lo vedono al Chelsea, Tare ha già predisposto il piano-Acerbi. Prolungamento del contratto fino al 2024 – quello attuale scade nel 2023 -, quando lui avrà 36 anni, e aumento dell’ingaggio, che passerebbe da 1,8 mln a 2,5 senza bonus.

Un contratto importante, che lo legherebbe a vita ai biancocelesti. E per il futuro? Lo stesso Acerbi esce allo scoperto e ammette di voler fare l’allenatore. Se una volta, con Inzaghi, ha funzionato, la Lazio potrebbe essere disposta ad affidargli le giovanili, nella speranza di crescere un nuovo, grande allenatore tutto in casa.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy