Juventus, Rugani: “Mi manca abbracciare i miei cari. Vi svelo il mio idolo”

Juventus, Rugani: “Mi manca abbracciare i miei cari. Vi svelo il mio idolo”

Il difensore bianconero ha risposto ad alcune domande per Jtv.

di Mauro Maccioni

Daniele Rugani, primo calciatore della Serie A positivo al Coronavirus, si trova in quarantena presso il J-Hotel, albergo di proprietà della società. Lontano anche dalla compagna Michela Persico, positiva anche lei al tampone, Rugani ha rilasciato un’intervista per JTvin un nuovo format chiamato “A casa con la Juve“.

LE PAROLE DI RUGANI

Sulle sue condizioni e sulla quarantena:Sto bene, non ho avuto i sintomi che si leggono in giro. Sono stato fortunato, però è stata comunque una bella botta, perché sono stato il primo nel nostro ambiente e c’è stato un grande rilievo mediatico. Mi auguro però che sia servito a sensibilizzare tutti. Voglio ringraziare pubblicamente per i messaggi ricevuti, supereremo tutti questa situazione. La quarantena è lunga e noiosa, soprattutto se sei da solo. Mi manca molto poter abbracciare le persone care“.

Sul suo tempo libero: “Vi consiglio “Contrattempo” su Netflix. Io lo sto guardando, è un thriller e non è pesante. Ora sto leggendo Harry Potter in inglese, perché voglio perfezionare la lingua”.

Sul suo idolo e sulla Juventus: “Ho sempre giocato centrocampista o difensore, ma essendo tifoso juventino ogni anno mio padre insieme alle scarpe nuove mi regalava la maglia di Del Piero. Era la nostra tradizione. Il momento più bello è stato il primo scudetto vinto con la Juventus: la passerella allo Stadium, il pubblico che grida il mio nome e la Coppa alzata sul campo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy