Inter, sospiro di sollievo: Sanchez e Moses finiranno il campionato

Inter, sospiro di sollievo: Sanchez e Moses finiranno il campionato

Raggiunto un accordo con le società detentrici dei cartellini, che hanno permesso la permanenza dei giocatori fino al 6 agosto

di Mauro Maccioni

Nelle scorse giornate si era parlato del problema che l’Inter era costretta ad affrontare. Sanchez e Moses, entrambi in prestito, rischiavano di salutare anticipatamente in caso di mancato accordo con United e Chelsea. Accordo che, nelle ultime ore, è arrivato.

INSIEME FINO A FINE CAMPIONATO

Antonio Conte, allora, tira un sospiro di sollievo. Moses e Sanchez, per quanti entrambi non titolari – il primo è il sostituto di Candreva, il secondo di Lautaro e Lukaku – erano e sono tutt’ora fondamentali nelle rotazioni. Il campionato fitto, con una media di una partita ogni tre giorni, impone scelte diversificate: Moses e Sanchez, in questo senso, sono fondamentali. La Juventus è ancora lontana, ma l’Inter non si arrende e ci prova, con la sicurezza di avere a disposizione tutti gli effettivi. Gli accordi, comunque, fanno scadere la permanenza dei due al 5-6 agosto, data della sfida di Europa League contro il Getafe. In caso di vittoria dei nerazzurri e di passaggio del turno, bisognerà riprendere le trattative.

CASO SANCHEZ

Si parla di riprendere le trattative per un motivo ben preciso: tutte le società in gioco hanno deciso, dati i tempi ristretti, di procedere caso per caso. Con l’accordo attuale se l’Inter dovesse essere eliminata contro il Getafe il problema non si presenterebbe. In caso contrario, Marotta dovrà sedersi nuovamente al tavolo delle inglesi. Mentre per il Chelsea – fuori dalle coppe – non ci sarebbe problema a lasciare Moses fino a fine stagione, per lo United il discorso è diverso. Da quanto filtra, pare che i Red Devils abbiano mosso delle pretese in caso di scontro diretto in Europa League. E la richiesta è la seguente: in caso di sfida, Sanchez non dovrà giocare. Un punto d’incontro non è ancora stato trovato e ancora non si può dire se il cileno dirà addio, o meno, dopo la sfida con il Getafe. Quello che verrà è avvolto in un alone di nebbia, ma gli obbiettivi dell’Inter coincidono con il caso in questione. Ancora una volta, l’unica cosa a cui deve pensare Conte è vincere. Poi, se ci sarà la possibilità, a Sanchez ci penserà Marotta.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy