Hellas Verona, Juric: “Badu non è a disposizione, Amrabat torna in mezzo al campo”

Hellas Verona, Juric: “Badu non è a disposizione, Amrabat torna in mezzo al campo”

Il tecnico gialloblù ha presentato il match casalingo contro la Juventus.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

Ormai non è una novità. L’Hellas Verona spaventa un po’ tutti in Serie A perché si è dimostrato sempre una squadra ben organizzata, capace di dare del filo da torcere e fermare armate costruite per dare la caccia al tricolore, tra cui l’ultima in ordine di apparizione è stata la Lazio. Il merito di tali traguardi va principalmente a Ivan Juric, che anche domani sera proverà a infondere la propria grinta ai suoi ragazzi per cercare di strappare punti pure alla capolista Juventus.

LE PAROLE DI JURIC

Sulla partita: “Può essere che sia una di quelle partite che si preparano da sole. L’altro giorno c’è stato un dispendio fisico importante, adesso vedremo come staremo. Sono convinto che si possa fare, perché si prepara abbastanza da sola. La mia sensazione è che ora sia maggiormente la Juventus di Sarri, le linee sono più vicine, a livello di gioco hanno fatto passi in avanti. Maggiore attenzione per Cristiano Ronaldo? No”.

Sulla squadra: “Oggi li vedo per la prima volta, ieri chi ha giocato ha lavorato a parte. Nessuno ha avvertito problemi dopo la partita, oggi dovremo scaricare e andare sull’intuizione”.

Sulla titolarità di una prima punta: “Le caratteristiche non cambiano molto, una punta la tieni più in mezzo e l’altra più esterna. Dipende anche se giocheranno a tre o a quattro”.

Su Badu: “Mi dispiace molto per Badu, in questa settimana poteva essere un’opzione, ma ha avuto questo taglio e la ferita è ancora aperta. Non sarà a disposizione”.

Sui diffidati che potrebbero incidere sulle scelte: “Quello no, in base a come staranno i ragazzi valuteremo. Ci siamo allenati poco, Dimarco ed Eysseric sono arrivati per ultimi, faccio fatica a dare un giudizio. Non è facile entrare nel ritmo che ha la squadra in questo momento”.

Quanto cambia l’obiettivo?
“Ho detto ai ragazzi che se lo raggiungono all’ultima giornata li porto fuori a mangiare. Poi se succede all’ultima giornata o prima non cambia, speriamo di farcela anche prima”.

Sul tenere testa a qualsiasi avversario: “Stiamo dando tanto e stiamo raccogliendo i frutti. Sarebbe bello continuare così. Questa è l’idea di domani, fare di nuovo punti”.

Su Rrahmani: “La mia sensazione è che chi ha firmato per altre squadre, se gioca male, è per altri motivi. Sono abbastanza tranquillo da questo punto di vista”.

Su Pessina trequartista: “Amrabat tornerà a giocare in mezzo al campo, poi vedremo l’allenamento di oggi. Le scelte dipenderanno dalle condizioni dei ragazzi”.

Su Dawidowicz: “Può essere un’opzione, però posso rispondere soltanto dopo l’allenamento. Dipende da come staranno i ragazzi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy