Dal Fantacalcio al Legia Varsavia: la favola di Rui Marques

Dal Fantacalcio al Legia Varsavia: la favola di Rui Marques

Il miglior fantallenatore del mondo è stato assunto dal club polacco.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

Quando vi diranno che il Fantacalcio è solo un passatempo tra amici, voi urlategli contro il nome di Rui Marques e raccontategli la sua avventura, che lo ha portato dal creare la propria fantarosa al costruire la rosa di un club europeo reale come il Legia Varsavia, che il prossimo anno giocherà perfino in Europa League.

Difatti, il club polacco ha assunto Marques come proprio scout internazionale dopo che nell’ultimo anno ha vinto i due Fantasy Football (l’equivalente del nostro Fantacalcio, ndr) organizzati dal Daily Mirror e dalla Bild e dopo che in tutta la sua carriera ha intascato circa 120.000 sterline di premi, che gli sono valse il titolo di miglior fantallenatore del mondo.

Un’autentica favola dunque, quella che ha visto protagonista l’ex studente di economia, che è riuscito a mettersi in mostra e ad emergere tra i tutti i fantallenatori grazie alla sua spiccata capacità nell’individuare e selezionare calciatori dal rendimento costante durante tutta la stagione.

A tal proposito, contattato dal Sun, Marques ha riassunto così le sue ultime settimane di lavoro con il Legia Varsavia e quelle che le hanno precedute alla corte dell’Estoril Praia in Portogallo: “Mi hanno mandato in Scozia per la partita contro Cipro perché dovevo valutare alcuni calciatori ciprioti come potenziali acquisti. Quando ero in Portogallo invece, il club ha acquistato due giocatori che erano nel mio report finale e uno dei due è stato venduto sei mesi dopo con un profitto di un milione di sterline”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy