Torino, Mazzarri: “Lyanco ha fatto bene e giocherà, su Verdi…”

Il tecnico granata presenta il posticipo casalingo di domani sera contro il Milan.

di Massimo Angelucci

Il Torino si prepara a chiudere il primo lungo turno settimanale affrontando domani sera il Milan di Giampaolo. Walter Mazzarri e i suoi granata giungono alla sfida contro i rossoneri dopo aver inanellato due sconfitte consecutive e sperano dunque di dare una svolta a questo trend negativo, provando a ripetere le buone prestazioni centrate nelle prime due uscite stagionali.

LE PAROLE DI MAZZARRI

Walter Mazzarri, dopo due sconfitte consecutive, avrebbe voluto non tornare subito in campo ed analizzare con calma gli errori: “per qualcuno può fare bene tornare subito in campo, io ho sempre preferito la settimana tipo, in quei giorni posso migliorare quello che ho sbagliato. Ma lo facciamo lo stesso, quindi va bene così”.

Il tecnico granata conferma il fatto di aver visto una buona partita contro la Sampdoria: “a caldo valuto le partite, poi le rivedo. Abbiamo rivisto la partita contro la Sampdoria per 3-4 volte, e confermo che dopo i primi 10 minuti dove i blucerchiati hanno creato una palla goal importante, abbiamo giocato bene. Purtroppo nel secondo tempo ci siamo addormentati su un fallo laterale e ci hanno segnato. Siamo stati puniti su questa ingenuità, abbiamo dilapidato ciò che di buono abbiamo fatto. Dobbiamo tirare di più in porta, abbiamo il vizio di voler entrarci con la palla”.

Mazzarri promuove Lyanco, nonostante l’errore sul goal, avvenuto, secondo il tecnico granata, a causa di un fallo non rilevato dall’arbitro: “Lyanco ha fatto un’ottima gara, sono rimasto sorpreso perchè non credevo avesse 90′ nelle gambe. L’errore sul goal non è stato il suo, forse avrebbe dovuto essere più malizioso. Il ragazzo ha fatto bene, mi dispiace perchè quel fallo su di lui non fischiato ha cambiato il corso della gara. Io cerco di difendere sempre i miei giocatori quando vengono attaccati gratuitamente, l’ho fatto anche con Berenguer. Su Lyanco era fallo, poi certo, la sconfitta brucia, ma rispetto al Lecce abbiamo fatto passi in avanti. Io, con i miei giocatori, non parlo mai di arbitri, non voglio dare alibi ai miei giocatori. Dobbiamo imparare a prenderci le nostre responsabilità“.

l’allenatore cerca di spegnere sul nascere i malumori della tifoseria, arrivati dopo due sconfitte consecutive: “i tifosi sanno la buona fede del lavoro che abbiamo fatto, non so da dove nascono questi malumori. Per me sono solo destabilizzatori”.

La chiave di volta può esserci nell’utilizzo di Simone Verdi: “speriamo che ci dia quello che ci è mancato l’anno scorso, ma non aspettiamoci che ci risolva tutti i problemi. Non è Maradona, bisogna dargli tranquillità. Non sanno nemmeno i preparatori se è pronto o meno, lo vedrò nelle prossime ore. A Genova è entrato bene, ma non so se è pronto a giocare dall’inizio. Devo fare delle valutazioni“.

Mazzarri promuove la difesa: “i tre difensori che hanno giocato a Genova stanno bene ed hanno giocato meglio rispetto al Lecce, poi a volte commettono delle ingenuità. Globalmente, però, mi sono piaciuti“.

Lo stato di salute della squadra è molto buono: “la squadra sta bene, a Genova avevo dei cambi che mi avrebbero permesso di cambiare il corso della partita, soprattutto con Verdi e Berenguer. Globalmente stiamo bene. Se devo citare un singolo, Aina ogni tanto ha delle pause, forse deve lavorare sulla concentrazione. Spero che i giocatori sentano la mia rabbia e che domani tirino fuori l’orgoglio. I giocatori devono capire che le altre squadre ci affrontano in maniera differente, non siamo più la squadra dei decimi posti. Ora ci hanno visto anche in Europa e ci affrontano in maniera più rispettosa“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy