Juventus, Sarri: “Douglas Costa non è rientrato in gruppo. Higuain o Dybala? Sono adatti entrambi”

Juventus, Sarri: “Douglas Costa non è rientrato in gruppo. Higuain o Dybala? Sono adatti entrambi”

Il tecnico bianconero incontra i giornalisti alla vigilia della ripresa del campionato contro il Bologna.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

La testa della classifica è stata riacciuffata grazie alla bella vittoria sull’Inter, ma ora per la Juventus la sfida sarà continuare a mantenere il primo posto nel tour de force di 7 partite tra Serie A e Champions League prima della prossima sosta (prevista per il 17 novembre, ndr). In tal senso, la strategia di Maurizio Sarri sarà ragionare un passo alla volta, pensando solo all’avversario di turno, il primo dei quali sarà l’agguerrito Bologna di Sinisa Mihajlovic, atteso domani sera all’Allianz Stadium.

LE PAROLE DI SARRI

Su Douglas Costa: “Non so da dove sia uscita la notizia del rientro di Douglas Costa perché si sta allenando sempre a parte. Non c’è stato il rientro in gruppo di Douglas, quindi è una domanda da fare in futuro. Durante la settimana abbiamo avuto il rientro di Danilo e ieri di Ramsey. Arrivano notizie confortanti su Costa e De Sciglio, ma ancora non c’è stato il rientro in gruppo”.

Su chi è più adatto tra Higuain e Dybala contro il Bologna: “Domanda fatta per capire chi gioca. Io dico che sono entrambi adatti”.

Sul Bologna: “È una squadra che ha dei numeri di altissimo livello, è pericolosissima da affrontare. Spero Mihaijlovic sia in panchina domani, perché lo rivedrei volentieri”.

Sul modulo: “Io penso che questa squadra deve essere pronta a tutte e due le soluzioni, sia al 4-3-3 che al 4-3-1-2. In questo momento stiamo facendo un modulo neanche semplice sotto tutti i punti di vista e la fase difensiva la stiamo facendo non in maniera perfetta ma abbastanza bene. Merito dei ragazzi che in poco tempo hanno dato una buona interpretazione di questo modulo, ma poi in base ai giocatori a disposizione, di partita in partita, vedremo quello che dovremo scegliere. Tuttavia, penso che dovremo essere pronti ad utilizzarli tutti e due”

Sulla difesa: “Abbiamo dato continuità agli stessi per trovare stabilità e metterci a posto. Rugani lo conosco bene, ha grandi prospettive e uno degli obiettivi stagionali è il suo recupero”.

Su Matuidi: “Non avevo nessuna preclusione verso di lui. È uno dei giocatori che si adatta a tutte le tipologie di gioco. Ha dei numeri e delle doti fisiche straordinarie, capisce le situazioni ed è pronto a mettersi a disposizione della squadra. Capisce i movimenti che deve fare nelle varie situazioni. Per un allenatore è importante perché ti dà solidità ed equilibrio”.

Su Cuadrado: “Io Cuadrado continuerò a farlo allenare da difensore esterno. Tanto se gioca più alto, ha caratteristiche personali per farlo autonomamente. Sta facendo passi avanti enormi nella difesa di reparto, deve farne ancora in quella individuale. Ma ha la necessità di allenarsi da difensore”.

Sui nazionali: Quando tornano non è mai facile. Abbiamo giocatori che sono stati in campo martedì e ieri hanno fatto scarico. Sono sempre momenti in cui è difficile valutare le loro condizioni. Questa volta abbiamo la fortuna che 4-5 hanno giocato domenica. Demiral? L’ho trovato normale: tutto il resto è una questione della federazione turca e della UEFA che ha aperto un’inchiesta”.

Tra Pjaça e Mandzukic: “Pjaça non è disponibile, si è allenato poco con noi. Mandzukic non si allena con noi per un accordo con la società, ma se ciò dovesse cambiare sono aperto a tutto”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy