Cagliari, Maran: “Nainggolan da play; Nandez forse dal 1′. Castro viene in panchina”

Il tecnico rossoblù è intervenuto alla vigilia del debutto in Serie A contro il Brescia.

di Carlo Cecino, @CarloCecino

Il prosieguo in Coppa Italia ha restituito al Cagliari la consapevolezza di poter dire la propria in questa stagione, grazie ai tanti nuovi innesti portati in rosa dal mercato. Per questo i rossoblù, guidati ancora da Rolando Maran, si preparano a dare il via al loro campionato contro la neo-promossa Brescia, sperando di agguantare i primi tre punti di questa annata.

LE DICHIARAZIONI DI MARAN

Sulla squadra: “In questo momento abbiamo una gran voglia di iniziare, c’è l’emozione di partire per una stagione così particolare. Il Cagliari deve vivere un anno coi fiocchi. Ho una squadra molto competitiva, ma dobbiamo dimostrarlo in campo. Sono arrivati giocatori che hanno alzato il tasso tecnico. In passato ho avuto squadre non di prima fascia e sono arrivato ottavo o nono. Spero che a fine anno si dica che questa è la mia squadra più forte. Non ci fissiamo obiettivi di punti: guardiamo a ogni singola partita

Sulla formazione di domani: «Formazione? Mi tengo sempre qualche margine di dubbio per l’ultima notte ma ho le idee chiare. Nainggolan probabilmente giocherà di nuovo da play. Nandez è arrivato da poco. Come condizione è a posto anche se deve abituarsi al caldo. Avrebbe bisogno di qualche allenamento in più ma può essere occasione per vederlo in campo e magari dal primo minuto. Castro? È tornato in gruppo mercoledì. Me lo porto sicuramente in panchina. Pinna? È possibile che parta titolare, vedremo».

Sul match contro il Brescia: “Siamo riusciti a lavorare sulla partita più che su altre cose, ho trovato grande partecipazione e la consapevolezza di un campionato in cui buttarsi con entusiasmo. Con le neopromosse c’è sempre qualche insidia ma noi vogliamo vincere. Dobbiamo avere l’approccio giusto e trascinare il pubblico con noi”.

Sul grande ex Dessena: “Dessena è un ragazzo che ha dato tanto a questa maglia e sarà un piacere ritrovarlo e voglio cogliere l’occasione per ringraziare tutti quelli che ci hanno portato fin qua e che magari oggi non ci sono più. Sono convinto che Daniele avrà una bellissima accoglienza”.

Sul Brescia: “Il Brescia gioca in modo speculare a noi e viaggia sulle ali dell’entusiasmo per la promozione. Noi dobbiamo partire alla grande e non cadere in errori. Rispetto a domenica scorsa mi aspetto miglioramenti in tutti gli aspetti. Un anno fa sbagliammo inizio a Empoli, quell’esperienza ci deve essere da monito. Ora abbiamo giocatori caratterialmente più strutturati, dobbiamo gestire i momenti della gara in modo più consapevole”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy