Fiorentina, Montella: “Spero Ribery diventi il calciatore dell’anno. Castrovilli? Prima o poi sarà in Nazionale”

Fiorentina, Montella: “Spero Ribery diventi il calciatore dell’anno. Castrovilli? Prima o poi sarà in Nazionale”

Il tecnico viola ha parlato alla stampa alla vigilia del match casalingo contro l’Udinese.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby
Fiorentina, Montella:

Nella seconda era Montella, finalmente per la Fiorentina è arrivata la prima vittoria nello scorso turno di campionato. Tra alti e bassi, il tecnico viola è consapevole di poter fare molto meglio, a partire già dalla gara di domani contro l’Udinese, specialmente grazie all’aiuto di alcuni fiori all’occhiello della sua rosa. Su tutti, Franck Ribery e Gaetano Castrovilli.

LE DICHIARAZIONI DI MONTELLA

Sulla partita: “L’Udinese è una squadra che attacca. Servirà calma, pazienza, testa, determinazione e velocità. Non nasconde nessuna insidia la sfida, la reputo una partita difficile. Dovremo mettere in campo la stessa determinazione, la stessa adrenalina e lo stesso timore che abbiamo messo nelle precedenti settimane. Abbiamo cominciato a camminare adesso, per correre ci vorrà pazienza. Dobbiamo continuare su questa strada”.

Su Ribery: “Gli facciamo i complimenti per essere stato il migliore calciatore della Serie A nel mese di settembre e speriamo possa diventare il calciatore dell’anno. È abituato ai premi, ma non sapevo che non giocasse 5 partite consecutive dal 2014. Dobbiamo metterlo nelle condizioni di farlo rendere al meglio”.

Su Pedro: “Sta meglio e sta crescendo. È indietro dal punto di vista della continuità, ma si vede in allenamento che ha grandi qualità. Forse andrà in Nazionale: spero che lì giochi e che possa crescere fisicamente. Non sarà con la Primavera, visto che partirà lunedì. Lo stiamo gestendo affinché non si faccia male. Non so se lo convocherò, aspetto l’allenamento di oggi.

Sulle condizioni della squadra: “A parte Pedro, stanno tutti bene. Un difensore ha qualche acciacco, ma spero che recuperi oggi”.

Sulla mancata convocazione di Castrovilli in Nazionale: “Era una possibilità, si sentiva nell’aria, ma non credo che il ragazzo ci sia rimasto male. Mancini sa cosa deve fare e credo che prima o poi lo convocherà”.

Sulla formazione: “Non ho tanti dubbi. Abbiamo provato alcune situazioni, ma non voglio dare anticipazioni, anche perché manca un allenamento”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy