Atalanta, Gasperini: “Zapata stratosferico, Muriel non ci sarà. Barrow e Ibañez …”

Le dichiarazioni di mister Gian Piero Gasperini alla vigilia del match con il Sassuolo.

di Mario Ruggiero, @MarioRuggi

Reduce dal bel successo sulla Roma, l’Atalanta allenata da Gian Piero Gasperini verrà ospitata dal Sassuolo domani sera con fischio d’inizio alle ore 20.45. Il condottiero nerazzurro ha rilasciato alcune dichiarazioni alla vigilia della sfida con i neroverdi.

LE PAROLE DI GASPERINI

Sulla possibilità di turnover in vista Champions: “Qualche pensiero è inevitabile che vada anche allo Shakhtar martedì, perché l’esordio in Champions League a Zagabria non l’abbiamo ancora digerito. Con la Fiorentina e la Roma abbiamo adottato cambi di formazione, perché sono necessari quando gli impegni sono così ravvicinati. Chi ha giocato a Roma in pratica si allena da oggi”.

Su possibili cambiamenti e situazione post-Roma: “In ogni caso per fare la squadra penso solo al Sassuolo. Oggi è un allenamentino, arduo capire chi abbia recuperato completamente. Ci sono tre giorni di margine tra Roma e Reggio Emilia, e poi altri tre sullo Shakhtar. Le valutazioni vanno fatte attentamente, specie dopo partite tirate. Gosens acciaccato, Toloi botta alla caviglia, Kjaer alla prima partita di club dopo mesi, Palomino ha fatto due partite tiratissime. Altrove non vedo particolari problemi. Il livello si alza solo giocando, anche solo uno spezzone di partita. Arana ne ha già guadagnati un paio. Ibañez e Barrow sono pronti a giocare dall’inizio, col Sassuolo potrebbero trovare spazio”.

Sul recupero di Muriel: “Muriel è desaparecido, aspettiamo che arrivi, ma oggi è il suo primo giorno in settimana e quindi non ci sarà domani sera”.

Sulla difesa che non ha subito goal contro la Roma e su Zapata: “Per me il gol non l’avevamo preso nemmeno col Genoa. Kjaer? È un nazionale danese con esperienza europea lunga di anni, è normale che abbia personalità. Era invece impossibile stabilire a priori, alla vigilia, se potesse disputare una prestazione di tale livello. Il merito è tutto suo: si trattava solo di buttarlo in campo. Zapata è in una condizione stratosferica. Già l’anno scorso era determinante, il miglior realizzatore. Quest’anno mi sembra sia addirittura superiore. Ha una forza e una qualità, nel gioco, negli assist e nei passaggi, anche nell’aiutare la squadra, assolutamente straripanti. Sicuramente è tra i top della serie A in attacco: si avventa su ogni palla con esuberanza”.

Su Malinovskyi: “Malinovskyi è stato un acquisto molto oneroso ma molto convinto. Luca Percassi l’ha voluto prendere con determinazione degna di nota. Credo abbia margini di miglioramento: ha un tiro importante e gli manca la fase realizzativa”.

Sul match contro gli emiliani:“Le partite sono così ravvicinate che non si fa in tempo a rivedere quella precedente. Col Sassuolovanno messe in campo le ambizioni giuste. I neroverdi hanno un attacco efficace che è migliorato, mentre gli altri reparti sono stati adeguatamente puntellati. Lo scontro va preso con le pinze e interpretato al meglio”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy