Conferenza Milan – Gattuso: “Kalinic è forte ma va sostenuto, Conti giocherà con la Primavera”

Il tecnico rossonero Gattuso ha parlato alla vigilia del derby, in programma domani sera, che chiuderà la giornata.

di Stefano Giustini, @Alobrasil74

Il mister rossonero Gennaro Gattuso ha parlato nella sala conferenze di Milanello in vista del derby di domani sera. Da Conti a Kalinic, per finire a Biglia, vediamo gli spunti più interessanti per il fantacalcio.

LE DICHIARAZIONI DI GATTUSO

Su Kalinic:Proteggo sempre i miei giocatori finchè hanno voglia e rispetto dello spogliatoio e dei compagni. Io posso dar loro anche il mio cuore e a Nikola continuerò a dare opportunità perché è forte, si deve riprendere. Al gol sbagliato da lui ho sperato di passare altrimenti lo avremmo perso, ma lui è forte ed è un attaccante vero. Ci ho parlato spesso ma non solo io, anche i suoi compagni. Questo trattamento non va solo a lui, anche a chi sta giocando meno. È questo il senso di appartenenza. E poi spero che San Siro mi aiuti e ci aiuti: André Silva e Kalinic vanno aiutati, meno fischi e qualche applauso in meno“.

Su Conti nel derby?No, assolutamente no. Si allena con noi e settimana prossima farà dei test. Prima di tornare in campo con noi, giocherà delle gare in Primavera. Spero di poterlo mandare in campo con la Primavera tra quindici giorni“.

Su Biglia:Un mese fa lo massacravate, ora è in crescita. Ma tutti sono migliorati, anche Kessie, Montolivo e Locatelli. Lo stesso Çalhanoglu, che è un attaccante, ma fa tutti i ruoli quando deve difendere. Quando parlo di difesa, lo deve fare tutta la squadra. I due esterni d’attacco scendono ad aiutare i terzini. Vero che la linea di difesa ora è stretta e compatta, ma perché tutti lavoriamo sodo”.

Se è preoccupato del rientro di Icardi nel derby:  “Assolutamente sì, è uno dei più forti al mondo. Si muove in maniera incredibile, pochi meglio di lui. Non sbaglia mai, è un cecchino. Se ha una o due occasioni non perdona mai. Ma anche Candreva e Perisic sono di altissima qualità. Dobbiamo stare molto attenti“.

Se la squadra ha recuperato le energie:Per come alleniamo noi, è simile a giocare una partita ma senza lo stress mentale. Credo che la squadra si pronta per il derby, abbiamo anche riposato e i ragazzi sono freschi. Non possiamo sbagliare e non c’è alcun alibi. Se vogliamo pensare alla Champions non possiamo sbagliare, è una finale. Ci giochiamo tanto, anzi, tutto“.

Ancora sul derby:  “Da giocatore potevo sfogarmi di più, da allenatore è molto più difficile. Dobbiamo essere umili, rispettosi nei confronti dell’Inter e coscienti di quello che dobbiamo fare. Loro possano ancora sbagliare, noi no. Dobbiamo fare le cose per bene e giocare senza il braccino. E non voglio sentire la parola stanchezza, nessun alibi. Voglio undici avvelenati“.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy