Conferenza Benevento, De Zerbi: ”D’Alessandro disponibile, Antei ha un’infiammazione . E su Iemmello…”

Indicazioni importanti quelle di mister De Zerbi, alle prese con diversi problemi di formazione

di Claudio Cutuli, @cutuli4

Giornata di conferenza pre-partita quella di venerdí per mister De Zerbi, Il tecnico si è soffermato sul momento negativo della squadra, ancora inchiodata a quota zero punti, facendo presagire un difficile ritorno al 4-3-3 per il prossimo match, a causa dei numerosi infortunati presenti in rosa. Incalzato dalle domande dei giornalisti, ha fornito anche importanti indicazioni sulle condizioni fisiche di un uomo chiave come Iemmello. Analizziamo insieme gli spunti che meritano di essere attenzionati in ottica Fantacalcio.

DE ZERBI SUL POSSIBILE CAMBIO MODULO:

”Recupereremo D’AlessandroAntei ha un’infiammazione al tendine mentre A.Costa sta provando a rientrare dopo il recente stop. Cambio modulo? A me piace avere una squadra che si sappia adeguare anche in base alle caratteristiche all’avversario, un po’ camaleontica. Giocare a tre o a quattro non determina un risultato positivo: bisogna saper interpretare bene il ruolo aldilà dei numeri”.

DE ZERBI SUL RUOLO IN CAMPO DI D’ALESSANDRO:

“È un giocatore di fascia quindi tra la linee fatica perchè non è il suo habitat naturale, ma può imparare facilmente a giocare in quella posizione a mio avviso. Potrebbe fare anche uno dei trequartisti dietro la punta , ma la zona dove si esprime meglio e con più continuità è il quarto di centrocampo. Vedremo in futuro.”.

DE ZERBI SULLE CONDIZIONI DI IEMMELLO:

Non sta bene, ha un problema al ginocchio ma non penso sia grave. Fisicamente era al 30-40% per questo non è stato convocato per Torino. In questo momento abbiamo bisogno di gente al cento per cento sia fisicamente che mentalmente. Meglio che si curi, sarà importante per noi in futuro ma adesso non sta bene”.

DE ZERBI SUL FATTO DI NON AVER FATTO ANCORA PUNTI:

“Fare punti ci darebbe convinzione, si potrebbe vedere una squadra sicuramente più coraggiosa e motivata. Per fare risultati, però, bisogna creare i presupposti e quelli dobbiamo crearli noi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy