Retroscena Faggiano: “Balotelli? Trattativa nata e morta, priorità era Inglese. Puntiamo tantissimo su Karamoh”

Retroscena Faggiano: “Balotelli? Trattativa nata e morta, priorità era Inglese. Puntiamo tantissimo su Karamoh”

Terminata la sessione estiva di mercato Daniele Faggiano, direttore sportivo del Parma, ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del Centro Sportivo di Collecchio svelando alcuni retroscena di mercato

di Mario Ruggiero, @MarioRuggi

Terminata la sessione estiva di mercato e a seguito dell’annuncio del suo rinnovo di contratto fino al 2022, Daniele Faggiano, direttore sportivo del Parma, ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del Centro Sportivo di Collecchio.

Di seguito alcune le sue dichiarazioni: “Se siamo qui è grazie a tutti a quelli che lavorano in società dietro le quinte; sapete bene che abbiamo tanti soci e cerchiamo sempre di confrontarci: dopo averlo fatto siamo sempre più compatti e uniti. Il nostro mercato è stato diverso dagli altri anni, la scorsa stagione eravamo una neopromossa, abbiamo dimostrato di potercela fare tutti insieme, abbiamo sofferto nelle ultime gare ma siamo riusciti nel nostro obiettivo. Abbiamo cercato in questa stagione di fare meno prestiti possibili o di fare prestiti che possiamo cercare di riscattare e portare a casa, facendo patrimonio con giocatori di proprietà. Allo stesso tempo abbiamo guardato all’oculatezza con pagamenti dilazionati negli anni e per questo ringrazio anche le società da cui sono arrivati i giocatori”.

Il direttore sportivo ducale prosegue: “Abbiamo cercato di abbassare l’età media della squadra, creando inoltre un mix tra giovani e gente d’esperienza. L’unico prestito secco è stato Kulusevski, abbiamo tentato di cercare un riscatto o un’opzione, ma l’Atalanta ha investito sul ragazzo; abbiamo però vinto la concorrenza di diverse squadre di Serie A per poterlo portare al Parma”.

Non solo affari in entrata, mercato pieno anche in uscita: “In uscita c’erano giocatori arrivati anche prima di me e D’Aversa, se non li avessimo avuti in rosa negli anni magari non saremmo qui a parlare di Serie A: mi riferisco a gente come Ricci, Simonetti, Nardi, Baraye”.

Sulle migliorie apportate alla rosa: “Abbiamo fatto diverse operazioni. Lavorando sodo tutti insieme siamo riusciti a concluderne sia in entrata che in uscita cercando di fare un mercato ci dia i ricambi giusti in caso di infortuni: l’anno scorso siamo andati in difficoltà anche per le assenze, quest’anno mi auguro ce ne siano il meno possibile, per fare in modo che i tifosi siano tranquilli”.

L’obiettivo minimo di Faggiano è la salvezza: “Mi auguro di fare un punto in più dello scorso anno, poi ovviamente l’ambizione c’è sempre e da parte di tutti. Il lavoro svolto per avere giocatori di proprietà come Grassi, Sepe, Inglese, Cornelius o Karamoh me lo ha permesso la società. Essere felici significa prima di tutto mantenere la categoria. L’ambizione non manca, vogliamo fare tutti bene e non soffrire”.

Sull’operazione Darmian: “Darmian come operazione arriva da lontano, se ne era parlato, si era detto fosse poco possibile per le cifre e magari perché il giocatore non era certo si potesse muovere dall’estero, poi insistendo e lavorandoci si è arrivati in dirittura d’arrivo, quando la notizia è uscita era in realtà da tanto che se ne parlava. Sono felice, anche il Mister lo è per aver riportato in Italia un Darmian che vuole riconquistare la nazionale e dunque ha uno stimolo in più. Gli svincolati? Prendendo Darmian abbiamo fatto un grosso sacrifico, il mercato è chiuso, spero tutto vada bene e non si abbia bisogno numericamente di un difensore, chi c’è deve farsi trovare pronto per giocare. Munari e Siligardi sono fuori lista, per le operazioni in uscita si lavora tra le parti, società e calciatore, che valutano assieme cosa fare. Al momento c’è questa situazione”.

Su Balotelli: “La trattativa è nata e morta, il giocatore ci piaceva, ma il nostro primo obiettivo era Inglese, abbiamo lavorato molto per portarlo qui: la prima cosa fondamentale dell’operazione Inglese è stato lo stesso Roberto e il suo agente, poi noi e il Napoli eravamo sullo stesso piano, ma la volontà del calciatore è stata importante, fino alla firma c’è stata qualche squadra che ha offerto anche di più, ma i buoni rapporti hanno fatto sì che il Napoli non si scomponesse e anche Roberto non si è scomposto”.

Molti giocatori sono rimasti: “La mia fortuna è stata che certi giocatori volevano restare a Parma. Gervinho? Si sono avvicinati intermediari, non abbiamo ascoltato offerte né noi, né gli agenti né lo stesso Gervinho. Tutti ci sentiamo più responsabili ogni anno che passa, come lo scorso anno quando ci davano tutti per spacciati. Noi abbiamo voglia di fare sempre meglio con meno errori possibili, ora è tutto bello, ma i complimenti li vorrei a giugno e non ora”.

Su Karamoh: “Deve diventare importante per noi, ha le qualità per essere importante in Serie A, ci crediamo tanto, dobbiamo metterlo nelle condizioni giuste per lavorare, deve essere sempre positivo. Non lo abbiamo proposto a nessuno, ce lo teniamo stretto”.

Infine, sul rapporto con l’Inter, in merito agli affari degli scorsi anni con Bastoni e Dimarco e Karamoh quest’anno: “I rapporti con l’Inter da parte mia ci sono sempre stati, ora con il Parma si sono intensificati grazie alla serietà della nostra società: con Bastoni e Dimarco ora l’Inter può lavorarci sapendo di avere giocatori con più presenze nella massima serie, loro hanno visto come lavoriamo e il rapporto si è rafforzato”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy